R Recensione

7/10

Sixth Comm

Asylum

Senza aver mai brillato nel pur vasto e ridondante entourage dominato da Death In June e Current 93, il duo Sixth Comm qualcosa di interessante ha sfornato a cavallo tra gli anni '80 e '90, rifacendosi all'estetica esoterica del folk apocalittico, ma con modalità più rituali ed un sound più rifinito.

L'album "Asylum" ne è un esempio calzante e con una tracklist di soli sei brani sembra rielaborare - percorrendo l'ennesima via alternativa - lo stile dei Death in June, di cui peraltro Patrick Leagas (qui rinominatosi Patrick 'O Kill) era componente. Basti pensare alla splendida self-cover di " Doubt to nothing" dei Death in June stessi, divenuta "Doubt to Death" per arricchire di suggestioni ancestrali e ataviche una ballad originariamente molto acustica e malinconica.

Patrick Leagas e Amodali - sua compagna creativa in questo progetto - hanno creato "Asylum" senza obbiettivi precisi, se non quello di interpretare un sentimento musicale che svincolandosi dai rigidi schemi del neo-folk andasse a cesellarne meglio i temi fortemente ideologici e mitologici. Stupisce, da un lato, che la copertina dell'album abbia evidenti richiami etnografici; ma nel contempo rivela che lo stato culturale di Leagas poteva essere un passo avanti nella ricerca di un percorso più complesso. Anche il cambio di nome è sintomatico, quasi a dimostrare che l'evidente aggancio con i suoi lavori precedenti era perfettamente manipolabile.

A mio avviso, infatti, proprio "Doubt to Death" rappresenta il punto migliore dell'opera, sia per le suggestioni evocative e nostalgiche che mette in scena con un cantato molto efficace, sia per la rivalorizzazione del brano originario; che qui perde la connotazione folk e mantiene il sottinteso ideologico in un contesto molto più ampio.

Da segnalare anche il maestoso incipit "Gift", corale e dilatato, che si avvicina più ai Dead Can Dance che ai Death in June; e poi la breve nostalgia pianistica di "Content", anche questa intrisa di atmosfere più consone alle produzioni 4AD che non a quelle Durtro.

 

V Voti

Nessuno ha ancora votato questo disco. Fallo tu per primo!

C Commenti

Non c'è ancora nessun commento. Scrivi tu il primo!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.