V Video

R Recensione

10/10

Tom Waits

Swordfishtrombones

Come tonfi nel buio, cadono gocce di acqua sporca da una vecchia scala, luci riflesse sull’asfalto bagnato e ombre disegnano lugubri mostri sui muri. Come ogni sera, giungo sino alla fine del vicolo morto, accompagnato dal suono dei passi, mi fermo, osservo il suburbio e ascolto il rumore: una meccanica di rumori.

Esce, questa, come ogni sera, dallo stesso tombino; forse la scoprirò, forse è la notte giusta. Scopersi il tombino, così, come il Lupo della steppa, il mio Teatro Magico, ed entrai in un mondo da cui difficilmente sarebbe stato possibile fare ritorno.

E così, come un organetto a pompa, un bandoneon da rigattiere, un piano a rulli in movimento, questo Swordfishtrombones diviene, in men che non si dica, un punto di non ritorno nella carriera acustica della mia, come penso di ogni, individualità. Se non si è pronti è meglio diffidare, la prima sensazione che gli si deve è quella di un tubo di sfiato che erompe intere nuvole, densissime e grigie, di vapore acqueo in volto, il segnale del vaporetto alla partenza, suonato nelle orecchie.

Dimenticate presto il Tom Waits dei primi tempi, quello della struggente Martha (perla eccezionale che da sola vale l’acquisto di The Heart of the Saturday Night), dell’onirica Grapefruit Moon, della lucernaria Midnight Lullabies e così di molte altre; dimenticatelo, scordatevi tutto.

Già dal titolo scoraggiatevi, lasciate ogni speranza di capirci qualche cosa, sentite già nell’aria l’avvicinarsi di personaggi sghembi, notturni, stralunati, che escono dalle proprie tane, dalle bettole, dai rifugi, e si radunano quando gli altri s’abbandonano alle Braccia di Morfeo, che raccontano storie di periferie, di ponti visti dal basso, di solitudine e esistenze randagie, che non dovrebbero solo affascinare nel loro fascino sbilenco, ma far riflettere. Non va dimenticato, Tom Waits con la trilogia Swordfishtrombones - Rain Dogs - Frank’s Wild Years, di cui quest’opera è la Parte Prima, si delineerà definitivamente, con le proprie incertezze, con le storie marginali che racconta, che raccontano la vita al bordo, come spina nel fianco del glorioso e fierissimo modello statunitense (significativo il bozzetto di In The Neighbourhood).

Queste storie troppo spesso nascoste dagli inutili entusiasmi di una società apparente e vanesia, rimaste per anni sull’orlo del precipizio e della disperazione, vennero con Waits portate sulla scena, agli occhi di tutti, anche di chi non voleva vederle. Nel 1983 si presentò così uno Waits, diverso, redento, un po’ meno personaggio delle proprie canzoni, ma miglior ricamatore, creatore di visioni ancor più cupe e surreali; e se già era parso come naturale prosecuzione del post-Beat, con questa trilogia vennero portati alle estreme conseguenze alcuni aspetti di quella eredità, condotti al delirio, e, allo stesso modo, ne vennero marcate definitivamente le distanze. Prima di entrare appieno nell’opera, è doveroso ricordare almeno gli altri due titoli della trilogia a cui, sino a questo momento, si è fatto riferimento. Rain Dogs (1985) è dal punto di vista della eterogeneità la punta più alta di questo trittico e probabilmente uno dei vertici dell’intera produzione waitsiana.

Seguirà a distanza di altri due anni, Frank’s Wild Years, una stramberia che ha accompagnato negli anni la losca sagoma di Tom Waits, nato come un progetto teatrale, cresciuta come proposta cinematografica affidata alle mani di Jim Jarmusch, approdata, infine, in uno degli album più sensazionali e obliqui che siano passati per le nostre orecchie.

Con questi tre lavori e in particolare con quest’opera prima, Tom, inizia a rielaborare a fondo il proprio stile sonoro, scuotendo, storpiando, sbattendo gli strumenti che vengono rimischiati e perduti l’uno nell’altro, in un meltin’pot da cui solo la voce pare uscire con una linea di registrazione più curata, ma non meno cavernosa. La forma canzone allo stesso modo viene scissa, deformata, fratturata, amalgamata, talora non se ne riconosce neanche l’esistenza, talora a suonare sono strumenti più adatti alla bottega di un artigiano che ad uno studio di registrazione.

Si entra nel tombino e subito si è rapiti da un mondo a luci spente in cui l’aria si fa calda e umidiccia, maleodorante, ricca di aromi, tutti intensi e sgradevoli. Si passa dalla dozzinale Underground, per la livida Shore Leave, sino alle allucinazioni felliniane di Dave The Butcher. Poi, ogni tanto un’apparizione: la luce di qualche fanale taglia il viso contorto di un vecchio derelitto, un muso che digrigna i denti in esprimibili espressioni animalesche, illuminazioni, epifanie tombali. Percorsa questa lunga coltre di buio si sbuca in un grigio cimitero e si ritrova, figura tra le più amate da Waits, un soldato, un soldato coricato sulla tomba dell’amata, a districare con le dita i capelli che ricorda come le fosse dinanzi.

Ed è il momento di Johsburg, Illinois o Soldier’s Things, il momento dell’intimità più raccolta, la grazia che può salvare il cuore. Si sale e si scende per cunicoli suburbani (Swordfishtrombone, Gin Soaked Boy), in un marasma di sensazioni, di sotto e sopra, sobrio e ubriaco (Just Another Sucker On The Vine), urbano e selvatico, deserto e metropolitano. Dipinge con i colori di Chagall e fa parlare i suoi personaggi con le parole di Bukowski e Burroughs, Tom Waits, pare l’unico a saper inventare un universo musicale di rumori paralleli, colto, onirico eppure realistico, gretto, intimamente legato alle realtà più tumide della vita. L’unico a mischiare sentimenti e compassioni, armonie e rumore, rischio e poesia, aspetto non banale quest’ultimo, l’unico a tentare qualcosa di realmente diverso e sinceramente disinteressato.

Chiosa a meraviglia uno dei suoi celebri aforismi: “Preferisco un fallimento alle mie condizioni, che il successo alle condizioni degli altri.” Questo è, ancora oggi, Tom Waits.

V Voti

Voto degli utenti: 9,2/10 in media su 33 voti.
10
9,5
9
8,5
8
7,5
7
6,5
6
5,5
5
4,5
4
3,5
3
2,5
2
1,5
1
0,5
londra 10/10
Belzebù 10/10
lev 9/10
rael 8/10
loson 9/10
Jokerman 10/10
krikka 9/10
Cas 8/10
magma 10/10
REBBY 10/10
cesare 8/10
motek 5/10
ThirdEye 9,5/10

C Commenti

Ci sono 12 commenti. Partecipa anche tu alla discussione!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.

Cas (ha votato 8 questo disco) alle 12:50 del primo marzo 2008 ha scritto:

l'ho comprato da poco

sei euro davvero ben spesi...

fabfabfab (ha votato 10 questo disco) alle 12:37 del 10 luglio 2008 ha scritto:

Cas, 6 euro l'hai pagato? Cazzo, fai un vaglia postale a Tom e mandagliene almeno altri venti.

Jokerman (ha votato 10 questo disco) alle 2:00 del 10 settembre 2008 ha scritto:

Capolavoro Assoluto! Dall'inizio alla fine, senza un attimo di tregua...impossibile uscirne indenni.

loson (ha votato 9 questo disco) alle 10:01 del 27 settembre 2008 ha scritto:

Non ho mai avuto un debole per Waits, ma questo dischetto qui è davvero splendido.

lev (ha votato 9 questo disco) alle 13:12 del 30 gennaio 2009 ha scritto:

questo è un disco icredibile !!! solo rainbirds varrebbe l'acquisto del cd. certo qualcosina non mi convince del tutto, x questo non gli do 10, però averne di roba così. se poi penso che l'ho pagato 6,99 euro, godo ancora di più.

nikbonn (ha votato 9 questo disco) alle 14:12 del 30 gennaio 2009 ha scritto:

la svolta

La svolta musicale di Tom Waits, l'eccezionale spartiacque che divide la sua carriera tra la fuomosa jazzeggiante prima parte e la sperimentale seconda. Un album da ascoltare assolutamente.

Sarebbe da 10 se non avesse fatto nel 1999 Mule Variations, che probabilmente è ancora migliore di questo e si merita il massimo dei voti.

Claudio_Santoro (ha votato 10 questo disco) alle 16:18 del 6 aprile 2011 ha scritto:

Imprescindibile

Un disco che non rappresenta soltanto la svolta musicale di Waits, ma anche di un certo modo di fare musica e nella mi stessa vita!

C'è solo una piccola imprecisione nella rece: "Martha" credo che sia del disco Closing Time e non da The Heart Of Suturday Night.

dalvans (ha votato 8 questo disco) alle 15:46 del 23 settembre 2011 ha scritto:

Buono

Buon disco

magma (ha votato 10 questo disco) alle 8:21 del 3 marzo 2012 ha scritto:

Eh, be se non di da il massimo a questo disco (e al successivo) di zio Tom...

Arianna Mancini (ha votato 10 questo disco) alle 15:29 del 29 maggio 2013 ha scritto:

Capolavoro!

FrancescoB (ha votato 9,5 questo disco) alle 13:12 del 30 maggio 2013 ha scritto:

Fra le tante gemme della sua carriera, questa brilla più di tutte. Il miglior Tom, depravato, genialmente irrisolto, onnivoro e pure toccante.

classicsor alle 17:01 del 10 agosto 2013 ha scritto:

Mamma che disco... dalla prima all'ultima nota, ECCEZZIONALE