R Recensione

8/10

Throbbing Gristle

Part Two - The Endless Not

Sembrava che tutto fosse finito nell’ormai lontano 1981, pareva che la loro immagine, circondata da quell’alone intriso dei ritmi frenetici della società industriale alla fine degli anni settanta, fosse solamente un ricordo.

La loro musica era perdurata nel tempo ma la loro entità, quella no, si era in sostanza dissolta.

Quando ecco che dopo tanto tempo torna a rivivere.

Eccoli di nuovo, i principali messaggeri dell’industrial-music; forse la paura di non riuscire a soddisfare le aspettative, con un lavoro che fosse abbastanza aggiornato, è stata la principale complice di un ritardo di quasi due anni sull’uscita di questo “Part Two - The Endless Not”, ma alla fine si sono decisi e il risultato è uno degli esemplari più affascinanti dell’attuale scena industrial.

Il loro sperimentalismo non è mai banale, continua a produrre episodi di indubbio valore e la loro fantasia continua a lasciare a bocca aperta.

Sembrano aver relegato da parte l’improvvisazione per un ordine prestabilito, che di certo non compromette la qualità della loro musica, anzi in alcune situazioni ne amplifica la scorrevolezza.

Fulminante l’introduzione “Vow of silence”, perché sì, non è altro che un’introduzione al nuovo linguaggio dei Throbbing Gristle, intriso di un’elettronica che sbeffeggia, percussiva e sfolgorante che riassapora il sound anni ‘80 dei Coil più sfrontati.

Rabbit Snare” profuma di industrial-jazz ed è degna di una colonna sonora di un film di David Lynch, mentre “After The Fall” è l’esempio del fatto che la musica ambient può evolversi ancora in mille e mille forme.

La cosiddetta devoluzione industriale sembra essersi di nuovo rimessa in atto: augurarsi che avvenga il suo definitivo compimento non è una speranza, bensì una convinzione.

Le macchine nella “Death Factory” dei Throbbing Gristle si sono rimesse in moto: questa è la nostra più grande certezza.

V Voti

Voto degli utenti: 7,5/10 in media su 11 voti.
10
9,5
9
8,5
8
7,5
7
6,5
6
5,5
5
4,5
4
3,5
3
2,5
2
1,5
1
0,5
REBBY 7/10
4AS 8/10
rael 7/10

C Commenti

Ci sono 3 commenti. Partecipa anche tu alla discussione!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.

rael (ha votato 7 questo disco) alle 16:19 del 5 settembre 2007 ha scritto:

un gran bel ritorno, certo non so quanto questo disco girerà nel mio lettore, ma fa bene sapere che non si sono rincitrulliti.

Mr. Wave (ha votato 8 questo disco) alle 18:43 del 6 giugno 2008 ha scritto:

Imponente

Due anni di eterni rinvii e vaghi timori hanno preceduto questa TG Part Two, il tanto atteso ritorno dei quattro pionieri che in ogni loro avventura si sono sempre tenuti fedeli ai principi guida del verbo industriale da loro stessi codificato: provocazione, intransigenza, sperimentazione. [Basta guardare il guru Genesis P-Orridge, che ha fatto del suo stesso corpo un terreno di ricerca].

4AS (ha votato 8 questo disco) alle 17:02 del 5 novembre 2008 ha scritto:

pionieri dell'industrial

A me sembra un album perfettamente riuscito, certo è quasi inutile dire che va ascoltato con pazienza per assimilarlo! un'opera completa che rende onore alla loro arte.