A Interpol - Atlantico Live -Roma 30/05/11

Interpol - Atlantico Live -Roma 30/05/11

Alla fine ce l’hanno fatta. Già da qualche anno ormai, non sono certo io a scoprire l’acqua calda. Io però li avevo lasciati nel 2002 in un piccolissimo club della zona Ostiense a Roma. Non più di cento spettatori stipati all’inverosimile, pigia pigia e tanfo d’ascelle pezzate non sono l’unico ricordo sopravvissuto alla serata, quello era il concerto di una band in ascesa, la più chiacchierata del momento, per quell’unica data capitolina furono molti gli astanti costretti a rimanere fuori (per motivi di sicurezza) da Il Classico Club di Via Libetta.

Ritrovo gli Interpol in una calda serata di fine maggio 2011 e in una venue di media capacità come l’Atlantico Live (3.500/4.000 spettatori), con un pubblico accorso esclusivamente per loro, non siamo nell’ambito di un festival e non esiste neanche il gruppo di supporto. Perbacco, deve essere una bella soddisfazione, specialmente dopo tutte le chiacchiere spese riguardo l’inevitabile calo della loro produzione discografica a seguito del miracoloso disco d’esordio. Uno dei dischi cardine del decennio 2000 (vedi classifica stilata dalla redazione di SdM ma non solo), e scusate se è poco! Gli Interpol sono cresciuti e non solo anagraficamente, alcune ingenuità del passato sono scomparse, ora la voce di Paul Banks è sempre perfettamente intonata e non smarrisce il piglio profondo e teatrale neanche durante l’ultimo degli encore.

Il set si apre alle 21.40 con i sedativi riverberi di Success tratta dall’ultimo omonimo album, seguita a ruota da Say Hello To The Angels (uno dei pezzi forti di Turn On The Bright Lights - 2002) e Narc (Antics - 2004).

I pezzi dell’ultimissimo lavoro riescono a non sfigurare al cospetto delle perle del quartetto newyorkese, se non altro è questa la sensazione che ho mentre tento di catturare lo sguardo della gente dall’alto della mia posizione, arroccata sulle scalette della balconata: la già citata Success, Barricade e soprattutto le dilatazioni ipnotiche di Lights sono seguite dal pubblico con la stessa attenta partecipazione riservata ai gioielli del passato, meno convincente è la resa di Summer Well, un momento di empasse spazzato via rapidamente dai classici NYC e Hands Away; il terzo album della band Our Love To Admire (2007) è rappresentato dal singolone The Heinrich Maneuver nonchè da una delle tracce preferite di chi scrive: la marziale Rest My Chemistry.

Prima di congedarsi per un break è tempo di Slow Hands, le chitarre di Banks e Daniel Kessler si incrociano in perfetta simbiosi e Sam Fogarino dietro i tamburi ha la precisione di un orologio svizzero, il pubblico si rende conto di trovarsi di fronte una macchina perfettamente oliata e dalla mia posizione non posso non scorgere qualche avvisaglia di fanatismo (in realtà era il putiferio). Il ritorno sul palco è segnato da una chicca tratta dal primo EP rilasciato per la Matador: Specialist, seguita dagli strappi nevrotici di Evil che conducono al crescendo suggestivo di Not Even Jail. Obstacle 1 è l’ideale epilogo di un concerto decisamente riuscito. Sono le 23.05, domani è giornata lavorativa non c’è tempo per l’after hour: “che facciamo mangiamo qualcosa?”, “ma PDA, Leif Erikson e Stella non le hanno fatte? Che odiosi ‘sti Interpol”. Cappuccino e cornetto in un bar zona laghetto dell’Eur.

C Commenti

Ci sono 3 commenti. Partecipa anche tu alla discussione!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.

target alle 10:23 del 2 giugno 2011 ha scritto:

Ma Leif Erikson non l'hanno fatta?

Di loro live (mai visti) ho sempre sentito voci contrastanti, più negative che positive. Bello sapere dal Paul arroccato che "alla fine ce l'hanno fatta". Vengono pure all'Heineken, 'stanno. Ma assieme a Elbow e Verdena suonano pure Negramaro e Fabri Fibra. Nunsepoffà.

ozzy(d) alle 13:25 del 2 giugno 2011 ha scritto:

ma al basso c' é ancora dave pajo? è caduto proprio in basso ghghghgh

Dr.Paul, autore, alle 18:26 del 2 giugno 2011 ha scritto:

no pajo non c'è più, ora c'è lex secret machines!

targ era la voce ad essere insicura in passato, ora i problemi sembrano ben risolti. riguardo i festival troppo dispersivi per i miei gusti!