V Video

R Recensione

8/10

Talking Heads

More Songs about Buildings and Food

More Songs about Buildings and Food è la consacrazione dei Talking Heads nel mondo della new wave. Le acerbe sonorità del primo album si evolvono e maturano all'ascolto risultando più "intellettuali", meno irriverenti. L'album è ottimo, le sonorità frenetiche sono onnipresenti ma si percepisce un controllo sulle stesse, una più abile capacità di dare spazio ai tempi ed alle parole di Byrne e agli strumenti tutti. Meno frenesia ma superba eccentricità e capacità di condurre l'ascoltatore in un percorso obbligato realizzato da Byrne e compagni, prodotte questa volta dall'“architetto sonoro” Brian Eno. E' anche grazie al suo intervento che quest’album risulta ben più complesso ed intrigante dell'esordio.

Proprio per la presenza di Eno, che con i Talking Heads comincia una delle collaborazioni più lunghe e fruttuose della sua carriera, il disco evidenzia dei tratti somatici simili all'esordio dei Devo di cui egli sarà produttore.

Questo disco, come tutta la prima parte della discografia dei Talking Heads, sopporta senza stanchezze ascolti ripetuti e massici. Brani orecchiabili ma mai banali.

Ci pensa il pezzo d'apertura a dettare la marcia del gruppo : alta, veloce, senza freni. Il ritornello di With Our Love lascia il posto a quello che sembra il bucolico motivetto di The Good Thing, ma il coro è ansioso, di persegure la cosa giusta. Anche in Warning Sign il motivetto tutto di un tratto cambia e diviene apprensivo, il canto trasmette il segnale di pericolo. Brani brevi in cui il ritmo segue la voce di Byrne e per questo motivo cambia spesso e bruscamente. Cambi improvvisi dal brioso all’irrequieto e viceversa. Found a Job è il pezzo più lungo, quello che chiude la prima facciata con un fantastico crescendo che forse finora rappresenta il momento più significativo del disco.

Artists Only è un capolavoro dalle sonorità curatissime e dense, paragonabile per la frenesia alla Psycho Killer di “77”. È un crecendo perché I'm Not in Love non è da meno: si rallenta solo quando l'autore prende atto di non essere innamorato. L'ansia creativa del cantante - artista crea motivetti impazziti e atmosfere originalissime, sempre impreziosite dalle sfumature sonore di Eno. Si riparte e si solcano le tracce per il futuro. Stay Hungry è un tema “fantastico” che semina l’umore che ritroveremo in Fear of music. Il brano che ha avuto maggior successo in classifica fu la trascinate cover di Al Green Take Me to The River che se non è tra i più belli rappresenta una sperimentazione ben riuscita: la cover di un classico seguendo i canoni del gruppo.

Il saluto è allegro e festoso ma i testi di The Big Country dicono completamente l’opposto.

La copertina che ritrae i quattro come in un puzzle è anch’essa un capolavoro di originalità, ed anch’essa realizzata da un idea di David Byrne attraverso il collage di oltre 500 scatti con polaroid istantanea.Un gran bel lavoro da parte del gruppo, nel senso più ampio del termine, che permette alle teste parlanti di realizzare un ottimo album, coerente con la loro crescita artistica e con l’evoluzione delle loro musicalità.

V Voti

Voto degli utenti: 8,3/10 in media su 19 voti.
10
9,5
9
8,5
8
7,5
7
6,5
6
5,5
5
4,5
4
3,5
3
2,5
2
1,5
1
0,5
krikka 8/10
REBBY 9,5/10
loson 7/10
alekk 9/10
B-B-B 9/10

C Commenti

Ci sono 4 commenti. Partecipa anche tu alla discussione!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.

DonJunio (ha votato 7 questo disco) alle 17:58 del 19 novembre 2008 ha scritto:

Album già interessante, si intuisce perfettamente che di lì a poco avrebbero fatto mirabilie.

REBBY (ha votato 9,5 questo disco) alle 18:13 del 19 novembre 2008 ha scritto:

Vissuto in diretta è stato uno sballo! Certo dopo

han fatto ancor meglio, ma allora non si sapeva.

Totalblamblam (ha votato 9 questo disco) alle 19:28 del 23 novembre 2008 ha scritto:

per me il loro disco migliore

alla pari di fear of music e remain in light

alekk (ha votato 9 questo disco) alle 19:52 del 4 dicembre 2013 ha scritto:

Geniali! Come sempre! I loro primi 4 album sono pietre miliari...