V Video

R Recensione

8/10

Mojomatics

Songs for Faraway Lovers

...ed approda a questo “Songs For Faraway Lovers”, il carrozzone sgangherato dei due Mojomatics, sferragliando sull'autostrada 61 e attraversando a perdifiato le sterminate praterie del country-blues. Trascorsi gloriosi nel garage rock, giunti alla terza prova i Mojos addolciscono leggermente il loro suono, ma del garage mantengono sintesi e tiro, a creare una sorta di bignami multicolore del rock anni '60, condensando quanto di meglio quegli anni hanno saputo trasmettere ai posteri.

Rock venato di country e tinto di blues, alla maniera dei Rolling Stones e degli Yardbirds più classici, attitudine proto garage, e scarne quanto immediate sequenze sulle orme dei Kinks, organetto e armonica a spingere e talkin' blues dylaniani, chorus a tradimento e colpi di scena melodici nel solco di Beatles e Box Tops. Lunghezza media dei pezzi: tra i 2 e i 3 minuti. L'America riletta dall'Inghilterra ri-riletta all'Italia. C'è tutto questo è molto di più, in questo “Songs For Faraway Lovers”, uno di quei dischi che ti riconcilia con la tradizione del rock e che ti spiega perché, non sempre, la parola revival deve suonare come una parolaccia.

Un disco che parte bene e finisce meglio, roda un po' e a metà strada decolla definitvamente, con una sequenza da brivido: il country-blues a-rotta-di-collo “Leave This Town”, gli Stones che suonano con Johnny Cash alla Folsom Prison, il garage-beat immenso tra Beatles, Kinks e Animals di “The Last TrainI'll Be Back Home”, di nuovo Stones, di nuovo Dylan, la Band che fa capolino dietro le quinte, l'impavido rock'n'roll country-western di “Hard Travellin”, solo per citarne alcuni. Il disco, comunque, merita tutto: dall'inizio alla fine. Roba da rendervi degli ossessivi compulsivi del tasto “play”.

La macchina del tempo è partita: inutile cercare di fermarla, tanto vale farsi travolgere, dimenticando gli snobismi post-moderni e i pregiudizi pseudo-intelletualistici: i Mojomatics sapranno ripagarvi generosamente...

V Voti

Voto degli utenti: 7/10 in media su 2 voti.
10
9,5
9
8,5
8
7,5
7
6,5
6
5,5
5
4,5
4
3,5
3
2,5
2
1,5
1
0,5
rubens 7/10

C Commenti

Ci sono 2 commenti. Partecipa anche tu alla discussione!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.

rubens (ha votato 7 questo disco) alle 14:00 del 29 settembre 2007 ha scritto:

Bel disco

L'italia garage : mi piace, mi piace ...

Marco_Biasio (ha votato 7 questo disco) alle 15:41 del 6 ottobre 2007 ha scritto:

RE: Bel disco

Quoto Rubens. Più che garage loro hanno un'attitudine molto roots, stile blues rock anni '40. E dal vivo non sono proprio niente male. Promossi.