V Video

R Recensione

7/10

Orfeo

Sangue EP

Da Milano, Federico Reale -in arte Orfeo- sembra pronto per calcare le scene del nuovo cantautorato italiano. La prima prova la affida all'Ep Sangue, capace in sole cinque tracce di dar prova di grande maturità espressiva. Le canzoni di Reale condividono tutte la stessa eleganza, confezionate dosando sapientemente arrangiamenti, tempi, respiri. Certo, non mancano le influenze esterne: c'è Dente, c'è Brunori, c'è la meteora Massimo Saccarola, ma Orfeo riesce a far convergere l'attenzione sull'unicità della proposta, che si dispiega senza ansie da prestazione, giocandosi con calma gli assi nella manica.

Si diceva: eleganza. Ed è proprio questo elemento a contraddistinguere il lavoro di Federico Reale. Invece di sfruttare facili scorciatoie retoriche, ammiccando a questa o a quella tendenza, Sangue sembra essere frutto di un attento lavoro di cesello realizzato grazie al supporto, in fase di arrangiamento e produzione, del bassista Federico Bortoletto e del chitarrista Filippo Corbella. La prima “Neve”, ad esempio, si costruisce pian piano sui delicati fraseggi tra chitarre e tastiere, mentre la sessione ritmica (Marco Chrappan alla batteria) puntella il brano con grazia. Stesso discorso per le liriche: mai sopra le righe, ma dosate e ricercate. E se “Colore” esce dal torpore con un'impennata strumentale magniloquente (dai richiami internazionali, gli stessi che troviamo nelle parti di chitarra elettrica di “Canzone dell'Erica”), “Quella Triste” torna alla quiete con una dolce ballata a base di arpeggi di acustica e armonizzazioni d'elettrica. Si chiude con “Sangue”, acquerello autunnale che si struttura su un lento e vincente sviluppo melodico, dove l'accompagnamento sostiene splendidamente la tensione malinconica.

Solo un assaggio, dunque, ma più che sufficiente per mettere l'acquolina in bocca. Non resta che aspettare il confronto di Orfeo con il formato LP, sperando di vedere ulteriormente sviluppate le intuizioni qui abbozzate.

V Voti

Nessuno ha ancora votato questo disco. Fallo tu per primo!

C Commenti

Non c'è ancora nessun commento. Scrivi tu il primo!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.