V Video

R Recensione

7,5/10

Ghostpoet

Some Say I So I Say Light

Some Say I So I Say Light ovvero: io non posso essere altro che colui che guarda. In viaggio nei rigagnoli più stagnanti della notte col Poeta Fantasma. Il flaneur invisibile, il cantore sonnambulo della metropoli silente, addormentata, dei non luoghi deserti e abbandonati, dei neon che si accendono e si spengono nei primi raggi dell’alba ancora rappresi di monossido. Un andirivieni, tra i battiti sempre più veloci delle palpebre, di supermercati chiusi sprangati coi carrelli fuori,take-away aperti tutta la notte e anche oltre, stazioni della metro, lampi di semafori e luci rosse posteriori nel riflesso degli occhiali spessi, periferie londinesi spoglie e graffitate, mattoni grigi di casette basse a schiera dove un alloggio a malapena decente ti costa un occhio della testa, il terzo occhio, quello che magari avercelo. Ma ogni cosa è molle e sdrucciola come in un sogno e non fa più tanto male come fa di giorno. Lo è anche la musica. Soprattutto la musica, che di questa pellicola sensoriale si nutre e, nel buio, s’illumina.

Dopo l’ottimo esordio del 2011, Peanut Butter & Melancholy Blues, finalista al Mercury Prize, Ghostpoet si mantiene fedele alla sua poetica più autentica e trasognata, lasciandosi trasportare sempre più lontano dai territori dell’hip-hop inglese più alternativo (grime, uk garage) verso l’orizzonte aperto e liquido di un post dubstep ormai mercuriale e in grado di fondersi e confondersi con qualsiasi sonorità lo attraversi: dai substrati IDM, all’elettronica glitch, agli inserti strumentali (chitarre, basso, tastiere) che guardano al rock alternativo. Il rappin’ sempre più parlato e irregolare si fa flusso di coscienza, assorto soliloquio, si colora di inflessioni melodiche. Per la sua natura intimamente onirica e collassata potremmo definire quello di Ghostpoet un “cool dubstep”, come rivelano le modanature jazzy di “Cold Wind”, i fiati distorti e ovattati mentre scorrono i titoli di coda, gli echi elastici e rimbalzanti e la quasi assenza di progressione di “Them Waters”, le sfumature noir e soul di “Dial Tones” o il pallore quasi da camera, il climax per archi sintetici in fondo alla bella “Meltdown”, entrambe cesellate da un cantato femminile dolce e triste  – due piccole storie d’amore e d’alienazione urbana –  nell’inciso.

E se da una parte “Msi Musmid”, citazione da un film surrealista di Dalì e Man Ray, fibrilla sincopata scorie grime ultraminimaliste, dall’altra brani come “Plastic Bag Train”, arpeggio di chitarra in delay su break beat, introduce, rispetto al monocromatismo dell’esordio, un andamento dilatato e orizzontale quasi post rock poi ripreso e amplificato dalla lunga “Sloth Trot”. In mezzo ci sono i riverberi di chitarra quasi “lynchiana” su ritmica aspersa e frammenta di “Thymethymethyme”, l’humming in sottofondo e il beat di tamburo afroide su base electro da suoneria anni 80 di “Dorsal Morsel” e momenti di apnea notturna dai quali si fa un po’ fatica a riemergere come nella conclusiva “Comatose”. Aldilà delle suggestioni più o meno personali, il musicista londinese, migliorando la cura dei suoni e il livello della produzione, ribadisce l’originalità delle sue contaminazioni e il talento nell’interpretazione di uno stile musicale narcotico, obliquo ed affascinante. 

V Voti

Voto degli utenti: 6,5/10 in media su 3 voti.
10
9,5
9
8,5
8
7,5
7
6,5
6
5,5
5
4,5
4
3,5
3
2,5
2
1,5
1
0,5
JetBlack 6,5/10
hiperwlt 5,5/10

C Commenti

Ci sono 2 commenti. Partecipa anche tu alla discussione!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.

Franz Bungaro (ha votato 7,5 questo disco) alle 10:15 del 7 giugno 2013 ha scritto:

Il prologo di questa recensione è stupendo e descrive alla perfezione la scena che mi ero prefigurato ascoltando quest'album, che è proprio un bel lavoro. Non aggiungo altro sulla descrizione perchè Simone ha già detto tutto alla perfezione. "Stile musicale narcotico, obliquo ed affascinante", ecco quello. Uno degli album più interessanti dell'anno.

Franz Bungaro (ha votato 7,5 questo disco) alle 10:22 del 20 dicembre 2013 ha scritto:

Più l'ascolto e più mi convinco che sia questo un disco straordinario, sottovalutato dalla stragrande maggioranza. Pazienza, l'ascolto in solitaria spesso è ancora più affascinante.