storia_della_musica_home
Autore Messaggio
<  Musica  ~  LA CLASSIFICA DEL DECENNIO
Lobo
MessaggioInviato: Sab Gen 09, 2010 12:52 pm  Rispondi citando
Utente Junior


Registrato: 25/03/09 18:57
Messaggi: 31

Madonna che palle! La classifica del decennio? Non ce la farete mai! Tutti a votare i Radiohead, gli Arcade Fire... Se va bene ne vengono fuori 10 di dischi del decennio, e sempre gli stessi! Lasciate perdere che è meglio.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Luca Minutolo
MessaggioInviato: Mer Gen 13, 2010 10:42 am  Rispondi citando
Utente Senior


Registrato: 04/09/09 10:45
Messaggi: 134

Mi limito al podio "minimo" di 3 posizioni....

3- Tool - Lateralus

Perchè semplicemente per strutturazione, solennità e tecnica è un disco inarrivabile che ha aperto una nuova concezione di Metal del nuovo millennio...

2- Queens Of The Stone Age - Songs For The Deaf

Perchè Josh Homme e Nick Oliveri hanno confezionato l'album ROCK per eccellenza di questa decade. Un mix letale di Stoner, Rock e Punk da far tremare i polsi. Se poi aggiungiamo Dave Grohl alle pelli e Mark Lanegan alle parti vocali, il cerchio si chiude perfettamente. Chi ne rimane circoscritto non può non uscirne folgorato.

1- Radiohead - In Rainbows

In barba al consenso totale della stampa nei riguardi di Kid A come disco del decennio, In Rainbows è la summa totale delle capacità compositive di Thom Yorke e Soci, al contrario del pur magnifico Kid A in cui la materia elettronica era ancora troppo "grezza" e primitiva, in In Rainbows la matrice Rock e quella Digitale si mescolano alla perfezione di musica ultraterrena.
Inoltre la rivoluzione di marketing discografico che rappresenta In Rainbows è un fattore aggiunto e assolutamente da non trascurare. In una parola: PERFEZIONE. Sotto ogni punto di vista.
Top
Profilo Invia messaggio privato
bill_carson
MessaggioInviato: Mar Gen 19, 2010 12:23 am  Rispondi citando
Utente Senior


Registrato: 12/01/10 00:10
Messaggi: 194

Inviato: Sab 02 Gen 2010, 23:43 Oggetto:

--------------------------------------------------------------------------------

1.Arcade Fire - Funeral
2.Sigur Ros - ()
2.Eels - Blinking Lights And Other Revelations
3.Fiery Furnaces - Blueberry Boat
4.Wilco - Yankee Hotel Foxtrot
5.TvOnTheRadio - Return To Cookie Mountain
6.Andrew Bird - The Mysterious Production Of Eggs
7.Grinderman - Grinderman
8.Elbow - The Seldom Seen Kid
9.Yo La Tengo - Popular Songs
10.Doves - Kingdom Of Rust

L'ho buttati senza pensarci tanto sennò quei due neuroni che c'ho me li bruciavo. Ho tenuto anche conto un pò della "rappresentatività", ma non chiedetemi di spiegare il concetto Laughing .

Lasciati fuori Fennesz, Radiohead, Erykah Badu, Coldplay, Lucero, Chesnutt, Ryan Adams, Black Dice, Heliocentrics, Alicia Keys, Anti-Pop Consortium.. fanculo le classifiche.
Top
Profilo Invia messaggio privato
galassiagon
MessaggioInviato: Ven Gen 22, 2010 1:32 pm  Rispondi citando
Utente Senior


Registrato: 03/01/10 20:01
Messaggi: 140

1- Dirty 3 - Whatever You Love...
2- Cat Power - You Are Free
3- Panda Bear - Person Pitch
4- Tv On The Radio - Return To Cookie Mountain
5- Roy Montgomery - The Allegory of Hearing
6- Ooioo - Taiga
7- Carla Bozulich - Evangelista
8- Lou Reed - Ecstasy
9- Lydia Lunch - Smoke in the Shadows
10- Boss Hog - Without
11- Califone- Heron King Blues
Top
Profilo Invia messaggio privato
target
MessaggioInviato: Sab Gen 23, 2010 1:45 pm  Rispondi citando
Music God


Registrato: 17/01/07 16:55
Messaggi: 5480

IraKaplan ha scritto:
8.Elbow - The Seldom Seen Kid


Bello, ma così tanto?

Certo, è uno di quegli album 'pop', di eleganza e classe notevoli, che non si ascoltano facilmente. "Some riot" sul resto.
Top
Profilo Invia messaggio privato
hiperwlt
MessaggioInviato: Sab Gen 23, 2010 2:17 pm  Rispondi citando
Music Guru


Registrato: 12/10/08 20:08
Messaggi: 1920

target ha scritto:
IraKaplan ha scritto:
8.Elbow - The Seldom Seen Kid


Bello, ma così tanto?

Certo, è uno di quegli album 'pop', di eleganza e classe notevoli, che non si ascoltano facilmente. "Some riot" sul resto.


anch' io l'ho inserito in quella del decennio. elagantissimo pop, sì; e resta, a mio parere, il più riuscito degli elbow dietro a "asleep in the back". la mia preferita di seldom è invece, "weather to fly"
http://www.youtube.com/watch?v=f724-IJc1wM
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage MSN
bill_carson
MessaggioInviato: Sab Gen 23, 2010 6:50 pm  Rispondi citando
Utente Senior


Registrato: 12/01/10 00:10
Messaggi: 194

Gli Elbow sono i maghi del pop impiombato Laughing .
No vabè, le loro canzoni hanno il difetto d'essere un pò "statiche", ma nell'ultimo disco secondo me hanno aggiunto un pò di movimento senza perdere d'intesità, con gli archi a rifinire il tutto.
Suoni curati, psichedelia d'atmosfera, rhythm and blues, Peter Gabriel, componente soul, malinconia brit, trionfalismo alla Verve.

The Seldom Seen Kid è un piccolo Dark Side Of The Moon post-brit-pop.
Top
Profilo Invia messaggio privato
bill_carson
MessaggioInviato: Dom Gen 24, 2010 7:16 pm  Rispondi citando
Utente Senior


Registrato: 12/01/10 00:10
Messaggi: 194

galassiagon ha scritto:

11- Califone- Heron King Blues


Bravo Cool .
Top
Profilo Invia messaggio privato
skyreader
MessaggioInviato: Lun Feb 08, 2010 4:12 pm  Rispondi citando
Novizio


Registrato: 02/12/09 18:19
Messaggi: 18

In ritardo, posto la mia "listona"... più che altro questi gli ascolti che mi hanno acompagnato più di altri in questi dieci anni. Saranno capolavori "oggettivamente"? Chi può dirlo. Per me hanno significato davvero molto. TUTTI... anche se ho dovuto mettere delle priorità.

I primi dieci
Radiohead "Kid A" (2000)
La frattura fra i vecchi RH e i nuovi, fra il vecchio millennio e il nuovo. Un dolore abissale senza soluzione: quando l'involuzione diventa avanguardia.
Battles "Mirrored" (2007)
L'unica vera scintilla di modernità del decennio riluce di genio e pazzia. Più pazzia che genio, ma va bene così. E tanta geometria, ma come in un quadro di Picasso.
no-man "Together We're Stranger" (2003)
La poesia tra crepuscolo e oblio dei no-man al suo vertice espressivo. Fragoroso solo come un sussurro può esserlo.
Portishead "Third" (2008)
Il ritorno dei Portishead è meglio degli esordi: dal campionamento alla pienezza, dalla cultura dub a quella kraut-rock. Unico limite: dolorisissimo, troppo doloroso: da starci male ogni volta. Per dirla alla Conrad: "too dark, too dark indeed". Per questo imperdibile.
Elbow "Asleep In The Back" (2001)
Gli Elbow non saranno mai più geniali come lo sono stati in questo debutto dalla decennale gestione. Esordiscono "vecchi" e maturi: lo si sente nella musica e nelle gabrielliane corde vocali di Guy Garvey.
Isis "Panopticon" (2004)
Il post-rock in una nuova definita declinazione. Duro, durissimo, dolce, dolcissimo. Sangue che scorre lento e vitale.
Archive "Controlling Crowds" (2009)
Incredibile ripresa degli Archive, dati per finiti. Un concept album che concentra in un unico fluire Sylvian/Massive Attack/Radiohead/Depeche Mode. Realmente Crossover, modernamente Progressive.
Beck "Sea Change" (2002)
Il disco che non t’aspetti dall’artista che non t’aspetti: il giocattolaio matto dedito alla ricomposizione in chiave dadaista di frammenti di folk/rap/elettronica/blues, stavolta si trasforma in una sorta di novello spaventapasseri Barrettiano in chiave intimista. Emozionale e emozionante come non mai.
A Perfect Circle "13th Step" (2003)
Meno colti, meno introversi, meno tecnici, meno originali dei Tool. Eppure immensamente più comunicativi dei Tool, più fluidi, più new-wave. Non sempre cià che è semplice è facile.
Marillion "Marbles" (2004)
I Marillion cambiano pelle per una pietra miliare in cui forse non tutto è luce, ma non solo non ci sono cadute, anzi qui almeno quattro tra migliori brani di sempre.

I secondi venti:
Bjork "Vespertine" (2001)
Dagli ammiccamenti colto-pop ad una opera dall’aria religiosa. Il fuoco sotto il ghiaccio riluce di più di quello in superficie. Il poema più intenso del cigno islandese.
Oceansize "Effloresce" (2003)
Le premesse e le promesse (mantenute) c’erano già in quell’esordio al fulmicotone: sintesi del miglior rock Anni ’90 con tanta voglia di nuovo nel sangue. In più tanta voglia di rock, più che di post. La somma Soundgarden+Faith No More+Tool+Mogwai non basta a definirli.
Brian Eno "Another Day On Earth" (2005)
Eno che stupisce ancora? No, questo no. Però tira fuori una summa (vabbé un Bignami) di filosofia Enogastronomica in grado di definire in tre quarti d’ora la storia degli ultimi 40 anni di musica.
Mogwai "Happy Songs For Happy People" (2003)
Il disco più “delicato” degli scozzesi e il più similare agli stilemi dei Sigur Ros. Poetico come non mai: le apocalissi sono solo sottocutanee: ma il cuore esplode ugualmente.
Sigur Ros "( )" (2003)
Il disco fraparentesi abbraccia tutta l’atmosfera brumosa d’Islanda e la soffia forte verso l’Europa. Tutta la loro forza espressiva un attimo prima che la magia inizi a svanire.
Anekdoten "Gravity" (2005)
Gli svedesi al ritorno con il loro disco più diretto e moderno. La band non cede di una virgola e tutto funziona forse come mai accaduto prima. Brani memorabili, ancora di più in contesto live.
Rachel’s "Systems/Lawyer" (2003)
La “colta” Rachel Grimes e il suo ensemble in grado di stupire anche dopo il masterpiece “Selenography” di 5 anni prima. Post-rock da camera elevato da una scrittura compositiva altissima. Quasi siderale. Certamente imperdibile.
Notwist “Neon Golden” (2001)
Solo pochi appena uscito ne seppero cogliere le conseguenze che avrebbe portato: elettro-pop-rock argutissimo e spiraliforme. Solo un gruppo nato come side-project degli sperimentali Tied & Tickled Trio avrebbe potuto sfornare.
Hood "Cold House” (2001)
Rock elettronico minimale e risoluto, in grado di trarre le migliori intuzioni dell’elettronica sperimentale Anni ’70 e travasarla nel nuovo millennio con fare dialettico.
65daysofstatic "The Destruction Of Small Ideas” (2007)
Un’alchimia elettro-rock senza precedenti, presentata in un rigore strumentale iridescente. Electro-rock pulsante che invade gli anfratti dell’anima pacificando la rabbia umana, ma allertando i sensi in modo urgente.
Anathema “A Natural Disaster” (2003)
Gli Anathema si evolvono, lasciandosi riffoni e assoli alle spalle. Con questa opera triste e profondamente Floydiana, moderna e intensissima, superano con un salto tutti i gruppi che con fare prog-metallaro vorrebbero primeggiare.
Tom Yorke “The Eraser” (2006)
Il folletto di Oxford in completa navigazione solitaria ipotizza una strada senza i Radiohead. Trova una sua identità intrinsecamente elettronica ma trasuda umanità da tutti i bit.
Gazpacho “Tick Tock” (2009)
Nuovo concept album, nuova ambientazione: il deserto di Saint-Exupery. La topografia musicale diventa ricercatissima e ispirata come mai in passato. Una emozione dopo l’altra.
Early Day Miners “Offshore” (2006)
Gli EDM hanno saputo andar oltre i propri standard compositivi, riuscendo a dar pieno respiro alla propria scrittura tanto da rendere “Offshore” una vera e propria suite o un concept album che sa prendere d’assedio cuore e psiche.
Four Tet "Rounds” (2003)
Un album in grado di rimettere in gioco le prospettive dell’elettronica contemporanea. Risultati incredibili a partire da suoni ordinari. Miracolo dell’umano o delle macchine? Il dubbio è aperto.
Steven Wilson “Insurgentes” (2008)
Wilson solista batte le strade che i Porcupine Tree non hanno battuto nell’ultimo decennio. I risultati sono superiori ad ogni lecita aspettativa. Quello che i PT hanno smesso di comunicare.
Nine Inch Nails “Ghosts I-IV” (2008)
Opera di moderna musica (con)temporanea: un campionario di ossa frantumate tra elettronica applicata alla ricerca sonora e rock dal DNA mutato.
Centrozoon “Never Trust The Way You Are” (2005)
Il gruppo elettronico tedesco realizza il suo album più compiuto. Pura elettronica Frippiana con special guest Tim Bowness alla voce. Comunicativo e cervellotico allo stesso tempo.
Tarentel “We Move Through Weather” (2004)
Questo è un disco che rivela i propri accessi solo a patto che cerchiate con lui una sintonia vera. E’ debordante e, a volte, frastornante. Molto rumore per nulla? Potrebbe chiedere qualcuno. No, questo disco è semplicemente un disco da avventurieri per avventurieri.
Ulver “Shadows Of The Sun” (2007)
Ambient sacerdotale spessissimo, densissimo. La poetica brumosa degli Ulver cambia pelle e converte gli animi. Ma è un sole oscuro.

Gli ultimi 20:
Air “The Virgin Suicides O.S.T.”
Mothlite “The Flax Of Reverie”
Oceansize “Frames”
Red Sparowes “At The Soundless Dawn”
Mercury Rev “All Is Dream”
Grandaddy “The Sophtware Slump”
Radiohead “In Rainbows”
NoSound “A Sense Of Loss”
Isis “In The Absence Of Truth”
The Flaming Lips “At War With Mystics”
Tool “Lateralus”
King Crimson “The ConstruKction Of Light”
Have A Nice Life “Deathconsciousness”
Yo La Tengo “…And Then Nothing Turned Itself-Out”
Jesu “Conqueror”
Godspeed You Black Emperor “Lift Your Skinny Fists…”
No-man “Returning Jesus”
Explosions In The Sky “Earth is Not A Cold Dead Place”
Rome “Masse Mensch Material”
iLiKETRAiNS “Elegies To Lessons Learnt”


Bye,
Stefano
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
target
MessaggioInviato: Lun Feb 08, 2010 5:05 pm  Rispondi citando
Music God


Registrato: 17/01/07 16:55
Messaggi: 5480

Citazione:
Archive "Controlling Crowds" (2009)
Incredibile ripresa degli Archive, dati per finiti. Un concept album che concentra in un unico fluire Sylvian/Massive Attack/Radiohead/Depeche Mode. Realmente Crossover, modernamente Progressive.


Addirittura? Io li seguivo quando suonavamo come dei trip-hoppettari arrivati in leggero ritardo (se non ricordo male, avevano una "again" notevolissima), ma poi li ho abbandonati. Merita davvero così tanto?
Top
Profilo Invia messaggio privato
skyreader
MessaggioInviato: Mar Feb 09, 2010 11:10 am  Rispondi citando
Novizio


Registrato: 02/12/09 18:19
Messaggi: 18

Ci crederesti che pochi mesi fa neppure mi ero accorto (interessato) che questo album fosse uscito?? In realtà ne è pure uscito un successivo ... "Controlling Crowds Pt.IV". Infatti ci troviamo davanti ad un "concept album"... perche il "Controlling Crowds" a cui mi riferisco nella listona contiene le canzoni affrenti alle parti I, II e III della storia. Ma come un concept album ANCORA nel 2009, domanderà qualcuno...
In realtà non sono mai stato un FANatico degli Archive, che ho ritenuto forse troppo pretenziosi nel cercare di ottenere la FORMULA MAGICA dell'alchimia in musica. Certo alcuni risultati di eccellenza li hanno raggiunti, in singoli brani. A loro, sotto vari aspetti ho preferito le loro "unità" di riferimento (appunto Massive Attack, Radiohead...). Però oggi il loro nuovo lavoro mi pare un disco coerente e ispirato più di altri gruppi che anni fa ritenevo surclassarli. Siamo ancora in ambito di sintesi di musica altrui, ma tutto funziona alla perfezione, in profondità e in superficie. Dal vivo OGGI sono strabilianti. Forse è una forzatura inserire fra i primi dieci album del decennio un disco così, come dire, "fresco"... me ne rendo conto. generalmente ci metto anni a decretare le sorti di un disco. Diciamo che stavolta ho fatto un "salto di fede". E poi c'è quella "Collapse/Collide" che mi srtavolge e mi commuove, tanto è la summa di molte delle cose che amo di più in musica... Depeche Mode, David Sylvian, Gathering sublimati in una unica essenza...


Ciao!

Stefano
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
gull
MessaggioInviato: Dom Feb 14, 2010 7:18 pm  Rispondi citando
Utente Senior


Registrato: 12/10/09 23:02
Messaggi: 171
Residenza: qui e qua e forse anche quo

In ordine sparso:

Gowns "red state"
Godspeed you black emperor "Lift Your Skinny Fists Like Antennas To Heaven"
Matt Elliott "The mess we made"
Songs:ohia "Ghost tropic" + "Didn't it rain"
Cat Power "you are free"
DM Stith "heavy ghost"
Soap & Skin "lovetune for vacuum"
Flaming Lips "Embryonic"
Portishead "Third"
Radiohead "Kid a" + "Amnesiac"
Tom Waits "Alice"
Devendra Banhart "Oh me Oh ....."
Bachi da pietra "tarlo terzo"
Low "trust"
Jason Molina "let me go"
Sufjan Stevens "Illinois"
Asa Chang & Junray "Jun Ray Song Chang"
Black heart procession "the spell"
A silver Mt. Zion "He has left....."
Vic Chesnutt "north star deserter"
Greg Ashley "Medicine fuck dream"
Mi and l'au "omonimo"

Fuori da ogni classifica:
Charalambides + Cristina Carter
William Basinski


L'ultima modifica di gull il Lun Feb 15, 2010 4:43 pm, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato
fabfabfab
MessaggioInviato: Lun Feb 15, 2010 11:19 am  Rispondi citando
Music God


Registrato: 07/06/08 13:04
Messaggi: 6915

Gull ti prego togli quell'avatar gigantesco Evil or Very Mad

_________________
http://nientaltrodafare.altervista.org/
Musica meticcia, parole incrociate e cani bastardi
Top
Profilo Invia messaggio privato
gull
MessaggioInviato: Lun Feb 15, 2010 12:38 pm  Rispondi citando
Utente Senior


Registrato: 12/10/09 23:02
Messaggi: 171
Residenza: qui e qua e forse anche quo

fabio codias ha scritto:
Gull ti prego togli quell'avatar gigantesco Evil or Very Mad


Fatto! E' stato difficile, ma ce l'ho fatta! Wink
Top
Profilo Invia messaggio privato
Bellerofonte
MessaggioInviato: Ven Mar 26, 2010 8:33 pm  Rispondi citando
Utente Master


Registrato: 26/03/10 20:10
Messaggi: 204

Approfitto di questa interessante discusione nche per presentarmi.

SIGUR RòS - ( )
ARCADE FIRE - Funeral
THE STROKES - Is This It?
RADIOHEAD - Kid A
THE LIBERTINES - Up The Bracket!
COLDPLAY - A Rush Of Blood to the Head
JENS LEKMAN - Night falls over Kortedala
FLEET FOXES - Fleet Foxes
WHITE STRIPES - White Boold Cells
PATRICK WOLF - The Magic Position
WILCO - Yankee Hotel Foxtrot
THE NATIONAL - Boxer
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Successivo
Precedente
Pagina 10 di 12
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 9, 10, 11, 12  Successivo
Indice del forum  ~  Musica

Nuovo argomento   Rispondi


 
Vai a:  

Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi




Powered by phpBB and NoseBleed v1.09
phpbb.it