V Video

R Recensione

7/10

Sigur Rós

Inni

I Sigur Rós sono un gruppo veramente originale nella scena mondiale. Pubblicano dischi dai lontani anni '90 ed hanno contribuito ad influenzare molte band della scena odierna. Hanno la capacità di saper emozionare ed è un grande pregio che tengono. Da più di 3 anni non pubblicano un nuovo album, una pausa voluta dalla band per stare vicino ai propri familiari. Solo Jonsi lo scorso anno ha pubblicato il suo secondo disco solista. Nessuna crisi in vista però, a quanto pare. Ed ecco che a fine 2011 vediamo la pubblicazione di un live, datato 2008, all'Alexandra Palace di Londra. Una location di quelle speciali, ideale per un gruppo veramente originale come i Sigur Rós. La confezione in vendita (ad un ottimo prezzo aggiungerei) di “Inni” è composta da 4 vinili, due CD e un DVD contenete un film-documentario della serata in questione, girato da Vincent Morisset. Il live è quasi un amarcord della carriera dei ragazzi islandesi. 14 brani che toccano e ripercorrono tutti i lavori, dal lontano e acerbo “Von” all'ultimo “Með Suð I Eyrum Við Spilum Endalaust”. Un viaggio lungo 14 anni.

Ed eccoci oggi a parlare di questo “Inni” (tradotto: Dentro) come un disco che avvalora l'eccezionale tenuta dal vivo del quartetto nordico. "Svefn-g-englar" si apre con un rumore di un vulcano in eruzione, ed acclamatissimo inizia un brano lungo più di 10 minuti. Ma il concetto del tempo non deve spaventare, semmai colpisce come esso viene scandito, tra il ritmo della batteria lento e lo stridulo della chitarra di Jonsi. Giusto il tempo di immergersi nella magia dei suoni e dalla voce in semi-falsetto. Basterebbe chiudere gli occhi per lasciarsi trasportare in questo viaggio che inizia, prima lento, per poi trasformarsi impetuoso. Con "Glósóli" si continua a navigare tra i classici dei Sigur Rós. Anche qui si sentono le atmosfere dolciastre, sfregiate da un ritmo che aumenta di tensione giro dopo giro. Da brivido. "Ný batterí" tenta di inasprire i toni, che si raddolciscono con la bellissima piano e voce di "Fljótavík". "Við spilum endalaust" (tratta dall'ultimo album) e "Hoppípolla" sembrano infiammare ancor più l'atmosfera. Fiamme e ritmo che rimangono inalterate con lo scorrere dei brani (vedi le successive "Með blóðnasir" e "Inní mér syngur vitleysingur"). "E-Bow" con la sua marcia lenta e tesa chiuse il primo disco dei due dischi di “Inni”.

La seconda parte inizia con i rumori distorti che preludono la splendida e sognante "Sæglópur". Anche qui abbiamo un altro episodio dello stato di grazia di Jonsi e soci stavano attraversando quella sera. Segue l'incantevole esibizione di "Festival" e la vecchissima "Hafsol" tratta dall'ormai lontanissimo “Von” del 1997. "All Alright" sembra cullare il pubblico prima di "Popplagið", in una versione live che tocca i 15 minuti e che esplode con la sua coda. “Inni” si conclude con l'inedito in studio "Lúppulagið". Un brano ambient che quasi sembra anticiparci il futuro corso dei Sigur Rós. Speriamo di scoprilo presto. Intanto nell'attesa, questo live sembra ricordarci chi sono stati nel corso degli anni, se non una delle band migliori nel panorama mondiale dell'ultimo decennio.

V Voti

Voto degli utenti: 7,3/10 in media su 6 voti.
10
9,5
9
8,5
8
7,5
7
6,5
6
5,5
5
4,5
4
3,5
3
2,5
2
1,5
1
0,5
emil_var 8,5/10

C Commenti

C'è un commento. Partecipa anche tu alla discussione!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.

skyreader (ha votato 7 questo disco) alle 12:47 del 7 gennaio 2012 ha scritto:

Ottimo live album... deludente il live video

Disco live davvero di grande spessore: persino brani poco convincenti nelle versioni in studio degli ultimi due album(specialmente quelli tratti da Með Suð Í Eyrum Við Spilum Endalaust), qui acquistano ben altra dimensione. Deludente invece il video: buona l'idea di fare una cosa più "artistoide" rispetto alle quintalate di live DVD, ma il risultato alla fine è poco godibile. Incredibile come possano aver messo in circolazione persino un blu-ray di un filmato (soli 75 minuti di concerto) in bianco e nero, molto spesso volutamente sgranato. Non condivido la scelta che pare, fra l'altro, ricalcare quella dei "antagonisti" Mogwai nel live "Special Moves".