V Video

R Recensione

10/10

The Psychedelic Furs

Talk Talk Talk

Devo essere sincero, non sono mai riuscito a capire il totale silenzio di Mr S. Reynolds, peraltro spesso oggettivamente illuminante su molteplici aspetti della nuova musica britannica a cavallo fra ’70 -‘80, riguardo gli Psychedelic Furs. Eppure che questi non abbiano avuto un ruolo secondario nella definizione dell’immaginario post-punk/new wave è fuor di dubbio e titoli come Sister Europe, Pretty in Pink, Love My Way, Heaven sono in grado di riaccendere miriadi di ricordi in tutti coloro che quella stagione l’hanno vissuta e amata. Non credo che l’amnesia dell’autore di “Post Punk” possa essere spiegabile con l’eventuale insofferrenza per la seconda fase musicale intrapresa dagli PF, indubbiamente via via sempre più “commerciali” e con un occhio e mezzo rivolto al mercato americano, perché i primi due dischi rimangono opere prive di compromessi che hanno saputo coniugare consenso di pubblico a ricerca estetica coerente e rigorosamente incondizionata; e neppure posso credere che la dimenticanza risieda nel fatto di etichettarli come semplici epigoni di altre band (in questi termini ad esempio Reynolds liquida in una riga – a mio parere con scarsa lungimiranza -  i Sound) perché la musica degli PF, frutto di varie e stratificate influenze, sapientemente rielaborate, non può essere certamente definita “mimèsi” di altro. E dunque resta il mistero!

E allora colmiamo il vuoto e diamo agli PF ciò che gli è dovuto, Narriamo di come, formatisi a Londra nel ’77, sull’onda del punk, attorno all’asse formato dai due fratelli Butler, Richard (vocals) e Tim (basso), costituirono ben presto un ensamble dal respiro che andava oltre il classico quartetto, avvalendosi dell’apporto dei due chitarristi John Ashton e Roger Morris, del batterista Vince Ely e del sassofonista Duncan Kilburn. Ne scaturisce un sound che sintetizza molteplici esperienze: neo psichedelia e post punk (Echo & The Bunnymen, Cure, Siouxsie & The Banshees, Bauhaus), art rock di ispirazione Velvet Underground (basti dare un’occhiata alla foto che li ritrae sul palco, sul  retro del primo disco. per intuire le profonde affinità elettive fra le due band), glam e atmosfere elettroniche (Roxy Music, David Bowie). Il risultato iniziale è l’omonimo Psychedelic Furs del 1980, concentrato di romanticismo decadente e vellutate abrasioni, scandito dall’inconfondibile timbro vocale baritonale, grezzo e rauco, ma scosso da improvvisi squarci di lirismo struggente, di Richard Butler, capace di partorire gemme luminose come la sinuosa Sister Europe, l’epica India o la “gotica” Imitation of Christ.

L’anno successivo gli PF licenziano la loro seconda prova sulla lunga distanza, Talk Talk Talk, ed è senza mezzi termini un vero capolavoro, opera di piena maturità stilistica, tanto monolitica nella sua coerenza estetica quanto variegata alla luce di una puntuale analisi delle singole tracce che la compongono. Il brano di apertura, Dumb Waiters (già singolo apripista dell’album), è manifesto programmatico dell’intera opera: sulla base di un tessuto ritmico ipnotico e ossessivo, di un vortice chitarristico distorto e lisergico, di inserzioni, ora lancinanti ora romantiche, del sassofono, emerge un vero e proprio  wall of sound circolare di caos sporco e impastato, firma incontrovertibile, oltre che delle ragioni estetiche del gruppo, anche della produzione di Steve Lillywhite (già presente nell’album di esordio), il tutto enfatizzato dall’inconfondibile performance vocale di Richard Butler. Appena il tempo di tirare il fiato e giù subito il secondo singolo, quella Pretty in Pink, brano connotativo dell’intera vicenda musicale dei Furs, discendente in linea diretta da Sweet Jane di Lou Reed e che qui conserva tutta la sua carica spiazzante e ambigua, andata poi in buona parte perduta nella versione del 1986, edulcorata ai fini commerciali dell’omonimo film (“Caroline laughs and it’s raining all day, She loves to be one of the girls, She lives in the place in the side of our lives”). Non c’è attimo di respiro e una dietro l’altra si inseguono e si frantumano come  schegge deraglianti e taglienti l’aggressione sonora di I wanna sleep with you, tre minuti capaci di stendere al tappeto sette secoli di donna-angelo e mandare in visibilio il buon Arthur Schopenhauer (“I won’t hold your hand, I won’t give you flowers, I just wanna sleep with you”), il dark punk di Mr. Jones, la sferzante tribalità di Into you like a train, ideale prosecuzione di I wanna sleep with you (“I don’t wanna tape you down, and shack you up with me, or put you where the flowers go, or get into your mind, I’m into you like a train…”), l’asciutto delirio psicotico di It goes again e lo sferragliante e ritmico incedere dell’apocalittica marcia di So run down, interrotte solo per un attimo dalla più melodica e dolente No tears, criptica ballata, esaltata dalla malinconica dolcezza del sax e delle vocals (“There’s conversations and conversations, talk about yourself again, talk about the rain again, no tears, no colours no you now!”).  Solo i due brani finali rallentano i ritmi, chiudendo l’album all’insegna di una più accentuata estetica romantico-decadente che riprende alcuni degli episodi più significativi del precedente disco: All of this and nothing, aperta da un arpeggio di chitarra acustica (bisognava aspettare il brano 9 per sentirla!) è ballata cupa e malata, crepuscolare nei modi e nei toni (“You didn’t leave me anything, that I can understand, now I’m left with all of this, a roomful of your trash”), desolante ritratto di una sconfitta esistenziale, mentre She is mine è episodio finale contraddistinto della trasognata raffinatezza di un sublime pop malinconico e un tantino surreale, privo finalmente di chitarre torturate e distorte, preludio alla svolta destinata a contrassegnare il terzo album della band.

Immensi.

Vi prego, dite a Mr. Reynolds di riconoscere il suo errore, non è troppo tardi!!!

V Voti

Voto degli utenti: 8,4/10 in media su 13 voti.
10
9,5
9
8,5
8
7,5
7
6,5
6
5,5
5
4,5
4
3,5
3
2,5
2
1,5
1
0,5
4AS 9/10
djsynth 10/10
Chuck 9/10
giank 8/10
REBBY 9/10
gramsci 10/10

C Commenti

Ci sono 14 commenti. Partecipa anche tu alla discussione!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.

4AS (ha votato 9 questo disco) alle 16:16 del 4 gennaio 2012 ha scritto:

Condivido l'entusiasmo: i primi 2 album sono da capogiro. Nel primo la tripletta India – Sister Europe – Imitation of Christ mi fa ancora saltare dalla sedia. Questo è meno punkeggiante, smussati gli angoli voce e sax rimangono i tratti distintivi del gruppo. Favolosa All of This and Nothing. Grazie a Benoit che recensisce questi gioielli della new wave!

Dr.Paul (ha votato 8 questo disco) alle 14:47 del 5 gennaio 2012 ha scritto:

bel disco...certo non da 10!! avevano i loro difettucci! )

Totalblamblam (ha votato 8 questo disco) alle 14:00 del 10 gennaio 2012 ha scritto:

RE:

ci sono più patrimoni dell'assurdità su questo sito che nell'unesco

NathanAdler77 (ha votato 8 questo disco) alle 0:56 del 8 gennaio 2012 ha scritto:

All this goes on all the time

Stavo quasi per scriverne, bravo Benoit (ottima rece)! Tra questo e il Bowie post-punk dell'omonimo è una bella lotta, ai posteri l'avvincente art-wave di "Mr.Jones" e la coda dark\psichedelica della già citata "All Of This And Nothing". Sempre lodevole la produzione di Lillywhite, una garanzia all'epoca. "No Tears", e non solo, mi ricorda la band incravattata di quel tipo newyorkese dal cognome sinistro, come si chiamava? Ah, Paolo Banche.

DonJunio (ha votato 8 questo disco) alle 23:07 del 9 gennaio 2012 ha scritto:

Sì Daniele, c'è un pezzo degli Interpol su "Antics" ( mi pare "Evil") che sembrava proprio uscito da questo disco eheh....

ozzy(d) alle 14:12 del 10 gennaio 2012 ha scritto:

benoit, ma che ti frega di reynolds? manco stessimo parlando di greil marcus....stoke, non ho capito chi sia il bersaglio della tua consuetà cattiveria, illuminaci ghhgghgh

Dr.Paul (ha votato 8 questo disco) alle 16:56 del 10 gennaio 2012 ha scritto:

io invece tutti questi Interpol nei Furs non ce li sento! anche perchè le chitarre dei Furs sono sempre arpeggiate, quelle degli Interpol mai! Banks e soci usano sempre accordi diminuiti quindi gli eventuali arpeggi (piuttosto rari) sono giocati su due corde al massimo, i Furs facevano dell'impasto arpeggiato il loro biglietto da visita. Interpol più chitarre taglienti, andatura marziale, sound asettico, i furs erano il contrario...wave passionale dai risvolti psych! cmq qui oltre al video di Pretty in Pink, ci volevano anche mr.jones e dumb waiters (pezzoni)!!!

Totalblamblam (ha votato 8 questo disco) alle 17:56 del 10 gennaio 2012 ha scritto:

RE:

tra l'altro proprio in questi pezzi che dici(più marcato in mr jones) si sentono anche i primi ultravox! ha!ha!ha! non a caso stesso produttore...

benoitbrisefer, autore, alle 17:35 del 10 gennaio 2012 ha scritto:

Nel complesso condivido quello che dice Dr Paul, comunque qualcosa nei primi due brani di Antics c'è degli PF, tuttavia più vicino al suono più pulito di Forever Now (la title track o President Gas per intenderci) che all'impasto sonoro dei primi due dischi

nebraska82 (ha votato 7 questo disco) alle 22:09 del 11 gennaio 2012 ha scritto:

mi hanno sempre dato l'idea di essere un po' i meno originali tra i gruppi storici della new wave britannica, quelli più manieristi ( pur di gran classe).

benoitbrisefer, autore, alle 18:54 del 12 gennaio 2012 ha scritto:

Ovviamente - si intuisce dal voto attribuito - ho una particolare predilizione per gli Psychedelic Furs (primi due dischi e, parzialmente, Forever Now, nonché per gli ultimi due , come allora fu detto da "sedotti e abbandonati". Premesso questo è naturale che possano non piacere ad altri, in toto o per alcuni aspetti specifici, riesco meno a seguire il ragionamento quando si parla di "manierismo" e di "poca originalità", soprattutto, poiché il manierismo indica un modello preciso di riferimento (come lo fu in pittura Michelangelo ad es.), mi piacerebbe comprendere quale sarebbe questo modello da cui gli PF sarebbero poco capaci di staccarsi.... Da parte mia ritengo che invece i primi due disci abbiano un approccio artistico assolutamente inedito e originale rispetto alle coeve band post punk.

djsynth (ha votato 10 questo disco) alle 19:26 del 18 gennaio 2012 ha scritto:

uno dei gruppi più sottovalutati di sempre, li ho visti live 2 anni fà in Belgio (Sinner's Day fest) e dire che danno la pista a tante band blasonate è poco.

Ascoltateli leggendo Meno di Zero, Le regole dell'attrazione e Acqua dal Sole di Bret Ellis e vi renerete conto di quanto realmente valgono!

benoitbrisefer, autore, alle 20:55 del 18 gennaio 2012 ha scritto:

E' verissimo, djsynth, c'è tantissimo materiale live in rete (You Tube e non solo) risalente agli ultimi 3-4 anni e testimonia una gran bella verve per un gruppo non certo in verde età.

Emiliano (ha votato 7 questo disco) alle 12:36 del 22 gennaio 2012 ha scritto:

Ho sempre preferito il disco d'esordio, ma anche questo è un gran bel lavoro.