C I 133 dischi indispensabili del decennio

I 133 dischi indispensabili del decennio 2000-200900010203040506070809

R XTRMNTR

XTRMNTR8/10

Primal Scream
XTRMNTR (Creation Records 2000)

Quasi tutte le grandi band prima o poi sfornano un album “politico”: per i Pink Floyd fu Animals, per i Primal Scream è stato XTRMNTR. Acclamati per la...
loson

Eccone un altro: disco inafferrabile per antonomasia, babele di linguaggi coesi in una forma urticante e magnetica. Anarco-techno-punk-dub-jazz-noise-hop? Boh, indefinibile. Indefinibile ed immenso. Vera pietra miliare del decennio, al pari e forse più di "Kid A". E non badate a chi continua a menarsela con "Screamadelica" e soltanto "Screamadelica": i Primal fermi non lo sono mai stati, e "XTRMNTR" lo prova nel migliore dei modi. Anzi, nell'unico modo possibile: superando tutto e tutti.

Peasyfloyd

l'elettronica esplosiva di un gruppo dai mille volti. Uno dei dischi che meglio ha saputo coniugare spirito alt-rock con estetica digitale.

R Whatever You Love You Are

Whatever You Love You Are

Dirty Three
Whatever You Love You Are, 2000


Scrivi una recensione di questo disco
Peasyfloyd

Uno dei lavori più struggenti di un gruppo che ha saputo portare a nuovi vertici espressivi ed emozionali l'utilizzo di uno degli strumenti più classici della musica (il violino), con una soluzione strumentale ancorata a perfetti schemi post-rock.

simone coacci

Tre è il numero perfetto si sa. Là dove il post-folk strumentale degli anni 90 incontra la musica classica, il minimalismo contemporaneo, la colonna sonora per lungo film fatto di notti e di silenzi, cercali e loro ci saranno.

R Under Thunder And Fluorescent Light

Under Thunder And Fluorescent Light

Storm and Stress
Under Thunder And Fluorescent Light, 2000


Scrivi una recensione di questo disco
paolo gazzola

Gli Storm And Stress di Ian Williams fanno quello che avrebbero dovuto fare i Don Caballero dopo American Don: evolvono. Più ancora dell'omonimo esordio, è questo lavoro a mettere in chiaro le intenzioni, di certo poco ortodosse, del gruppo. Under Thunder And Fluorescent Light ribalta la prospettiva "materica" propria dei Don Caballero per tentare l'esplorazione del più celebre contraltare sonico: il silenzio. Un lavoro di decostruzione che neanche Frank Gehry potrebbe concepire: improvvisazioni e micro composizioni, date in pasto a delay e loop dal sapore cosmico, si sfaldano, volteggiano, svaniscono nel nulla per tornare poi sotto nuove, inspiegabili e per questo seducenti, vesti armoniche.

R Tourist

Tourist10/10

St Germain
Tourist (Blue Note 2000)

Parlando di grandi sistemi, possiamo affermare senza paura di cadere in errore che il jazz sia stato, assieme all’elettronica, una delle innovazioni musicali...
Dr.Paul

Dietro lo pseudonimo St Germain si nasconde il manipolatore di suoni Ludovic Navarre. Tourist è il suo secondo lavoro in studio, un perfetto connubio di jazz contemporaneo, campionamenti, leziosità latin e lounge, ritmiche hip hop, trip hop e dub. Alla sua uscita il disco provocò uno stato di profonda meraviglia, a dieci anni di distanza lo stupore rimane immutato!

R The Virgin Suicides Ost

The Virgin Suicides Ost

Air
The Virgin Suicides Ost, 2000


Scrivi una recensione di questo disco
target

Electro-noir adolescenziale dalla Francia alla provincia americana. Gli Air si immergono nell'ipersensibilità delle vergini suicide che lasciano l'innocenza per il male della vita adulta (o per la morte davvero?) ed esaltano. "Playground Love" da tatuarsi addosso. Raramente un trio libro-film-colonna sonora si è trovato in un allineamento così perfetto.

Dr.Paul

L'onda d'urto provocata da Moon Safari (1998) spinge Sofia Coppola a scegliere gli Air per la colonna sonora del suo debutto alla regia (Il Giardino delle Vergini Suicide). Elettronica e pop dalle sfumature cupe, per una soundtrack drammatica, triste, ma di una intensità rara, forse irripetibile.

R The Sophtware Slump

The Sophtware Slump8/10

Grandaddy
The Sophtware Slump (V2 2000)

Nessuna finzione: fino a pochi mesi fa il nome dei Grandaddy (da Modesto, California) contraddistingueva solo un’altra delle mie tante lacune (e per una che...
DonJunio

“Il crollo del software” – gioco di parole con sophomore - avrà ridotto in mutande tanti adepti della ormai defunta new economy, ma ha altresì generato un gioiello dell’ indie-rock in silicio degli anni zero. I Pavement intenti a giocare con effetti elettronici nel ranch californiano di Neil Young, di cui mutano nevrosi e sintassi nel caos digitale di inizio millennio. Ne fanno fede la sinfonia in bassa fedeltà di “He’s Simple, He’s dumb, He’s The Pilot”, le melodie oblique di “Crystal Lake”, lo spleen mutante di “Jet the Humanoid” e “Miner at the Dial-A-View” e il maestoso epilogo di “So you’ll aim toward the sky”. Se il precedente “Under the the western freeway” è stato definito il “Tonight’ s the night dell’era cibernetica”, questo è l’After the gold rush di Jason Lytle e soci.

R The Marshall Mathers LP

The Marshall Mathers LP

Eminem
The Marshall Mathers LP, 2000


Scrivi una recensione di questo disco
simone coacci

Il nul plus ultra e il punto di non ritorno dell'hip-hop classico che si trasforma in blob cinematico, cabaret della crudeltà, poesia da cartone animato per disadattati. Il g-funk del Dr Dre incontra la rabbia proletaria del rock di Detroit. Slim Shady diventa lo Ziggy Stardust della spazzatura bianca.

R The Lioness

The Lioness9/10

Songs: Ohia
The Lioness (Secretly Canadian 2000)

E' tutta una questione di prospettive. Nel momento esatto in cui sei costretto a cambiare angolazione ti accorgi che ogni cosa, anche la più scontata, può...
DonJunio

Un viaggio tra territori tradizionalmente rock: salmi country-folk tra il Dylan che attacca la spina e il Young ombroso e instabile di metà anni 70 (non a caso una delle mille leggende rock narra che Jason Molina accarezzi ogni sera la propria copia in vinile di "On the beach"). A dimostrazione che ci si può ancora sorprendere battendo vecchie strade, purché illuminate da una scrittura da autentico fuoriclasse.

fabfabfab

Un doloroso concerto per voce, chitarra e solitudine. Piccole perle di cruda tristezza inspiegabilmente cariche di una forza dirompente. Un disco per cuori sconfitti che però non perderanno mai la speranza.

R The Hour Of Bewilderbeast

The Hour Of Bewilderbeast

Badly Drawn Boy
The Hour Of Bewilderbeast, 2000


Scrivi una recensione di questo disco
fabfabfab

Questo ragazzino mal disegnato diventa inconsapevole alfiere del New Acoustic Movement, genere nato e morto nel giro di pochi anni. Damon Gough - invece - è vivo e gode di ottima salute, ed in questo splendido esordio piazza uno dei singoli "pop" del decennio ("Once around the block"), corredato da un perfetto campionario fatto di cantautorato rock ("Everybody's Stalking"), pop ("Camping Next to Water"), lo-fi ("Stone on the Water") e tanta poesia adolescenziale, come quel bacio dato con l'apparecchio ai denti.

R The Gap

The Gap

Joan of Arc
The Gap, 2000


Scrivi una recensione di questo disco
fabfabfab

La destrutturazione sonora del post-rock di Chicago. Una band mutevole, nella quale ognuno suona uno strumento che spesso non è il suo. Il risultato è questo non-disco fatto di non-canzoni, amalgamate in maniera completamente libera da chitarre languide, stacchi ritmici math, rumori di vetri rotti e frammenti di melodie improvvisate.

R Sussidiario Illustrato Della Giovinezza

Sussidiario Illustrato Della Giovinezza8/10

Baustelle
Sussidiario Illustrato Della Giovinezza (Baracca & Burattini - Edel 2000)

Premessa doverosa: trovo difficile scrivere di questo disco. Prima di sentirci dentro Gainsbourg e i Pulp, ci ho visto me stesso, all'epoca diciottenne. E...
Dr.Paul

Gomma, Martina, Le vacanze dell'83, Il Parco, Il Riformatorio. Che grande paese l'Italia, twee pop e indietronica filtrati dalla lente mediterranea di Bianconi, Massara, Bastreghi. Indie per tutti.

Cas

Il capolavoro cantautoriale di cui gli anni zero italiani avevano bisogno. Tra rimandi rétro, dolciastri sentori adolescenziali, arrangiamenti scapigliati e ciuffo alla de andré...

simone coacci

...per tutti i corpi dentro e fuori i costumi da bagno, che passavano da una stanza all'altra, distesi sul letto, che portavano l'impronta delle lenzuola, che ballavano con disciplina, che crescevano negli specchi...

target

Non potrebbe che essere un'opera prima, il "Sussidiario", con la sua adolescenza sudaticcia, i suoi ritornelli à la Pulp, il suo pop retrò, i suoi riferimenti culturali esibiti, il suo fascino ribelle ma assieme impacciato, la sua freschezza naif, le sue canzoni del parco e del riformatorio. E sono quelle opere prime che diventano monumento, o meglio, in questo caso, irrinunciabile feticcio. Ci ameremo come i cani.

bargeld

Il tocco impuro dell'adolescenza, la nostalgia canaglia, gli anni '80, le radioline, le gite con la scuola, i brufoli, il sesso, la droga... Un concept album d'esordio irripetibile, una magia che non tornerà.

R Secret South

Secret South

16 Horsepower
Secret South, 2000


Scrivi una recensione di questo disco
FrancescoB

Come i Two Gallants e forse persino meglio di loro: come trasfigurare la tradizione americana in qualcosa di originale, intenso ed a tratti pure commovente. Senza una sbavatura, con i piedi ben saldi nella tradizione e la testa proiettata nell'Olimpo della miglior canzone d'autore. Lavoro davvero senza tempo.

loson

Il blues degli appalachi e le dilatazioni spettrali del post-rock. La furia roots-punk dei Gun Club e il banjo stridente di Dock Boggs. Archi dolorosi come spine ("Just Like Birds"), un pianoforte tetro e dolce come l'Apocalisse ("Burning Bush"), chitarre che fanno muro contro il destino avverso ("Splinters"), la voce di un invasato che predica con la Bibbia in una mano e nell'altra una pistola. La trasfigurazione di quel sud gotico raccontato da William Faulkner ed ereditato da Cormac McCarthy. Il trionfo dell'Americana, direttamente dal cilindro di David Eugene Edwards.

R Red Line

Red Line

Trans Am
Red Line, 2000


Scrivi una recensione di questo disco
paolo gazzola

I Trans Am rappresentano, come gruppo in ambito indie rock, quello che "porno" rappresenta come parola nel nostro linguaggio. Nostalgici e sconclusionati pescatori del passato, hanno attraversato gli anni proponendo recuperi impossibili e giustificabili solamente attraverso un qualche inspiegabile gusto per l'osceno. Senza che per questo non pervenissero ad un (loro) capolavoro. Red Line mescola il synth-pop con la pesantezza hard-rock e l'elettronica, spaziando tra assalti frontali, aperture e dilatazioni sperimentali, introspezioni pianistiche e jam improvvisate. Macchinisti del dietro le quinte, fanno prima e nascostamente quello che oggi è diventato motivo di vanto per nomi ben più conosciuti. Indefinibili, ma impagabili.

R Muets

Muets

Klaxon Gueule
Muets, 2000


Scrivi una recensione di questo disco
paolo gazzola

Raramente mi innamoro di dischi così. Sperimentazione ed avanguardia mi affascinano nella stessa misura in cui, troppo spesso, mi annoiano. Non è questo il caso: il secondo album del radicale trio di Montreal elabora le improvvisazioni free jazz del doppio disco d'esordio proiettandole nei territori dell'elettro-acustica. Strumenti resi irriconoscibili da una massiccia applicazione di effetti, una sezione ritmica annichilita nella sua funzione tradizionale, una certa volontà minimalista unita al gusto intellettuale per il rumore crudo. Prendete gli elementi, mischiateli mantenendo un approccio staticamente ossessivo che releghi ogni sfogo in posizione latente e avrete un'idea del perché Muets possa vivere, brillando, negli angoli bui di ogni mente affamata.

R Menlo Park

Menlo Park

Menlo Park
Menlo Park, 2000


Scrivi una recensione di questo disco
bargeld

Il suono dinoccolato dei Menlo Park è America al 100%, ma nasce dall'incontro inverosimile di Chris Taylor da Philadelphia con alcuni buskers nei sobborghi di Londra. Registrato in California per un'etichetta belga di stanza in Austria, è cantato in inglese e francese. Un bell'accrocchio, direte voi. E invece no: un piccolo miracolo di psichedelico country-blues. Band dimenticata, ma indimenticabile.

R Melody Of Certain Damaged Lemons

Melody Of Certain Damaged Lemons

Blonde Redhead
Melody Of Certain Damaged Lemons, 2000


Scrivi una recensione di questo disco
bargeld

Dopo le sbornie rumoriste degli esordi e prima della svolta zuccherosa, i fratelli Pace e la sublime Kazu Makino trovano il perfetto punto di equilibrio nell'illogica matematica di un disco straordinario. Per me, uno dei dieci album degli anni zero da tramandare ai posteri.

fabfabfab

La fuga dei cervelli dall'Italia verso il noise-rock. Il miglior album della migliore band (non)italiana. Se vi dicono che sembrano i Sonic Youth, non credeteci. A volte sono molto meglio.

R Kid A

Kid A10/10

Radiohead
Kid A (Emi 2000)

Nel 2000 i Radiohead dopo tre anni di lavoro spesi a buttar giù una trentina di canzoni fanno uscire Kid A. Otto mesi dopo con l’ennesima scelta commerciale...
Cas

Ma come, i Radiohead potevano vivere di rendita grazie a Ok Computer e invece non sono ancora soddisfatti? Beh, il fatto è che i Radiohead sono degli artisti senza eguali. E se già qualcosa di questa epica svolta si intuiva con Ok Computer, il quale, come diceva Reynolds, era il disco rock che piaceva anche agli amanti dell'elettronica, questo Kid A è il disco che farebbe amare l'elettronica a chiunque!

fabfabfab

Lasciando perdere le puttanate tecnologiche (lo sapevate che avviando la riproduzione di una qualsiasi canzone dell'album con un lettore e riavviandola dopo 17 secondi con un altro lettore si ottiene una nuova canzone?), diciamo solo che questa è una band coraggiosa, che riesce a smarcarsi dai canoni musicali propriamente "rock" creando un suono informe, visionario eppure totalmente concreto e godibile. Non ci sono cadute di tono, per cui non ci sono brani da scegliere o da segnalare. Beh, se proprio volete, partite dal punk da dancefloor di "Idioteque".

Peasyfloyd

l'album della svolta dei Radiohead. A modo suo solido e compatto, sia a livello musicale che testuale, tanto da poter parlare di concept album. Caratterizzato da un’atmosfera di gelo, di glaciale atmosfera, di un clima che si fa ancora più artificiale rispetto alla malinconia digitale di Ok Computer. Kid A è il tentativo di uscire completamente dagli schemi del ritornello-riff-ritornello e di creare un’opera d’arte che innova plasmando ai suoi scopi il modernariato elettronico, assoggettandolo ad una visione divenuta definitivamente onirica. Yorke e soci riescono ancora una volta nell’impresa di trasporre le ansie che li affliggono in musica. Se Ok Computer aveva chiuso tristemente un secolo cupo Kid A sembra aprirne uno ancora più impersonale e incolore. Welcome in '00s folks!

bargeld

Avanguardia, coraggio, sperimentazione. Ma come, una band pop si mette a fare un disco elettronico? Dopo Kid A i Radiohead non saranno più la band pop che si permette di giocare con le macchine, ma semplicemente la più grande band vivente al mondo, che a questo punto può permettersi di fare tutto. E scusate se è poco.

R For Carnation

For Carnation8/10

For Carnation
For Carnation (Touch & Go 2000)

Escono eleganti e posate le parole dalla bocca di Brian McMahan, quasi incollate alle labbra, stanche di uscire, pigre di esistere, si confondono subito nel...
paolo gazzola

Disco imprescindibile, For Carnation è la frontiera definitiva del lessico post-rock. Un buco nero dove essere precipitati. Se non dovessero piacere le atmosfere pesantissime, impegnative e fredde contenute qui dentro, pazienza. Basteranno i suoni a mettere tutti d’accordo.

simone coacci

Concettulmente post-rock dei For Carnation è il cool-jazz degli anni Zero. Narcosi fatta d'alba.

fabfabfab

Il post-rock implode definitivamente in questo magma sonoro denso e scurissimo. I suoni emergono a fatica dall'incedere strisciante e sabbioso di questo monolite affascinante, profondo e bellissimo.

R Float

Float

Aesop Rock
Float, 2000


Scrivi una recensione di questo disco
simone coacci

è grazie a dischi come questo che il rap alternativo (leggasi avanthop o abstract rap) ha riscattato un genere ormai allattato da Mtv e assuefatto ai propri stereotipi da classifica. Aesop Rock rispolvera vestigia dei templi olschool coniugandole in strutture spiazzanti ed irregolari, in arrangiamenti di volta classici, bandistici, cantautorali. Con un'abilità metrica e narrativa fuori dal comune.

R Fevers and Mirrors

Fevers and Mirrors

Bright Eyes
Fevers and Mirrors, 2000


Scrivi una recensione di questo disco
target

Difficile trovare in qualsiasi arte un concept sull'uscita dall'adolescenza scritto in tempo reale, capace di trasudare le febbri di quei cambiamenti spigolosi e accaldati: Conor Oberst, a 19 anni, ne offre uno, ed è sublime. Il disco si muove scomposto e morboso, ha le fattezza dell'adolescente che cambia voce (i mugugnii di Oberst) e cammina ciondolando, immergendosi nelle proprie rabbie ("Sunrise, Sunset", "The Calendar Hung Itself") e nelle proprie tristezze ("Arienette") fino al collo, tra folk sregolato e Shane MacGowan. Tutto, in "Fevers And Mirrors", gronda cupa e asfittica decadenza, e la chiamano giovinezza. Meraviglia.

bargeld

Un ex ragazzo prodigio, i suoi chiaroscuri emotivi, la voce gracchiante, il rumore, il silenzio... Verboso, sarcastico, le urla dal buio di Conor Oberst mi scompongono e mi eccitano. Per me, un capolavoro.

R Chore Of Enchantment

Chore Of Enchantment

Giant Sand
Chore Of Enchantment, 2000


Scrivi una recensione di questo disco
bargeld

Howe Gelb sa toccare le corde giuste, in tutti i sensi. Da Tucson, Arizona, il miglior country dell'era moderna, rivisitato, rimodernato e impreziosito dalla voce cavernosa e dallo stile inconfondibile di mr.Gelb e soci. Un rifugio, un'oasi, un disco magico.

R Black On Both Sides

Black On Both Sides

Mos Def
Black On Both Sides, 2000


Scrivi una recensione di questo disco
simone coacci

Il crogiuolo del rap progressivo e intellettuale del decennio: musica alternativa che attinge ai tesori perduti del soul, del funk, del rock, del blues e la poesia di Dante (Terrel Smith, in arte Mos Def) nell'inferno dell'America puritana di George W.

R And Then Nothing Turned Itself Inside-Out

And Then Nothing Turned Itself Inside-Out

Yo La Tengo
And Then Nothing Turned Itself Inside-Out, 2000


Scrivi una recensione di questo disco
Peasyfloyd

Solo uno dei tanti gioielli regalatici da uno dei gruppi più rappresentativi del rock degli ultimi vent'anni. Gli Yo La Tengo potrebbero suonare un tamburello e due racchette e riuscirebbero a tirarne fuori soluzioni raffinate ed energiche come pochi in circolazione.

paolo gazzola

Vertice del "secondo" periodo degli Yo La Tengo (quello, per intenderci, aperto da May I Sing With Me), questo disco rimane ancora il mio preferito di tutta la loro discografia. Dopo quattordici anni di migrazione attraverso i territori dell'indie americano, i tre arrivano a definire un mastodonte notturno (quasi 80 minuti) di soave placidità ed elegantissima psichedelia. Musica colta, da consumare lentamente in penombra e con dedizione, come (e con) una bottiglia di vino di pari qualità.

R American III: Solitary Man

American III: Solitary Man8/10

Johnny Cash
American III: Solitary Man (American Recordings 2000)

Quando si parla di Johnny Cash negli anni della American Recordings a chiunque viene in mente l’immagine rugosa del vecchio Johnny che canta il suo dolore nel...
FrancescoB

Uno fra i più grandi cantautori ed intepreti di sempre, seppur abbondantemente in età da pensione, da ancora la paga al 99,9% dei cantautori attuali ed a tanti gruppuscoli minori che vorrebbero imitarne le gesta. Non hanno ancora capito che non c'è storia, Cash è davvero un artista superiore, anche se vecchio e canuto.

fabfabfab

Johnny Cash è Dio

Peasyfloyd

Cash è l'America. Rivitalizzato da Rick Rubin l'artista tira fuori uno dei suoi dischi perfetti, in grado di coniugare indissolubilmente folk cantautoriale e country tradizionale.

bargeld

Cash non fa cover, si appropria delle canzoni. E le rende uniche, meglio delle originali.