V Video

R Recensione

10/10

Robert Johnson

The Complete Recordings

Robert Johnson è senz’altro uno dei bluesman più conosciuti e chiacchierati di sempre. La sua stessa figura, così come la sua musica, è stata più o meno sempre associata al suo personale rapporto con Satana in persona. Registrò, tra il 1936 e il 1937, relativamente poche canzoni, ventinove, contenute tutte nell’opera qua recensita e che ricoprono però un ruolo di fondamentale importanza per tutto lo sviluppo del rock di matrice blues. Il discorso relativo l’influenza di Robert Johnson e la qualità del suo blues risulta comunque essere di natura controversa e difficile.

In questo contesto non possiamo non prendere atto che Johnson, nella composizione dei suoi pezzi, si ispirò in realtà ad altri bluesman del delta quali Son House, Charlie Patton e Skip James, solo per citare i nomi più noti. Ed è anche vero che, talvolta, riprese in maniera strettamente musicale elementi e composizioni di altri artisti.

Non è quindi neppure possibile affermare che Robert Johnson fu il primo a imporre e delineare quel particolare stile di blues conosciuto, per l’appunto, come delta – blues ossia quel tipo di blues rurale che maggiormente rappresenta e riflette, per spirito, concetti e intensità emotiva, la natura stessa del genere.

Conclusione di quanto appena detto è che i meriti musicali dell’artista in questione sono pressoché nulli. Probabilmente la verità sta nel mezzo. Pensiamo non sia giusto e corretto l’atteggiamento che tende a osannare la figura del musicista oggetto di questa recensione così come non sia totalmente corretto “distruggere” la sua statura artistica e il suo ruolo nella storia del blues e nello sviluppo della musica rock.

Johnson infatti, pur rifacendosi ampiamente ai suoi predecessori, riuscì a sintetizzare, in maniera intensa, decisamente più intensa e forte rispetto agli altri, tutto il mondo del blues e la sua musicalità, aggiungendoci quel pizzico di personalità che, in questo caso, fa la differenza. Per chi si avvicina al country – blues è senz’altro l’artista più immediato e fruibile, forse anche perché, rispetto ad altri, più musicale. Si capisce che quest’ultima caratteristica citata, la maggiore accessibilità, può essere, per alcuni, proprio elemento probatorio della scarsa qualità e dei limiti della sua musica. In questa sede invece si vuole considerare questo tipo di caratteristica emersa come un elemento positivo.

Infatti, proprio questo tipo di caratteristica, e soprattutto la capacità di operare una sintesi, come già detto, di tutto il mondo blues con un urgenza e un intensità di grado elevato, sono gli aspetti che hanno fatto di Johnson un bluesman comunque importante e assolutamente di riferimento, forse più di altri, per gente come i Rolling stones, Cream, Led Zeppelin, tra i maggiori gruppi rock – blues di tipo tradizionale mai esistiti.

Per quel che concerne la produzione musicale, come già detto all’inizio, il bluesman compose poche canzoni, ventinove, cariche però di un urgenza e un emotività altissima e tragicamente devastante. In questi blues vengono affrontati i propri fantasmi personali, le proprie paure e angosce, vi è il confronto con i propri istinti, con se stessi.

Solitudine, frustrazione, sessualità, malessere e senso di vuoto esistenziale, maledizioni, patti col diavolo e segni tragicamente sinistri riempiono l’intero corpus  musicale johnsoniano.

Come on in my Kitchen, Kindhearted woman sono episodi di crudo realismo e amarezza ma, al contempo, pieni di dolcezza. Stones in my passway, 32 – 20 blues costituiscono momenti autentici di disperazione e disgrazie imminenti. I brani generalmente più discussi  Me and the Devil blues, Crossroad blues, Hellhound on my trail sono oscuri e carichi di maledizione. Nella biografia del musicista emerge spesso la sua presunta amicizia con un altro bluesman, Ike Zinneman, personaggio oscuro e misterioso che, si racconta, amasse suonare di notte nei cimiteri. Ad ogni modo, è proprio in questi pezzi che è nata la famosa questione del patto o comunque sia del rapporto che Johnson aveva col demonio.

In tale contesto significativi risultano essere i seguenti versi, da Me and the Devil blues:

Early this morning, when you knocked upon my door

early this morning. Ooooh, when you knocked upon my door

I said, “hello, satan, I believe it’s time to go

Me and the devil was walking side by side

Me and the devil, ooooh, was walking side by side.

(Stamattina presto, quando hai bussato alla mia porta

Stamattina presto, uuh, quando hai bussato alla mia porta

Ho detto “salve, Satana, credo sia ora di andare

Io e il Diavolo camminavamo fianco a fianco

Io e il Diavolo,  uuh, camminavamo fianco a fianco )

Ancora in Hellhound on my trail:

I got to keep moving, I’ve got keep moving, blues falling down like hail, blues falling down like hail

…and the day keeps on worrying me, it’s a hellhound on my trail…

(Mi devo muovere, mi devo muovere, I blues vengono giù come grandine, i blues vengono giù come grandine

…e  il giorno continua a tormentarmi, ho un segugio infernale alle calcagna…)

 Considerando questi versi è facile capire il perché della nascita di storie nere, maledette e di relazioni col Demonio. Queste fantasie, perfettamente riconducibili all’aspetto mitologico e culturale del profondo sud in quell’epoca, non nascondono comunque l’aspetto decisamente inquietante di queste canzoni, sia sotto l’aspetto musicale che, come abbiamo visto, testuale. Il modo di pizzicare le corde, la tonalità espressa, i testi cupi e misteriosi che fanno riferimento in maniera diretta a Satana e a crocicchi non lasciano dubbi sul fatto che tra il musicista e il diavolo era presente un certo rapporto. Dove per diavolo non si intende null’altro che se stesso, la parte più peccatrice, per meglio dire. O forse Johnson aveva veramente conosciuto satana?

Ad ogni modo, nessuno può veramente dirlo.

Cio su cui si può esprimere concreta considerazione sono le canzoni, la musica. La citata Hellhound on my trail risulta essere senz’altro la composizione più disperata e intensa, con una prestazione vocale tagliente e al limite, pura espressione di sofferenza e di desiderio, sessuale, materiale, esistenziale.

Love in vain, ripresa nel 1969 dai Rolling Stones nel loro album Let It Bleed, presenta un altro tema tipico del blues, e cioè la separazione, il distacco, feroce, tragico e disperato dalla donna amata:

…I followed her in the station with my suitcase in my hand

…and the train rolled up in the station, and i looked her in the eyes

When the train rolled up to the station, and I looked her in the eyes

Well, I fell lonesome, I was lonesome and I could not help but cry

…When the train, it left the station with two lights on behind

Well, the blue light was my blues and the red light was my mind

All my love’s in vain.

(… La seguì alla stazione con la valigia in mano

… e il treno arrivò in stazione, la guardai negli occhi

Quando il treno arrivò in stazione, e la guardai negli occhi

Be’, mi sentìì solo, ero così solo, e non potei fare a meno di piangere

… Quando il treno lasciò la stazione, aveva due luci accese in coda

Be’, la luce blu era il mio blues e la luce rossa era la mia mente

Tutto il mio amore è vano.)

 

Da dire che in questo caso i temi trattati, amore, sesso, disperazione, vengono sempre considerati in maniera mai banale, talvolta con momenti di pura e autentica poesia blues. Basti pensare, ad esempio, a queste parole, contenute in Malted milk:

I  keep drinking malted milk, trying to drive my blues away

baby, you just as welcome to my loving as the flowers is in may

(continuo a bere latte al malto per scacciare via i miei blues

baby, sei gradita al mio amore quanto lo sono i fiori a maggio.)

In questi versi emerge tutta la sensibilità dell’artista, capace di essere dolce, sensuale e romantico, ma anche, in altri episodi, terribilmente crudo e brutale. Si prendano ad esempio in considerazione questi altri versi, tratti  da Me and the Devil blues:

Me and the devil was walking side by side

…I’m going to beat my woman until I get satisfied.

(Io e il diavolo camminiamo fianco a fianco

…picchierò la mia donna sino a quando sarò soddisfatto.)

In questi passaggi è racchiusa molto probabilmente l’essenza della personalità, musicale e individuale dell’artista, soggetto preda dei suoi istinti e sempre al confine tra bene e male, tra Dio e Satana.

Da non trascurare l’aspetto meramente sessuale, esplicito e fisico all’eccesso. In questo contesto, i versi più famosi, (forse perché) ripresi anche dai Led Zeppelin, sono quelli di Traveling riverside blues dove si dice:

…you can squeeze my lemon till the juice run down my leg

That’s what I’m talking about now…

(Puoi spremermi il limone finché il succo non mi scorre lungo la gamba

Ecco di cosa sto parlando ora…)

Una sessualità espressa quindi, appare evidente, in maniera forte, esplicita e senza alcun pudore, dedita al pensiero esclusivo del godimento fisico, del piacere immenso.

Autentico e maledetto poeta blues , anima dannata  e con una vita segnata da tragedie personali (la sua signora morì in seguito a complicanze nel parto) morì all’età di 27 anni, probabilmente in seguito all’ingerimento di whiskey avvelenato da parte di un marito geloso il quale, evidentemente, pensava che il bluesman stesse importunando la moglie. Nella considerazione della sua intera produzione musicale possiamo affermare come Johnson segna un momento cruciale nella storia del blues del delta, se non a livello prettamente stilistico, quantomeno e senz’altro sul piano di sintesi, completezza, intensità ed emotività.

V Voti

Voto degli utenti: 9,6/10 in media su 11 voti.
10
9,5
9
8,5
8
7,5
7
6,5
6
5,5
5
4,5
4
3,5
3
2,5
2
1,5
1
0,5
loson 10/10
Cas 10/10
tecla 9/10

C Commenti

Ci sono 19 commenti. Partecipa anche tu alla discussione!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.

SanteCaserio alle 0:27 del 7 gennaio 2009 ha scritto:

Il primo

del glorioso club dei dannati.

Immenso e fondamentale. Grande musicista e personaggio raro.

Non riesco ancora a dare il mio primo 10 e per adesso non voto (da bravo vigliacco, ma per R.J. c'è sempre tempo, ha firmato un patto col diavolo lui).

Complimenti per la rece, decisamente all'altezza dell'argomento! (e mica è poco) Fa sentire a casa.

PierPaolo alle 14:10 del 7 gennaio 2009 ha scritto:

Ben fatto Samuele

(sei quello di Torino, per caso?...). Anch'io mi astengo per ora dal voto: non posseggo questa raccolta, anche se le canzoni che citi le ho più che presenti. Benvenuto da queste parti, e buon 2009.

Marco_Biasio alle 19:57 del 7 gennaio 2009 ha scritto:

Grandioso!

fabfabfab (ha votato 10 questo disco) alle 20:13 del 7 gennaio 2009 ha scritto:

Vorrei commentare, ma ...

SamJack, autore, alle 22:06 del 7 gennaio 2009 ha scritto:

si, robert johnson possiede tutte le qualità proprie di un grande musicista, dotato senza ombra di dubbio di una grandissima sensibilità musicale e profondità blues, quale espressione delle inclinazioni della sua personalità...grazie del benvenuto e buon 2009 a tutti...

loson (ha votato 10 questo disco) alle 13:44 del 12 gennaio 2009 ha scritto:

9 secco. O 10, 15, fate voi... Perchè? Perchè sì.

poltergeist75 (ha votato 10 questo disco) alle 13:37 del 18 gennaio 2009 ha scritto:

bravo Samu

ottima recensione ...rispecchia esattamente il mio pensiero su Robert..

Utente non più registrato alle 11:11 del 26 novembre 2009 ha scritto:

Esiste questa diatriba tra i critici rock amatoriali, o questa convinzione per cui chi fa qualcosa "per primo" è il creatore di quella cosa, percui se tu affermi qualcosa tipo "mi piacciono i sonic youth" prima o poi arriva il ragazzino che ti dice "ma va, i Velvet Underground l'hanno fatto prima". Oppure "vatti a sentire gli Stocaz, un gruppo hard-noise emo crossover degli anni '40, altro che i Rage Against the Machine...".

Ecco, queste sono puttanate. Nessuno si è mai inventato qualcosa di sana pianta, tutte le composizioni o esecuzioni musicali sono il frutto di un percorso, di un apprendimento, di una vicendevole influenza chiamata "rapporto umano".

E' come con le parole: ogni tanto qualcuno si inventa un neologismo, tipo che ne so, "accademonico". Non è che si è inventato quel concetto, ma ha espresso un termine per definirlo.

Così affermare che "i meriti musicali dell’artista in questione sono pressoché nulli", penso sia la cosa più stupida che potessi dire su Robert Johnson. O su Bukka White, o Son House, o Howlin Wolf o Big Bill Broonzy...

Dire che un bluesman non ha meriti musicali perchè qualcuno suonava il blues prima di lui, è come dire che Mozart non ha meriti compositivi perchè c'era Vivaldi che componeva musica barocca già cent'anni prima di lui.

Nessuno si è inventato il Delta Blues. Gli accordi dlle canzoni che Johnson scriveva erano quelli che sentiva nelle bettole per soli negri. Le canzoni che suonavano nelle bettole (il ragtime e roba del genere), era copiato dai canti dei braccianti agricoli, e i canti dei braccianti erano copiati dai canti tribali degli schiavi africani loro progenitori. Perciò nessuno si è inventato nulla, e anche i meriti di Rolling Stones, Cream e Led Zeppelin (quelli grazie ai quali conosciamo Robert Johnson, percui anche tutti gli altri utenti si sentono obbligati ad osannarlo anche se mai ascoltato...) sono "nulli".

L'importante non è se ti sei inventato un genere... L'importante è come fai musica, e RJ la faceva bene la musica.

Utente non più registrato alle 11:22 del 26 novembre 2009 ha scritto:

Scusa, ti faccio un altro esempio: pare che Duane Allman, il più grande chitarrista elettrico con lo slide della storia, abbia cominciato ad usare lo slide dopo averlo visto usare a Ry Cooder.

Però lo suonava con l'accordatura standard. Imparò a suonarlo con l'accordatura aperta, da John Hammond junior. Allman però, ha raggiunto delle vette compositive ed esecutive di gran lunga superiori sia a Ry Cooder che a John Hammond jr, anche se loro suonavano la slide prima di lui.

Perciò questi discorsi "il primo di qua, il primo di là".... "no, quello lo faceva già prima"... non valgono un tubo ai fini del riconoscimento dei meriti musicali di un artista. Capito?

SamJack, autore, alle 13:10 del 26 novembre 2009 ha scritto:

....interessante questa discussione sul delta blues o più in generale si chi ha fatto per primo cosa.....ma la recensione non è stata letta bene o interpretata nella maniera corretta....Cosa c'è scritto infatti dopo "Conclusione di quanto appena detto è che i meriti musicali dell’artista in questione sono pressochè nulli"??? Questa frase è stata posta come esempio di ciò che si potrebbe pensare visto il contenuto precedente della recensione (tutto vero, peraltro)....ma, c'è anche un seguito che va letto.....e contestualizzato...no??

Utente non più registrato alle 15:31 del 26 novembre 2009 ha scritto:

Non c'è niente da dire sul seguito, mi pare tutto contestualizzato alla perfezione, contestualizzato, decontestualizzato e ricontestualizzato.

SamJack, autore, alle 19:53 del 26 novembre 2009 ha scritto:

appassionato di blues?????

Utente non più registrato alle 22:19 del 26 novembre 2009 ha scritto:

Perchè metti cinque punti interrogativi?

SamJack, autore, alle 7:00 del 27 novembre 2009 ha scritto:

.....ahahah, non c'è motivo....ma ho capito che la risposta è yes.......

Utente non più registrato alle 10:06 del 27 novembre 2009 ha scritto:

PetoMan 2.0 evolution (ha votato 10 questo disco) alle 14:07 del 20 novembre 2010 ha scritto:

personaggio mitologico. la leggenda del patto col diavolo, la morte per avvelenamento, quella voce spiritata che sembrava posseduto... ed una mangiata di malsane canzoni blues già contenenti il semino ribelle del rock, quando il rock non era ancora nemmeno in programma. grande scheda, bravo.

Hexenductionhour (ha votato 10 questo disco) alle 22:26 del 21 gennaio 2011 ha scritto:

Il Blues

beh...che voto dare ad una musica che viene dall'anima? forse 10?

Cas (ha votato 10 questo disco) alle 0:49 del 9 febbraio 2011 ha scritto:

Questa me l'ero persa... Ora che ho pure comprato il disco in questione non posso che rimediare. Storia e leggenda, le due cose mescolate assieme per generare un vero e proprio mito... Tanta venerazione di fronte ad uno dei più influenti artisti di sempre!

alekk alle 18:33 del 7 novembre 2014 ha scritto:

Penso si possa affermare senza bestemmiare che RJ sia l'artista più influente degli ultimi 100 di musica popolare. Tecnica chitarrista e vocale senza paragoni e temi poi trattati da chiunque. Forse non ha inventato (ha avuto grandi maestri) ma ci sono tutti i semi di ciò che il blues e il rock saranno nei 40 anni successivi. Intreccia a lui Chuck Berry e in pratica hai la creazione del rock generalmente conosciuta