V Video

R Recensione

7/10

Quest For Fire

Lights From Paradise

L’avevamo detto: oltre alla distorsione e alle decalcomanie desertiche, nell’omonimo esordio di appena un anno fa i Quest For Fire avevano dimostrato altro. Ottima padronanza della materia, senza dubbio: gusto melodico cedevole, anche questo; sognanti divagazioni psichedeliche, e vabbè. Sembrerebbe il solito listino spesa rifilatovi dal commerciante che ha mangiato la foglia del deficiente di turno. Ma, come dire?, “Quest For Fire” era altresì dominato da una fisicità del tutto personale: l’incenso dell’hard rock di fine Sixties preso a scazzottate dai decenni successivi e corroborato da una fantasia chitarristica niente male. Come gioire nell’arrostire un fiorito pulmino Wolkswagen, possibilmente assieme ai suoi occupanti: metafora discutibile, eppure utile ad entrare nel mood di un disco che faceva della sua riconoscibilità cromatica e delle variazioni integrali ad essa sottesa un interessante tratto distintivo (quanta fatica per specificarlo!).

Ancora sono rimasti impressi nella mente i riff cinematografici della prima prova, che già con “Lights From Paradise” siamo costretti a spostare l’asse delle coordinate. Capitolo cambiamenti: molti, e pure di un certo spessore. Cerchiamo di riassumerne la portata: ci troviamo di fronte ad un gruppo che, ora come ora, potrebbe chiamarsi Quest For (Bon)fire. Otto lunghe canzoni che parlano di un disco partorito sì alla velocità della luce, ma con schemi mentali decisamente virati verso un approccio più estatico (estetico? La variopinta copertina confermerebbe il calembour) e dilatato: una danza tribale musicata attorno ad un falò. Non stiamo chiaramente ragionando di un misticismo alla OM, giusto per scomodare dei pesi massimi: tuttavia è l’intera atmosfera ad essere mutata, a tratti sensibilmente. Basta poco per accorgersene. La prima è più importante spia è la generale perdita di aggressività metallica del suono: eccettuata “Set Out Alone”, dove i Doors si mescolano ai Cream in una soluzione di continuità a dir poco esplosiva, già dalla successiva, concisa “Strange Vacation” (la forma psych-pop dei Jefferson Airplane coronata da tam tam ed abbarbaglianti riverberi) s’intuisce la direzione tantrica ed allucinogena che il quartetto statunitense imprime ai propri brani.

Mi si permetterà, d’altro canto, la partigianeria, quando affermo che “The Greatest Hits By God” è una delle aperture più d’impatto di questo 2010: una vera e propria odissea western, tinteggiata da splendide aperture di violini e chiusa, in coda, da un delicato sfumare acustico. Dopo i passi iniziali ben piantati in terra, insomma, una maggiore maturità musicale permette di svariare creativamente e di giocare con le nuance, senza per questo sporcarsene platealmente le mani. La tentazione dell’immortale ballata unplugged bussa alla porta della splendida “Psychic Seasons”, scottata da tizzoni blues, per poi farsi nuovamente heavy psichedelia negli spettacolari tornanti di “Hinterland Who's Who”, vibrante stoner vicinissimo ai Pontiak in “Confusion’s Home” – sfrangiato da folate zeppeliniane che non riescono, però, a penetrare l’impalpabile levità delle linee vocali – e dolce, rovente catarsi doom nello svelarsi progressivo di “Sessions Of Light”.

I migliori presagi hanno trovato conferma: i Quest For Fire sono decisamente class A.

V Voti

Voto degli utenti: 6,8/10 in media su 4 voti.
10
9,5
9
8,5
8
7,5
7
6,5
6
5,5
5
4,5
4
3,5
3
2,5
2
1,5
1
0,5
gull 7/10
varlem 7/10

C Commenti

Ci sono 4 commenti. Partecipa anche tu alla discussione!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.

Emiliano (ha votato 6 questo disco) alle 10:25 del 19 ottobre 2010 ha scritto:

Buon disco, anche se su cordinate simili mi hanno convinto di più i pontiak. Di questo mi piacciono alcune idee e la produzione.

Ivor the engine driver (ha votato 7 questo disco) alle 11:14 del 19 ottobre 2010 ha scritto:

Decisamente meglio del primo,meno canonico e con delle belle atmosfere. Niente per cui strapparsi i capelli, ma una gradita sorpresa pour moi.

gull (ha votato 7 questo disco) alle 9:40 del 22 ottobre 2010 ha scritto:

RE: Ivor the engine driver

Mi ha tolto le parole dalla tastiera.

varlem (ha votato 7 questo disco) alle 22:21 del 28 dicembre 2011 ha scritto:

Come non restare affascinati dal lento ma solido e intenso incedere di questo buon album. The greatest hits by god su tutte