A Summersound e Labrador Records: alla ricerca del Suono della Giovane Svezia - pagina 1 di 2

Summersound e Labrador Records: alla ricerca del Suono della Giovane Svezia (1/2)

Ci sono molti modi per cominciare a parlare della Labrador Records, una delle label che hanno permesso al pop svedese indipendente di divenire una delle più grandi e creative fucine della musica contemporanea.

È necessario però fare alcune premesse, intanto il luogo: ci troviamo a Stoccolma negli anni '90 ed un giovane, Johan Angengard, innamorato del guitar popanni ‘80 , C86 ed anorakpop, decide assieme a due membri del suo gruppo, gli Acid House Kings, provenienti dalla piccola e gelata cittadina di Ahus, di fondare una piccola etichetta indipendente, la Summersound (e già il nome è di per sè velatamente esplicito) per selezionare e proporre il miglior pop della Svezia ai molti, come loro legati a quei suoni poppettosi, spensierati e leziosi. La scelta è di realizzare soltanto produzioni autoctone e di mantenere un certo criterio di assonanza musicale nella scelta delle band. Prima tra tutte ad esser contattata, e prima uscita ufficiale sarà la raccolta "A Decade in Pop" (1998) degli Happydeadman , storica guitar pop band di Stoccolma nata alla fine degli anni ‘80.

L'avventura della Summersound prosegue nel corso degli anni prendendo sottobraccio numerosi gruppi, poi veri e propri simboli Labrador, come Club 8 (dove milita lo stesso Johan, oltre che nei fantastici Poprace distribuiti dall'etichetta spagnola Elefant Records), Edson, The Legends, ed ovviamente gli stessi Acid House Kings. Questi utimi avranno riscontri positivi anche negli States, grazie al supporto di un'altra gloriosa label, la Shelflife che deciderà intelligentemente di distribuire il loro bellissimo secondo album Advantage Acid House Kings (1997).

A contribuire alla compagine indiepop svedese vi è una fantastica selezione eseguita dallo stesso Johan, che vede dare alla luce a partire dal 1999 a delle compilation denominate azzeccatamente "The Sound of Young Sweden" a cui partecipano gruppi di altre case discografiche (Shelflife, Siesta, Up Records,..ecc.) ma con la stessa affinità musicale, gruppi strepitosi nella prima uscita, come The Leslies, Edson, The Concretes, The Shermans, Happydeadman. Caratteristica principale di queste compilation è l'amore per i ritmi estivi, la liberatoria leziosità, e per quel scintillante suono ricco di riferimenti al twee pop'80 e '90 sapientemente congiunto ai gloriosi gruppi della madrina di tutte le etichette indipendenti, la Sarah Records di Bristol.

Seguiranno altre tre freschissime compilation, la seconda nel 2001 può far affidamento sui caldi suoni elettropop dei Melodika, l'effervescenza dei Nixon e la dolce vocina di Lasse Lindht (il quale assieme al suo produttore Claes Bj Orklund forma nel 2002 il duo synth pop dei Tribeca).

La terza compilation vanta dei nomi che saranno gruppi di punta della Labrador e delizieranno per creatività e sensibilità come Starlet, Chasing Dorotea e The Radio Dept (il loro debut album "Lesser Matters" confezionato dalla Labrador sarà uno dei capolavori indie pop del 2003).

Per approfondire: http://www.storiadellamusica.it

C Commenti

Non c'è ancora nessun commento. Scrivi tu il primo!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.