storia_della_musica_home
Autore Messaggio
<  Musica  ~  Canzone d'autore italiana
FrancescoB
MessaggioInviato: Dom Dic 08, 2019 10:06 am  Rispondi citando
Music God


Registrato: 08/02/09 19:40
Messaggi: 4508

Alias, secondo me, il prodotto migliore della nostra scuola. Per carit, c' la parabola del progressive e c' il rock alternativo/indie che dagli anni '80 sino a oggi ha scodellato lavori notevoli, ma secondo me Italia e Francia spiccano sulla concorrenza (esclusi gli USA, che sono caso a parte anche qui) proprio in ambito autoriale.

Postate tutti i dischi e gli artisti che reputate degni di nota e catalogabili come "cantautorali", spero di scoprire qualcosa di nuovo.

Io ho scoperto di recente "Al mercato degli uomini piccoli" di Mauro Pelosi, lavoro dalle sfumature progressive risalente al 1973, quando l'autore aveva 24 anni. Alcuni pezzi sono da pelle d'oca, ma i testi sembrano un'istigazione al suicidio e davvero vedo pochi spiragli di luce in questa spelonca. Per, ecco, se si avvezzi a certe proposte secondo me Pelosi dovrebbe piacere.

Flavio Giurato - Il Tuffatore: se lo state pensando anche voi la risposta s, Flavio fratello del Luca televisivo, ma pare che talento e neuroni siano stati distribuiti in modo iniquo in famiglia ghghg Disco della madonna, quando lo rimetto nel lettore mi scopro sempre con la mandibola per terra.

_________________
Qui c' troppa puzza di Dio.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Cas
MessaggioInviato: Dom Dic 08, 2019 11:42 am  Rispondi citando
Music God


Registrato: 05/04/07 12:52
Messaggi: 3029
Residenza: Aosta

FrancescoB ha scritto:


Flavio Giurato - Il Tuffatore: se lo state pensando anche voi la risposta s, Flavio fratello del Luca televisivo, ma pare che talento e neuroni siano stati distribuiti in modo iniquo in famiglia ghghg Disco della madonna, quando lo rimetto nel lettore mi scopro sempre con la mandibola per terra.


Splendido Giurato.

Io aggiungo Vocazione di Enzo Carella, altro splendido artista che sta venendo riscoperto recentemente.

_________________
Un bel disco un bel disco

https://rateyourmusic.com/~cas87

http://www.addendablog.com/
Top
Profilo Invia messaggio privato MSN
zagor
MessaggioInviato: Dom Dic 08, 2019 11:59 am  Rispondi citando
Music Guru


Registrato: 15/11/12 21:37
Messaggi: 1542

bel topic



inizio con un classico che mi porto sempre nel corazon. musicalmente superbo (mangiafuoco ha una chitarra quasi shoegaze) e testi stralunati e corrosivi






Top
Profilo Invia messaggio privato
zagor
MessaggioInviato: Dom Dic 08, 2019 12:05 pm  Rispondi citando
Music Guru


Registrato: 15/11/12 21:37
Messaggi: 1542

FrancescoB ha scritto:


Io ho scoperto di recente "Al mercato degli uomini piccoli" di Mauro Pelosi, lavoro dalle sfumature progressive risalente al 1973, quando l'autore aveva 24 anni. Alcuni pezzi sono da pelle d'oca, ma i testi sembrano un'istigazione al suicidio e davvero vedo pochi spiragli di luce in questa spelonca. Per, ecco, se si avvezzi a certe proposte secondo me Pelosi dovrebbe piacere.

.


mi manca, grazie per la segnalazione.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Giorgio_Gennari
MessaggioInviato: Dom Dic 08, 2019 12:30 pm  Rispondi citando
Utente Senior


Registrato: 22/02/18 13:15
Messaggi: 180

MA CHE BELLISSIMO TOPIC!

Segnalo due canzoni: Sassi, Gino Paoli, molto vecchia ma bellissima; e, visto che si parla di Bennato, Un Giorno Credi, per me la sua canzone pi bella (che "L'isola che non c'" spostati, e di molto), testo struggente di Patrizio Trampetti su un uomo che ha fallito la sua vita e che si scusa inventando finti incidenti - commovente come poche.
Top
Profilo Invia messaggio privato
FrancescoB
MessaggioInviato: Dom Dic 08, 2019 2:28 pm  Rispondi citando
Music God


Registrato: 08/02/09 19:40
Messaggi: 4508

Grazie Cas per Carella, davvero mai approfondito e forse giunta l'ora.

Burattino senza fili per me il capolavoro di Bennato.

Rilancio con altro nome decisamente insolito:

Juri Camisasca - La Finestra Dentro

Su RYM un commento dice che pare il disco di uno che da bambino stato violentato dai preti e si rifugiato in montagna e un po' vero, qui il termine eccentrico non rende l'idea Laughing

Non tutto scorre bene, ma il lavoro merita rispetto e considerazione, veramente sui generis.

_________________
Qui c' troppa puzza di Dio.
Top
Profilo Invia messaggio privato
FrancescoB
MessaggioInviato: Dom Dic 08, 2019 2:28 pm  Rispondi citando
Music God


Registrato: 08/02/09 19:40
Messaggi: 4508

Giorgio_Gennari ha scritto:
MA CHE BELLISSIMO TOPIC!

Segnalo due canzoni: Sassi, Gino Paoli, molto vecchia ma bellissima; e, visto che si parla di Bennato, Un Giorno Credi, per me la sua canzone pi bella (che "L'isola che non c'" spostati, e di molto), testo struggente di Patrizio Trampetti su un uomo che ha fallito la sua vita e che si scusa inventando finti incidenti - commovente come poche.


Era tra le canzoni preferite di mia mamma, da bambino me la sar sorbita 1456 volte ghggh

Pezzo clamoroso in ogni caso, anche per me una gemma.

_________________
Qui c' troppa puzza di Dio.
Top
Profilo Invia messaggio privato
FrancescoB
MessaggioInviato: Dom Dic 08, 2019 2:36 pm  Rispondi citando
Music God


Registrato: 08/02/09 19:40
Messaggi: 4508

Giusto un po' pi noti:

Faust'O - Suicidio: cantautore a modo suo, molto in orbita new wave britannica e poi Bowie e Roxy Music. Testi che sono un delirio a tratti disturbante, magnifiche le allusioni sessuali, l'inno al Suicidio ancora oggi suona sinistro. Capolavoro.

Claudio Lolli - Disoccupate le strade dai sogni: segue il capolavoro "Ho visto anche degli zingari felici", meno ricco e interessante sul piano musicale, rimane di categoria superiore sul versante lirico. Credo che Lolli abbia scritto i testi migliori di tutta la canzone italiana.

Il giorno di solito comincia sporco/ come l'inchiostro del nostro giornale.

Il cantautore del '77, lontano per fortuna da ogni sospetto di retorica e sfortunatamente per lui sempre a un passo dal dirupo della depressione.

_________________
Qui c' troppa puzza di Dio.
Top
Profilo Invia messaggio privato
zagor
MessaggioInviato: Dom Dic 08, 2019 3:29 pm  Rispondi citando
Music Guru


Registrato: 15/11/12 21:37
Messaggi: 1542

tra i lavori piu' di nicchia menzionerei "come barchette dentro un tram " di Alfredo Cohen, divertente cabaret battiatesco

Top
Profilo Invia messaggio privato
Cas
MessaggioInviato: Dom Dic 08, 2019 4:06 pm  Rispondi citando
Music God


Registrato: 05/04/07 12:52
Messaggi: 3029
Residenza: Aosta

Come non citare anche lo splendido esordio di Alberto Fortis?

Un lavoro che non stanca mai.


_________________
Un bel disco un bel disco

https://rateyourmusic.com/~cas87

http://www.addendablog.com/
Top
Profilo Invia messaggio privato MSN
FrancescoB
MessaggioInviato: Dom Dic 08, 2019 4:07 pm  Rispondi citando
Music God


Registrato: 08/02/09 19:40
Messaggi: 4508

Mi manca, vedo di recuperarlo (EDIT: intendo il disco citato da Zagor, quello di Fortis fortunatamente lo conosco ed uno spettacolo, specie per "Il Duomo di notte").

Sabato ho ripreso in mano anche Discanto di Ivano Fossati, forse il suo lavoro pi maturo e ambizioso, sia in termini di arrangiamenti che letterari (i noti riferimenti ai processi del '600). Io per preferisco di poco La pianta del t del 1989.

_________________
Qui c' troppa puzza di Dio.
Top
Profilo Invia messaggio privato
FrancescoB
MessaggioInviato: Dom Dic 08, 2019 4:15 pm  Rispondi citando
Music God


Registrato: 08/02/09 19:40
Messaggi: 4508

Ah, per me obbligatori anche Il re non si diverte e L'uomo che si gioca il cielo a dadi di Vecchioni.

Non amo buona parte della sua produzione, per a mio parere questi due dischi sono cantautorato colto eppure toccante, raffinato e al tempo stesso emozionante, complesso e diretto. Luci a San Siro inflazionata ma chissenefrega, ti fa rizzare i peli anche in punti del corpo dove non hai i peli, e c' molto altro.

_________________
Qui c' troppa puzza di Dio.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Giorgio_Gennari
MessaggioInviato: Dom Dic 08, 2019 7:30 pm  Rispondi citando
Utente Senior


Registrato: 22/02/18 13:15
Messaggi: 180

La title-track della Pianta del T uno spettacolo raro nella Canzone italiana
Top
Profilo Invia messaggio privato
theRaven
MessaggioInviato: Dom Dic 08, 2019 8:49 pm  Rispondi citando
Utente Junior


Registrato: 09/01/14 20:25
Messaggi: 59

Per quanto riguarda Alberto Fortis, citerei Tra demonio e santit, che gradisco anche pi del precedente.
Di Ivano Fossati ricorderei Macram.
Aggiungo molto volentieri Eugenio Finardi, soprattutto Diesel e
Pino Daniele con Nero a met, Vai m, Bellambriana, Sci.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Cas
MessaggioInviato: Lun Dic 09, 2019 12:18 pm  Rispondi citando
Music God


Registrato: 05/04/07 12:52
Messaggi: 3029
Residenza: Aosta

Il Venditti di Lilly, ma anche di Le cose della vita e Sotto il segno dei pesci.

_________________
Un bel disco un bel disco

https://rateyourmusic.com/~cas87

http://www.addendablog.com/
Top
Profilo Invia messaggio privato MSN
Mostra prima i messaggi di:   
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Successivo
Precedente
Pagina 1 di 5
Vai a 1, 2, 3, 4, 5  Successivo
Indice del forum  ~  Musica

Nuovo argomento   Rispondi


 
Vai a:  

Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi




Powered by phpBB and NoseBleed v1.09
phpbb.it