V Video

R Recensione

6,5/10

Kevin Morby

City Music

In “City Music” riappare tutto il passato garage di Kevin Morby, una componente che nello scorso lavoro era metabolizzata in chiave folk-rock, e che ora è quasi preponderante, seppure risenta delle ibridazioni che hanno interessato la carriera solista dell’ex Woods e The Babies.

Sta di fatto che il nuovo album di Morby è più solare e schietto rispetto al precedente lavoro, tornando alle atmosfere rock di “Still Life” (2014) grazie a brani come “Crybaby”, “1234”, “Aboard my Train” e “Tin Can”, dove si mescolano il Dylan più elettrico, le filastrocche punk dei Ramones, mood urbani alla Lou Reed, fino ad arrivare al nuovo brit rock dei Vaccines.

Non manca però l’altra faccia della medaglia, perché l’energia rock’n’roll dei brani appena citati si alterna a episodi più delicati e posati, dove vien fuori l’anima folk e intimista di Morby (come nel caso della soffusa ballata “Dry Your Eyes”), sostenuta da arrangiamenti asciutti, minimali, eppure capaci di dispensare qualche sorpresa: si prendano i riccioli elettrici che adornano il ciondolare di “City Music”, il timido tappeto percussivo di “Caught in My Eye” (riproposta in chiave folk anni Sessanta, completamente stravolta rispetto alla versione originale a firma The Germs), i delicati accordi di piano nella ballata countryNight Time”, fino ai cori western/dream e all’organetto della briosa “Pearly Gates”.

Un album grazioso, anche se non particolarmente abbagliante, che conferma il talento di Morby (in particolare in materia di songwriting) ma non riesce a riprodurre il fascino del precedente episodio. Un lavoro di transizione, quindi, in bilico tra tendenze opposte (tradizione e modernità, acustico ed elettrico) che richiederebbero una sistemazione più organica, una più efficace sintesi. Kevin Morby deve chiarirsi un po’ le idee e solidificare la proposta. Cose per cui c’è tutto il tempo a disposizione.

V Voti

Voto degli utenti: 7/10 in media su 1 voto.
10
9,5
9
8,5
8
7,5
7
6,5
6
5,5
5
4,5
4
3,5
3
2,5
2
1,5
1
0,5

C Commenti

Ci sono 2 commenti. Partecipa anche tu alla discussione!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.

benoitbrisefer (ha votato 7 questo disco) alle 13:35 del 16 luglio ha scritto:

Ho scoperto Morby da poco e City Music mi è piaciuto molto per le sue atmosfere molto loureediane anche se si percepisce, in effetti, qualcosa di non compiuto, di irrisolto. Proverò a recuperare anche la produzione precedente per avere le idee più chiare..

Cas, autore, alle 18:27 del 17 luglio ha scritto:

il capitolo precedente ha un tantino di personalità in più, secondo me. e questo è un pezzone: