storia_della_musica_home
Autore Messaggio
<  Cinema  ~  L'ultimo film che ho visto
zagor
MessaggioInviato: Dom Nov 03, 2019 8:11 pm  Rispondi citando
Music Guru


Registrato: 15/11/12 21:37
Messaggi: 1501



piaciucchiato assai: aldilà del contesto politico-sociale reso in maniera fedele nel Belgio delle enclaves musulmane che hanno forgiato una generazione di jihadisti, mi è parso intenso, breve e disperato come un ep degli Husker Du
Top
Profilo Invia messaggio privato
FrancescoB
MessaggioInviato: Lun Nov 04, 2019 9:13 am  Rispondi citando
Music God


Registrato: 08/02/09 19:40
Messaggi: 4445

Vedo di recuperarlo, di solito Zagor è una garanzia anche in materia Smile

Io ho visto

Mike Nichols - Chi ha paura di Virginia Woolf?

Tra i film che definiscono l'estetica e i temi della New Hollywood, al tempo salutato come un capolavoro, oggi rimane a mio avviso un signor film appesantito qua e là da uno stile un po' troppo "sopra le righe" e da alcune lungaggini. Burton e la Taylor comunque sono da ovazione e il film anticipa senza dubbio quelle che saranno alcune tra le tematiche cardinali del decennio successivo (la crisi endofamiliare, la frantumazione delle apparenze della società perbenista, un po' in stile Il Nuotatore di John Cheever poi tradotto magistralmente sullo schermo da Burt Lancaster).

_________________
Qui c'è troppa puzza di Dio.
Top
Profilo Invia messaggio privato
FrancescoB
MessaggioInviato: Sab Nov 16, 2019 12:21 pm  Rispondi citando
Music God


Registrato: 08/02/09 19:40
Messaggi: 4445

Chris Marker - Sans Soleil

Sbalorditivo documentario sui generis, e anzi più che di documentario si dovrebbe parlare di un genere a parte al crocevia con il film narrativo vero e proprio. Qui tutto si gioca sulla fotografia, l'unica pecca è qualche scivolone nell'anedottica della voce narrante.

Parlando di Marker, da anni cerco di recuperare "Le fond de l'air est rouge", lavoro di quasi tre ore dedicato alle rivoluzioni del '900, ma è praticamente introvabile.

_________________
Qui c'è troppa puzza di Dio.
Top
Profilo Invia messaggio privato
FrancescoB
MessaggioInviato: Dom Nov 24, 2019 11:25 am  Rispondi citando
Music God


Registrato: 08/02/09 19:40
Messaggi: 4445

Danny Boyle - Yesterday

Mi aspettavo qualcosa di meglio. La premessa è originale e chissenefrega se è del tutto inverosimile, il film ci chiede di credere a una cosa assurda e va bene. Però poi rientra tutto sui binari della commedia romantica, ci sono personaggi poco riusciti o troppo stereotipati (tipo la manager, un Ed Sheeran pessimo), insomma gradevole e nulla di più, peraltro con un finale abbastanza telefonato.

L'aspetto più interessante - ovvero la questione del successo, della fragilità delle barriere che lo separano dall'anonimato, della casualità dell'esistenza - viene quasi subito messo in archivio.

Diciamo un 6+ perché si ascoltano vari brani interessanti.

_________________
Qui c'è troppa puzza di Dio.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Cas
MessaggioInviato: Lun Nov 25, 2019 11:02 am  Rispondi citando
Music God


Registrato: 05/04/07 12:52
Messaggi: 3015
Residenza: Aosta



Molto bello: le visioni della Rohrwacher sono davvero suggestive.

_________________
Un bel disco è un bel disco

https://rateyourmusic.com/~cas87

http://www.monkeythinkmonkeywrite.com/
Top
Profilo Invia messaggio privato MSN
FrancescoB
MessaggioInviato: Lun Nov 25, 2019 3:26 pm  Rispondi citando
Music God


Registrato: 08/02/09 19:40
Messaggi: 4445

Per me un grandissimo film, Rosselliniano nel rielaborare una figura in qualche modo ispirata a San Francesco, ancorché in forme diverse.

Non so te Cas, ma io vedendolo ho pensato a "Francesco Giullare di Dio" (Rossellini), anche se i due film parlano linguaggi molto diversi.

Il film italiano più bello che abbia visto in questi anni, forse accanto a "Mia madre" di Nanni Moretti.

_________________
Qui c'è troppa puzza di Dio.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Cas
MessaggioInviato: Lun Nov 25, 2019 4:01 pm  Rispondi citando
Music God


Registrato: 05/04/07 12:52
Messaggi: 3015
Residenza: Aosta

FrancescoB ha scritto:
Per me un grandissimo film, Rosselliniano nel rielaborare una figura in qualche modo ispirata a San Francesco, ancorché in forme diverse.

Non so te Cas, ma io vedendolo ho pensato a "Francesco Giullare di Dio" (Rossellini), anche se i due film parlano linguaggi molto diversi.

Il film italiano più bello che abbia visto in questi anni, forse accanto a "Mia madre" di Nanni Moretti.


Il paragone con San Francesco è calzante, anche considerando la natura allegorica del film. Ci ho visto anche Pasolini, quel realismo crudo che spesso trasfigura per diventare altro, contemplazione, assurdo...

_________________
Un bel disco è un bel disco

https://rateyourmusic.com/~cas87

http://www.monkeythinkmonkeywrite.com/
Top
Profilo Invia messaggio privato MSN
FrancescoB
MessaggioInviato: Lun Nov 25, 2019 6:06 pm  Rispondi citando
Music God


Registrato: 08/02/09 19:40
Messaggi: 4445

Giusto, molto pasoliniano anche. Il finale mi ha quasi traumatizzato, di certo commosso. Quindi ribadisco, che gran film.

_________________
Qui c'è troppa puzza di Dio.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Cas
MessaggioInviato: Lun Nov 25, 2019 10:23 pm  Rispondi citando
Music God


Registrato: 05/04/07 12:52
Messaggi: 3015
Residenza: Aosta

FrancescoB ha scritto:
Giusto, molto pasoliniano anche. Il finale mi ha quasi traumatizzato, di certo commosso. Quindi ribadisco, che gran film.


Commozione a mille. Ci sono molti momenti di grande cinema: pensavo allo spiazzamento che i vari "salti" di episodio provocano nello spettatore... Prima sembra di essere negli anni '50, poi ad un certo punto non ci si trova più e si capisce di essere a inizio 2000. E ancora, quando Lazzaro fa capolino nella villa, lui giovane, gli altri invecchiati... Insomma, una gestione dei tempi magistrale.
Scena altamente emozionante anche quella del "ringiovanimento" surreale del gruppo di accattoni dopo gli ululati cittadini. Brividi.

_________________
Un bel disco è un bel disco

https://rateyourmusic.com/~cas87

http://www.monkeythinkmonkeywrite.com/
Top
Profilo Invia messaggio privato MSN
FrancescoB
MessaggioInviato: Mar Nov 26, 2019 11:53 am  Rispondi citando
Music God


Registrato: 08/02/09 19:40
Messaggi: 4445

Quoto tutto.

Ieri sera invece mi sono gustato

Carmelo Bene - Un Amleto di meno

Barocco, eccessivo, folle e geniale come Carmelo Bene stesso. Anche qui è fondamentale approcciarsi conoscendo bene la poetica e l'estetica dell'autore: Bene riscrive completamente la celeberrima tragedia, mediando un po' tra Sheakspeare e Laforgue, inserisce idee e momenti rubati ad altri classici (i riferimenti a Lancillotto e Ginevra?!), impreziosisce l'estetica con alcune idee surreali (il cimitero in riva al mare?! Il lungo monologo iniziale che ti fa dire boh!?)

Ma soprattutto rovescia i canoni della recitazione: sembra un invasato nei momenti in cui ti attendi una recitazione misurata, poi riscrive in modo assurdista il celebre monologo e lo recita con aria assente, annoiata. Non per tutti i gusti, ma per me notevole.

_________________
Qui c'è troppa puzza di Dio.
Top
Profilo Invia messaggio privato
zagor
MessaggioInviato: Ven Nov 29, 2019 12:56 pm  Rispondi citando
Music Guru


Registrato: 15/11/12 21:37
Messaggi: 1501




Un pugno nello stomaco, conclusione oscura e inquietante della trilogia gangster del buon Martin dopo "goodfellas" e "casino". Ma forse rappresenta anche la fine di un modo di fare cinema che si sta lentamente estinguendo ( con buona pace dei pur gradevoli fumettoni alla "Joker", che a questo film puo' giusto portare la borsa), come i vecchi leoni della New Hollywood. De Niro magistrale.
Top
Profilo Invia messaggio privato
FrancescoB
MessaggioInviato: Ven Nov 29, 2019 2:19 pm  Rispondi citando
Music God


Registrato: 08/02/09 19:40
Messaggi: 4445

Ti piaciuto fino a questo punto, Zagor? Allora me lo devo recuperare.

Tra i giganti della New Hollywood, Scorsese è l'unico a essere invecchiato davvero bene a mio avviso. In assoluto io preferisco Robert Altman, per me il miglior regista di quella fase, capace di pubblicare nell'arco di un decennio abbondante qualcosa come sette o otto lavori indimenticabili, e di tornare in auge negli anni '90 con altre gemme; però ecco Altman qualche passaggio a vuoto in più l'ha sofferto da maturo, mentre Scorsese ha sbagliato poco nulla, benché io trovi film come Gangs of New York o The Wolf of Wall Street buoni ma non trascendentali.

_________________
Qui c'è troppa puzza di Dio.
Top
Profilo Invia messaggio privato
FrancescoB
MessaggioInviato: Ven Nov 29, 2019 2:26 pm  Rispondi citando
Music God


Registrato: 08/02/09 19:40
Messaggi: 4445

A proposito di Altman, consiglio vivamente a tutti

Tre Donne


Quasi l'anello di congiunzione tra Persona e Mulholland Drive, intreccia le vicende delle tre protagoniste in modo ora surreale, ora tragico, ora quasi disturbante. L'ambientazione - una casa di cura per anziani nell'entroterra californiano - rende il tutto ancor più sinistro e angosciante, forse perché gioca proprio sui contrasti con la torbidità della vicenda. Per me ad Altman è riuscito anche di meglio, ma questo grande dramma al femminile merita una visione e rimane un gioiello sui generis.

_________________
Qui c'è troppa puzza di Dio.
Top
Profilo Invia messaggio privato
zagor
MessaggioInviato: Ven Nov 29, 2019 3:19 pm  Rispondi citando
Music Guru


Registrato: 15/11/12 21:37
Messaggi: 1501

per me è il miglior Scorsese dai tempi proprio di Casino. Gangs of New York troppo pesante e logorroico (cercava di fare un kolossal alla Leone senza riuscirci) e Wolf of Wall STreet un po' troppo piacione ( ben altra cosa era Wall Street di Stone), qui torniamo all'eccellenza assoluta

Altman altro eroe, Nashiville uno dei miei film preferiti di sempre.
Top
Profilo Invia messaggio privato
FrancescoB
MessaggioInviato: Ven Nov 29, 2019 3:28 pm  Rispondi citando
Music God


Registrato: 08/02/09 19:40
Messaggi: 4445

Quoto ogni considerazione, anche "Silence" - che devia un po' rispetto ai suoi schemi classici - è un buon film ma a mio avviso privo del quid.

Se qui mi dici che si torna in orbita capolavoro, volo. Io peraltro negli ultimi vent'anni ho adorato i due documentari dedicati a Dylan, bellissimo anche quello uscito pochi mesi or sono, ma confesso che mi mancano The Departed e pure Shutter Island, che prima o poi dovrò recuperare.

Parlando di Altman, la sequenza MASH I Compari Gang Il Lungo Addio California Poker Nashville Tre Donne Un matrimonio Jimmy Dean, Jimmy Dean è spaventosa, e pure i film di contorno sono più che buoni. Come detto, per me grande anche negli anni '90 con un paio di lavori imperdibili.

_________________
Qui c'è troppa puzza di Dio.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Successivo
Precedente
Pagina 46 di 47
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... , 45, 46, 47  Successivo
Indice del forum  ~  Cinema

Nuovo argomento   Rispondi


 
Vai a:  

Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi




Powered by phpBB and NoseBleed v1.09
phpbb.it