R Recensioni baroque pop (pagina 1 di 10)

Begin9,5/10

The Millennium
Begin (Columbia 1968)

La storia del pop è da sempre una storia di produttori geniali: Phil Spector e Joe Meek, con il loro approccio futurista e innovativo, Sam Phillips e il ...
 Somersault 7/10

Beach Fossils
Somersault (Bayonet 2017)

Si potrebbe parlare di “teoria della convergenza” per band come EZTV, Real Estate, The Drums, DIIV, Surfer Blood, Hoops, Wild Nothing: un’incredibile...
In Search Of Harperfield7,5/10

Emma Pollock
In Search Of Harperfield (Chemikal Underground 2016)

Cosa sopravvive del nostro passato familiare? Cos’è che rimane, cosa persiste ancora sedimentato nel presente? Un ricordo sfumato e discosto, un carillon...
Times Infinity Volume One7,5/10

The Dears
Times Infinity Volume One (Dangerbird 2015)

Primo di un’accoppiata di dischi divisa, nella pubblicazione, tra 2015 e 2016, “Times Infinity Volume One” segna il definitivo ritorno dei The Dears alla...
Honeymoon7,5/10

Lana Del Rey
Honeymoon (Interscope/Polydor 2015)

Ecco Lana Del Rey (il personaggio) abbandonare definitivamente il corpo di Lizzy Grant e divenire pura astrazione, diva felliniana, allucinazione...
No no no7/10

Beirut
No no no (4AD 2015)

Io, Zach Condon me lo immagino scapigliato, che marcia fra paesaggi acquerellati suonando il suo ukulele col vento fra i capelli, in preda ad un’irrefrenabile...
FFS7/10

FFS
FFS (Domino 2015)

Alla fine ce l’hanno fatta. Fin dal 2004, ossia dai tempi di “Take Me Out”, gli Sparks (che facevano musica da qualcosa come 35 anni) avevano provato a...
Daniel Knox8/10

Daniel Knox
Daniel Knox (Carrot Top 2015)

Daniel Knox lavora come proiezionista al Music Box Theatre di Chicago. Ha imparato a suonare il piano da solo, per lo più esercitandosi sugli strumenti nelle...
Wooden Head7,5/10

The Proper Ornaments
Wooden Head (Slumberland / Fortuna Pop! 2014)

L’album di debuto dei The Proper Ornaments, Wooden Head, mette assieme alcuni degli ingredienti migliori della cucina meta-folk/rock psichedelica degli ultimi...
This Is My Hand7/10

My Brightest Diamond
This Is My Hand (Asthmatic Kitty 2014)

La mano, verrebbe da dire, c’è e si sente. D’altronde Shara Worden raramente tradisce le attese. E visto che siamo stati fra i primi a credere in lei, ora ...
We May Yet Stand A Chance8/10

The Heartbreaks
We May Yet Stand A Chance (Nusic Sounds 2014)

Poi non dicano che non se la sono cercata. Replicare un (grandioso) esordio di per sé poco consono ai canoni indie con un sophomore ancora più astruso, ...