storia_della_musica_home
Autore Messaggio
<  Cinema  ~  L'ultimo film che ho visto
PehTer
MessaggioInviato: Sab Ott 12, 2019 12:39 am  Rispondi citando
Novizio


Registrato: 28/07/14 17:05
Messaggi: 13

zagor ha scritto:

d'accordo con te

alla fine e' un taxi driver per la generazione marvel, con pregi e difetti intrinsechi (piqcevolmente entertaining con ottimi attori ma alla fine e' un fumettone)


Non lo so zag, a me è piaciuto (così come adoro anche Il cavliere oscuro) proprio perché si distacca dalla paccottiglia Marvel/DC che normalmente detesto, perché riesce a mischiare bene il fumetto con un realismo cinico e spietato. (certamente il film è colmo di citazioni)

Cas ha scritto:
Secondo me invece è un gran film. Sia per l'aspetto estetico e di messa in scena (la telecamera segue il personaggio con una fantasia e una grazia da immersione totale), sia per l'aspetto tematico. Molti che si aspettavano la solita cacatina Marvel sono rimasti delusi, perché di fatto questo è un film d'autore.


Quoto ogni sillaba.
Top
Profilo Invia messaggio privato
FrancescoB
MessaggioInviato: Sab Ott 12, 2019 7:20 am  Rispondi citando
Music God


Registrato: 08/02/09 19:40
Messaggi: 4424

Anche a mio avviso è un gran film, specie per i motivi prettamente tecnici evidenziati da Cas, e poi per un Phoenix assurdo (la risata davvero inquietante, gli scoppi di violenza improvvisi in orbita Quei bravi ragazzi, le movenze quasi effeminate del protagonista nel finale, la sua trasformazione che trovo credibile).

E rispetto ai soliti Marvel siamo chiaramente su un pianeta diverso, anche solo per i temi toccati (senza le banalità in stile Avengers, dove certa critica ha scovato significati reconditi, per me sfiorando il ridicolo)

Ciò detto rimangono a mio avviso un eccesso di schematismo e di costruzione a tesi che lo limitano un pochino, ma sono difetti perdonabili se non si pretende di trasformare il film in un apologo di straordinaria profondità.

Quoto Zagor nei riferimenti: Taxi Driver e King of Comedy i più diretti ed espliciti, direi Scorsese declinato in una prospettiva Marvel.

_________________
Qui c'è troppa puzza di Dio.
Top
Profilo Invia messaggio privato
FrancescoB
MessaggioInviato: Sab Ott 12, 2019 7:28 am  Rispondi citando
Music God


Registrato: 08/02/09 19:40
Messaggi: 4424

Io invece mi sono sorbito quasi tre ore del colossal

L'albero degli zoccoli

di Ermanno Olmi. Chi è nato e cresciuto dalle mie parti non può evitare di commuoversi, davanti a questo ritratto al tempo stesso magico e realistico, trasparente e colmo di mistero. Olmi evita le trappole della retorica e racconta la vita di alcune famiglie nella campagna bergamasca a cavallo tra '800 e '900 (incredibile come molte espressioni e molti atteggiamenti si siano tramandati pari pari sino a oggi): i problemi economici, le stagioni, l'istruzione, il legame stretto con le istituzioni ecclesiastiche. Certo, Olmi era un cattolico sinistrorso fatto e finito, da DC progressista, e la cosa emerge lampante, ma non credo sia un difetto nella misura in cui non castra le potenzialità anche narrative del film. Tre ore che volano, per me un capolavoro, uno dei film italiani da ricordare del secolo scorso.

_________________
Qui c'è troppa puzza di Dio.
Top
Profilo Invia messaggio privato
zagor
MessaggioInviato: Sab Ott 12, 2019 11:59 am  Rispondi citando
Music Addicted


Registrato: 15/11/12 21:37
Messaggi: 1490

per me Joker e' un ottimo prodotto di intrattenimento, irrobustito da tentazioni autoriali non del tutto riuscite ( se l'interpretazione di Phoenix permette di scavare a fondo sul personaggio il resto e' un po' didascalico come notava FB, sopratutto nel lato politico-sociologico che si dipana in maniera tutto sommato ingenua )....anyway, un bel 7 se lo merita tutto.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Giorgio_Gennari
MessaggioInviato: Sab Ott 12, 2019 12:08 pm  Rispondi citando
Utente Senior


Registrato: 22/02/18 13:15
Messaggi: 134

Oh, l'albero degli zoccoli, quanti bei ricordi
Top
Profilo Invia messaggio privato
FrancescoB
MessaggioInviato: Sab Ott 12, 2019 12:09 pm  Rispondi citando
Music God


Registrato: 08/02/09 19:40
Messaggi: 4424

L'aspetto che mi ha convinto meno è la tesi sociologica di fondo, come dice Zagor un pochino semplicistica e troppo "necessaria": alienazione e difficoltà lavorative + psicofarmaci + storia familiare difficile con corredo di violenza = il killer psicopatico.

Certo l'autore ha il pregio di trasformare Joker in un essere umano anziché caratterizzarlo quale semplice simbolo negativo quasi astratto (come aveva fatto anche Nolan, che non dava alcuna spiegazione), ma personalmente preferisco gli affreschi sociali più allusivi e simbolici, meno diretti e a tesi.

Propongo un'analogia con Il Silenzio degli Innocenti vs. Hannibal del 2007, anche se premetto che con Joker si paragona due signori film mentre nell'altro caso si paragona un capolavoro e una boiata Laughing

Però ecco il secondo Hannibal oltre a far abbastanza schifo e a splatterare gratuitamente ha lo stesso vizio di essere un film a tesi, lì va beh macroscopica e grossolana (Joker meglio anche su questo fronte ovviamente): il bravo ragazzo nobile che viene rapito e costretto a mangiarsi la sorella= cannibale psicopatico.

Poi io assegno comunque un 7,5 perché al di là del contorno il film mi è piaciuto molto.

_________________
Qui c'è troppa puzza di Dio.
Top
Profilo Invia messaggio privato
PehTer
MessaggioInviato: Sab Ott 12, 2019 12:34 pm  Rispondi citando
Novizio


Registrato: 28/07/14 17:05
Messaggi: 13



Mi aspettavo di più, ma nemmeno posso dirmi insoddisfatto. Era un sequel necessario? Molto probabilmente no, ma almeno ha portato a termine la vicenda del povero Pinkman.

Su qualche attore sono evidenti i segni del tempo, questo rende un po' faticoso collocare mentalmente la vicenda nei giorni immediatamente successivi agli eventi di Felina.

Il duello alla Van Cleef vs Kinski in "Per qualche dollaro in più" è forse troppo caricaturale, ma nel complesso è ben riuscito.
Top
Profilo Invia messaggio privato
FrancescoB
MessaggioInviato: Sab Ott 12, 2019 12:53 pm  Rispondi citando
Music God


Registrato: 08/02/09 19:40
Messaggi: 4424

Sono l'unico che non ha mai seguito la serie neanche per un nanosecondo?

_________________
Qui c'è troppa puzza di Dio.
Top
Profilo Invia messaggio privato
PehTer
MessaggioInviato: Sab Ott 12, 2019 1:14 pm  Rispondi citando
Novizio


Registrato: 28/07/14 17:05
Messaggi: 13

FrancescoB ha scritto:
Sono l'unico che non ha mai seguito la serie neanche per un nanosecondo?


Io mi sono avvicinato all'universo Breaking Bad/Better Call Saul solamente a maggio di quest'anno, mi sono amaramente pentito di non averlo fatto prima e di avere snobbato la serie per anni.
Top
Profilo Invia messaggio privato
FrancescoB
MessaggioInviato: Sab Ott 12, 2019 1:32 pm  Rispondi citando
Music God


Registrato: 08/02/09 19:40
Messaggi: 4424

So che in molti apprezzano, io non mi esprimo perché davvero non so nulla e al momento ho già troppe realtà da monitorare per buttarmi anche sulle serie Tv, però mi sento un po' una mosca bianca. Laughing

_________________
Qui c'è troppa puzza di Dio.
Top
Profilo Invia messaggio privato
FrancescoB
MessaggioInviato: Dom Ott 13, 2019 8:41 am  Rispondi citando
Music God


Registrato: 08/02/09 19:40
Messaggi: 4424

Altro giretto al cinema per vedermi

Martin Eden di Pietro Marcello

Ispirato al celebre romanzo di Jack London, il film media tra la poetica dello scrittore americano e quella tutta campana di Marcello, che per me è tra i registi italiani più interessanti. Il marinaio analfabeta che sogna di diventare scrittore e poi rivoluzionario è rappresentato con efficacia (bravissimo Marinelli), la storia convince così come alcune scelte estetiche surreali. Qualche lungaggine perdonabile. Nel finale il protagonista sembra voler avvicinare la figura di Volontè. Un ottimo film.

_________________
Qui c'è troppa puzza di Dio.
Top
Profilo Invia messaggio privato
hiperwlt
MessaggioInviato: Dom Ott 13, 2019 9:52 am  Rispondi citando
Music God


Registrato: 12/10/08 20:08
Messaggi: 2000

FrancescoB ha scritto:
Altro giretto al cinema per vedermi

Martin Eden di Pietro Marcello

Ispirato al celebre romanzo di Jack London, il film media tra la poetica dello scrittore americano e quella tutta campana di Marcello, che per me è tra i registi italiani più interessanti. Il marinaio analfabeta che sogna di diventare scrittore e poi rivoluzionario è rappresentato con efficacia (bravissimo Marinelli), la storia convince così come alcune scelte estetiche surreali. Qualche lungaggine perdonabile. Nel finale il protagonista sembra voler avvicinare la figura di Volontè. Un ottimo film.


Non ero convintissimo di farlo, ma dato anche il tuo parere lo guarderò ("Martin Eden" è uno dei miei romanzi del cuore) - sperando che la rivisitazione sia degna

_________________
Serve me the sky with a big slice of lemon
Top
Profilo Invia messaggio privato
FrancescoB
MessaggioInviato: Dom Ott 13, 2019 10:55 am  Rispondi citando
Music God


Registrato: 08/02/09 19:40
Messaggi: 4424

Vai vai, per me merita assolutamente. Di Marcello ho sentito parlare molto bene, intendo recuperarmi quanto prima "Bella e perduta", se ben ricordo uscito un paio di anni fa.

_________________
Qui c'è troppa puzza di Dio.
Top
Profilo Invia messaggio privato
FrancescoB
MessaggioInviato: Gio Ott 17, 2019 9:31 am  Rispondi citando
Music God


Registrato: 08/02/09 19:40
Messaggi: 4424

John Cassavetes - Una Moglie


Da appassionato di jazz percepisco immediatamente una certa affinità con il metodo Cassavetes, con il modo in cui pensa il cinema e la comunicazione in genere (e del resto scopro l'acqua calda, Cassavetes adorava il jazz e l'ha omaggiato in due film, tra cui l'esordio del 1959 ambientato nei bassifondi di New York, sua città d'origine).

La tecnica dell'improvvisazione controllata tocca qui forse il punto più alto della sua carriera, anche perché il film è una celebrazione di oltre due ore del talento recitativo superiore di due giganti come Peter Falk e soprattutto Gena Rowlands, che regala una performance da brividi, interpretando una moglie operaia e madre di tre figli in piena crisi di nervi e con tanto di problemi di alcolismo. Cassavetes è ossessionato dall'idea di cinema verità e quindi focalizza tutta l'attenzione sui personaggi e sulla loro totale capacità di immersione in un determinato mood, ancorché esista una traccia narrativa di fondo, che serve però solo a liberare le potenzialità degli attori. A tratti sembra di assistere alle riprese di un normale mènage domestico, ma i climax sono incredibili.

Per avvalorare il crudo realismo - che però non è neorealismo, qui c'è tantissimo teatro dietro - John ha assegnato a sua moglie come marito fittizio il miglior amico di entrambi, Peter Falk (tanto che per un po' di tempo per i due fu quasi impossibile distinguere i ruoli anche fuori dal set, Cassavetes spinse la loro intimità oltre i limiti). Anche i suoceri sono interpretati dai genitori (nessun era un attore professionista) e questo acuisce il senso di realtà, tanto che in diversi passaggi ho pensato di assistere davvero a un documentario domestico.

Tra le vette del cinema anni '70 e tra i capolavori di uno dei registi che amo di più in assoluto.

_________________
Qui c'è troppa puzza di Dio.
Top
Profilo Invia messaggio privato
FrancescoB
MessaggioInviato: Mer Ott 23, 2019 4:14 pm  Rispondi citando
Music God


Registrato: 08/02/09 19:40
Messaggi: 4424

Brian De Palma - Carrie

Gioiello giovanile di De Palma con tanto di pseudo-spoilerata dei traduttori italiani nel titolo, il film racconta le vicende di un'adolescente problematica e bersagliata dai compagni di classe che scopre di avere i superpoteri e si vendica.

Bella l'ambientazione e personalmente ho finito quasi per simpatizzare per la ragazza (una bravissima Sissy Spacek), poi ci sono ingenuità e momenti non riuscitissimi ma nel complesso il giudizio è più che positivo.

_________________
Qui c'è troppa puzza di Dio.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Successivo
Precedente
Pagina 45 di 46
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... , 44, 45, 46  Successivo
Indice del forum  ~  Cinema

Nuovo argomento   Rispondi


 
Vai a:  

Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi




Powered by phpBB and NoseBleed v1.09
phpbb.it