V Video

R Recensione

7/10

Julie Byrne

Not Even Happiness

Nata a Buffalo ma da sempre in vagabondaggio lungo gli States, Julie Byrne, giovane (26 anni) cantautrice fa un netto passo in avanti rispetto al precedente "Rooms With Walls and Windows", già capace di mettere in scena le caratteristiche che -debitamente perfezionate- fanno brillare il nuovo "Not Even Happiness", pubblicato dalla newyorkese Ba Da Bing! Records.

Un senso dello spazio esteso, etereo, una matrice vaga dove ondeggiano e tremolano le chitarre acustiche, dove risuona la voce grave e melodiosa, che risente tanto di umori soul quanto di influenze folk. Se allora tutto questo era proposto in chiave free/pasticciata, oggi la creatura della Byrne sboccia e profuma.

Ogni cosa si placa, si aggiusta, filtrata attraverso una produzione più raffinata e uno squisito metodo folk, che sia quello ambient e leggermente ornato di grazia chamber della prima "Follow My Voice" (dove troviamo le atmosfere magiche di Grouper) o della successiva, splendida, "Sleepwalker", più saldamente avviluppata attorno a un cristallino fingerpicking di arpeggi circolari (tra Meg Baird e Marissa Nadler), saturi di fascino melodico.

La statura acquisita da Julie Byrne è evidente tanto in sede compositiva (canzoni, finalmente), quanto nella conquista di una grande sicurezza (e personalità) vocale, che ricorda la freschezza di Vashti Bunyan ma anche la complessità di Joni Mitchell.

Lungo tutto l'album si respira un mood di profonda quiete, di abbandono, come se New York fosse solo un'inconsistente bruttura attorno a Central Park, come se lo spazio cittadino non fosse che uno sbuffo di fumo. La levigata e appena appena lambita dagli archi "Natural Blue", il rincorrersi di arpeggi di "Morning Dove" (intrisa dello spirito di Linda Perhacs), l'elegante trascendenza di "Sea as It Glides", l'apertura mistica (Enya) di "I Live Now as a Singer": tutto risente di una placida attitudine contemplativa, di un esistere lieve, riflessivo, per quanto non per forza pacificato.

Che, dopo Laura Marling, sia nata una nuova stella nel firmamento del folk contemporaneo? "Not Even Happiness" ha tutta l'aria di una risposta affermativa.

V Voti

Voto degli utenti: 7/10 in media su 1 voto.
10
9,5
9
8,5
8
7,5
7
6,5
6
5,5
5
4,5
4
3,5
3
2,5
2
1,5
1
0,5
target 7/10

C Commenti

Ci sono 3 commenti. Partecipa anche tu alla discussione!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.

target (ha votato 7 questo disco) alle 20:04 del 18 maggio ha scritto:

Vista live settimana scorsa. Il disco mi piaciucchiava e non avevo aspettative altissime. E invece è stata splendida. "I live now as a singer" da brividi.

Cas, autore, alle 20:25 del 18 maggio ha scritto:

wow, mi piacerebbe sentirla dal vivo! ha un modo di interpretare i brani tutto suo... ci vedo grandi potenzialità di crescita.

target (ha votato 7 questo disco) alle 20:50 del 18 maggio ha scritto:

D'accordo! La accompagnavano un violino e una tastiera. Lei molto dolce, tra l'altro, in linea con la placidità del disco che ben descrivi, nonostante la voce sappia essere bella profonda.