R Recensione

5/10

To Rococo Rot

ABC123

Con quale intento può essere stato generato questo ABC123 dei berlinesi Rococo Rot?

Quello di aderire ad una qualche avanguardia minimalista? Improbabile …

Improbabile perché queste otto brevissime “composizioni” non sembrano essere molto all’avanguardia, anzi, sembrano piuttosto essere delle cattive imitazioni di roba che si faceva già 20, 30 anni fa.

Insomma, avete presente John Cage? O anche solo i Tortoise, i Kraftwerk o i Neu? Beh, i nostri Rococo sicuramente hanno le loro radici in questi nomi, ed in passato li hanno anche onorati. Ma questo nuovo lavoro risulta essere oltremodo deludente: ad essere cattivi parrebbe quasi una raccolta di suonerie polifoniche per cellulari.

Ad essere più buoni invece sembra solo che i nostri siano nel bel mezzo di un vuoto creativo, di una crisi artistica.

E i pezzi dell’album lo dimostrano eloquentemente.

Da Freitag in poi le nostre orecchie sentiranno solamente sovrapposizioni più o meno banali di effetti elettronici, suoni digitali e successioni di loop ghiacciati che prendono spunto vuoi dalla techno (Ivx), vuoi da una sorta di elettro pop (Enigma).

Ci sono poi pezzi come Abc che tentano di imitare, non riuscendoci, i primi esperimenti elettronici di Stockhausen, mentre i brani rimanenti mettono insieme tutto questo: minimalismo, elettronica, techno, dance, un po’ di sperimentazione…Ma senza produrre assolutamente nulla di nuovo e rimarchevole.

Senza dubbio il lavoro è eseguito con un rigore ed una solidità architettonica che riescono a far intuire di essere di fronte a dei professionisti, ma purtroppo è il progetto stesso ad essere fallace, non la sua realizzazione.

Alla fine quello che abbiamo di fronte è un puro esercizio di stile esageratamente freddo e rigoroso, un semplice riempitivo di una carriera alla ricerca di nuove strade, un esperimento scientifico di pulizia formale senza però nessuno sbocco estetico, e dunque artistico.

Non ci resta allora che aspettare che i Rococo Rot riescano a superare la loro temporanea crisi, o a decidere quale sia la direzione da prendere, di cui forse questo criptico ABC123 è solo un primo passo.

p.s. la brevità della recensione è un modo per adattarsi ai 20 minuti di durata ed allo spirito coinciso di questo lavoro.

V Voti

Nessuno ha ancora votato questo disco. Fallo tu per primo!

C Commenti

Non c'è ancora nessun commento. Scrivi tu il primo!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.