R Recensione

8/10

Odawas

Raven And The White Night

Secondo album per il trio di Bloomington, Indiana. Raven And The White Night svelanove pezzi indolentemente fluttuanti, scuri ed atmosferici, che si muovono su beat lenti e trascinati e godono di lunghi ed evocativi strumentali.

Si tratta di post rock in qualche forma evoluta, darkblueseggiante ed ambientale, quasi colonna sonora badalamentiana a volte, ed altre propenso a consistenti frequentazioni psichedeliche.

Così è quando Mike Tapscott intona le sue scarne melodie sospese con appeal sydbarrettiano, sognante tra epica e malinconia, ma anche quando si stagliano sui riverberi l’armonica di The Ice, o l’hammond cruciale di Getting To Another Plane. Alleluja invece sguaina un tema fischiettato da Morricone nello spazio profondo, mentre Barnacles And Rustic Debrismanifesta attitudini ad un folk dopato che suggeriscono devozione a papà Neil Young.

La tavolozza espressiva predilige chitarre dallo stanco incedere ritmico oppure blandamente arpeggiate, corruschi e ondeggianti archi virtuali e brevi frasi di un pianoforte sobrio e cristallino.

Il drumming scorre morbido, tendenzialmente climatico e distante. Qua e là occhieggia l’elettronica, che domina nell’inopinata Love Is…, ma è per il resto trattata coloristicamente, con garbo e definizione. L’esecuzione è viva, partecipata, ricca di dinamica, sensibile a sfumature e chiaroscuri.

Paesaggi perduti, si potrebbero definire, litanie e ricordi vissuti accasciati sul divano dopo l’ennesima canna tardoadolescenziale, qui ripercorsi con gusto sopraffino ed arte appassionata.

V Voti

Voto degli utenti: 7,8/10 in media su 11 voti.
10
9,5
9
8,5
8
7,5
7
6,5
6
5,5
5
4,5
4
3,5
3
2,5
2
1,5
1
0,5
biuck 10/10
REBBY 8/10
gogol 5/10
londra 7/10

C Commenti

Ci sono 4 commenti. Partecipa anche tu alla discussione!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.

Peasyfloyd (ha votato 9 questo disco) alle 10:09 del 27 aprile 2007 ha scritto:

Grande album

Io avrei messo maggiormente in risalto l'influenza dei Pink Floyd maturi, quelli che vanno da Ummagumma a Meddle.

biuck (ha votato 10 questo disco) alle 20:58 del 20 gennaio 2008 ha scritto:

che album...

capolavoro, album da brividi...

Hexenductionhour (ha votato 9 questo disco) alle 21:24 del 13 marzo 2011 ha scritto:

sognante

album immenso...suoni senza tempo ne spazio ma che allo stesso tempo riportano alla mente mille sensazioni,musica celestiale.

Hexenductionhour (ha votato 9 questo disco) alle 21:39 del 13 marzo 2011 ha scritto:

c'è anche qualcosa di Nick Drake nascosto tra le sonorità di quest'album