V Video

R Recensione

8/10

Fast Animals And Slow Kids

Hybris

Quanto può essere divertente una verità terribile? Quanta inconcepibile gioia può sgorgare da una realtà profondamente dolorosa? Zero dite? Allora dovete provare Hybris. Con tutto il rispetto e la stima per i matti, un disco pazzesco. Uno di quelli ascolti che ti piombano in piena fronte come un machete, proprio nel momento in cui quello che ti servirebbe è una botta in testa. L’elettrochoc non deve propriamente costituire un’esperienza dolcissima, eppure, sai, ti salva la vita, qualche volta. E allora perché nascondersi dietro gli ornamenti barocchi di una menzogna, quando puoi addobbare la realtà alla maniera dei Fast Animals and Slow Kids?

Perugini di nascita, i FASK esordiscono sulla lunga distanza nel 2011 con il promettente Cavalli, album non esattamente “facile” e ancora piuttosto scalcinato, prodotto e pubblicato da Appino degli Zen Circus. Una tappa fondamentale, comunque, che ha condotto quest’anno alla chirurgica quadratura del cerchio: Hybris non è solamente, per fortuna, un album bellissimo, ma un’autentica anomalia per l’emocore italiano. Qui non esiste coerenza “umorale” tra testi e musica, anzi, a risultarne enfatizzate sono le discrepanze, in un affresco di storture abominevoli e sguaiate che, alla fine dei conti, comunica cristallino godimento.

Dietro una copertina bellissima e “importante”, sorta di omaggio ai Neutral Milk Hotel, ricca di simbolismi celati all’interno delle canzoni, e sotto l’egida di un titolo colto – Hybris sta per “oltraggio agli dei” – prende vita un’opera in undici fasi che potrebbe essere definita “concettuale” se non fosse così divertente, urlata, sguaiata, al limite dell’assurdo. Una storia di violenza domestica, ad esempio: un cantautore qualsiasi avrebbe trattato il tema con lieve commozione e pochi malinconici giri di chitarra, una band post-rock dilatandone il dolore in mille angosciosi riverberi, un gruppo emo enfatizzandone lo strazio con le grida. Nulla di tutto questo: i FASK in Maria Antonietta ci raccontano il punto di vista del violento sotto forma di filastrocca, terribile e giocosa, sino al “finale più bello che c’è”. Talmente stonato da restare memorabile.

Quello che colpisce, oltre alla peculiarità del canto di Aimone Romizi – sempre in bilico tra ubriachezza, dileggio e ironia – è il suono delle chitarre, adoperate come bisturi e riconoscibilissimo marchio di fabbrica: ascoltare per credere la prodigiosa Combattere Per L’Incertezza, inno generazionale che si tramuta in elettricità danzante (impossibile evitare il contagio), o i singhiozzi di Dove Sei. Come imbandire una tavola con la merda e, per non banchettarvi, renderla per lo meno divertente ribaltandone tovaglia e contenuto per la stanza: è questo il senso dei continui cambi di ritmo – Calce, che nel finale ti frana addosso, Canzone Per Un Abete, parte II, le pennellate ora schizzate ora ampollose di Fammi Domande, l’invettiva dissonante di Farse – e delle liriche, che mutano da sterile latrato a sublime poesia con la nonchalance di un battito di ciglia, spesso fataliste, prive di speranza, al limite dell’autolesionismo (A Cosa Ci Serve, sulla fine di tutte le storie, la chiusura di Treno, pacificata sino al gesto estremo).

Qui il segreto dell’efficacia e dell’unicità di Hybris: il contraltare di ogni dolore sta nella gioia con cui decidi di agghindarlo. Ecco perché è un disco bellissimo: perché dietro una formula orecchiabile e immediatamente riconoscibile, (non) nasconde la verità del disagio, del male di esistere, musicandola invece in maniera totalmente stridente, sboccata, impetuosa, viva.

Erano promettenti, i Fast Animals And Slow Kids: al momento sono inimitabili. Dio (“ma non esiste, noi lo sappiamo”) ce ne liberi, e li preservi altrove, nel suo oltraggioso olimpo o dentro una bestemmia sguaiata di nome Hybris.

V Voti

Voto degli utenti: 7,7/10 in media su 5 voti.
10
9,5
9
8,5
8
7,5
7
6,5
6
5,5
5
4,5
4
3,5
3
2,5
2
1,5
1
0,5
REBBY 6/10

C Commenti

Ci sono 2 commenti. Partecipa anche tu alla discussione!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.

Franz Bungaro (ha votato 8,5 questo disco) alle 15:53 del 7 gennaio 2014 ha scritto:

CHE BOTTA!!! Grande Daniele...loro sono il miglior emo in Italia, riconoscibili, particolari, tosti, bravi, tuttodunfiato, come se non ci fosse domani...peccato non averli ascoltati in tempo per il treno del best of 2013. Probabilmente, l'avrebbero meritato. Se fossi un 20enne di oggi adotterei quest'album ad inno della mia generazione. Poichè non li ho più, da un pò, mi serve a giocare e a tornare indietro nel tempo! Bella la tua rece, Barg!

Simone Giorgio (ha votato 8,5 questo disco) alle 21:26 del 16 febbraio 2014 ha scritto:

Mica male davvero. La voce del cantante mi ricorda quella di Ferrari dei Verdena nei pezzi più rauchi e aggressivi. I testi sembrano molto interessanti. Musicalmente giostrano fra le forme della canzone tipica della musica italiana (cantautore, il punk aggressivo, alcuni echi post rock da posa) con gran maestria e freschezza. Bravi!