V Video

R Recensione

8/10

Moss

Ornaments

La somma delle parti non esaurisce certo la proposta degli olandesi Moss. Come al solito è l'alchimia personale, il modo in cui si abbinano le componenti per trascenderle ed ampliarle, che definisce la sostanza di questo Ornaments (terzo album di una band misconosciuta al di fuori del paese dei mulini a vento). E allora pur non potendo fare a meno di notare fortissimi influssi tratti dall'indie pop sfavillante dei Phoenix, oppure non accorgersi di una curiosa convergenza con le armonie vocali dei Fleet Foxes, rimane impossibile ignorare quella dimensione ulteriore che costituisce il valore dell'album aumentandone peso e spessore.

 

Si capisce qualcosa già dalla prima I Am Human: la trama si infittisce pian piano, le armonie vocali si approfondiscono, il suono si fa più denso, fino ad implodere in un'ovatta che è come un fiato sospeso, quando tutto riparte come prima per chiudere il brano. Non è che l'inizio però: la seguente Spelbound, sorta di incrocio tra i Vampire Weekend e gli ultimi Broken Social Scene, conferma l'abilità melodica unendola ad una ritmica sussultante, a stacchi che imprimono variazioni corroborate dalle striature armoniche delle chitarre. Ma ecco che arriva Tiny Love a dare una svolta netta alla solarità scanzonata di poco prima. Una linea densa di synth, una base di drum machine minimale, le vibrazioni che ondeggiano su una canorità espansa ma sommessa, dallo sviluppo verticale, su un tappeto dove sono solo gli eco della chitarra a variare sul tema. Un'istantanea purissima ed evocativa. Non solo: una dichiarazione stilistica che da qui in poi è destinata a dar vita ad una serie di brani ineccepibili.

 

E allora ecco il punto: la maturazione rispetto agli scorsi lavori è abbagliante. Oltre ad una scrittura più incisiva che mai (grazie a melodie irresistibili) ci sono grandi progressi anche a livello compositivo, evidenti nella padronanza di arrangiamenti essenziali che aboliscono sbavature e ridondanze in un raffinato lavoro di sottrazione. Il suono è dunque pieno ma non sovraccarico, il dosaggio essenziale ma in grado di garantire il massimo della resa grazie ad una cura dei suoni rigorosa, che si avvale di una componente math capace di non prendersi troppo sul serio.

 

Troviamo tutto questo in Give Love to the Ones You Love, splendida ballata dove appare tutta l'abilità nel creare armonie sottili che si evolvono in un progressivo accumulo, in una costante levigatura cucita dal drumming chirurgico di Finn Kruyning, o in The Hunter, con il suo motorik krauto e il suo basso pulsante, tra handclapping, nebbie sintetiche e irresistibili ganci melodici. Impossibile non citare anche la spigliata What You Want (singolone da ascoltare in loop) o il ritornello perfetto di Good People, un jangle impegnato in un brioso uptempo.

 

Per concludere si potrebbe dire che i Moss siano una sorta di Maccabees (quelli di Given to the Wild) meno cerebrali (e quindi più scorrevoli, si), una piacevolissima formula art-indie dove la capacità di sfornare canzoni impeccabili è unita ad una cura compositiva non comune. C'è da leccarsi i baffi quindi, sperando di non aver preso un abbaglio e che Ornaments non sia un fuoco di paglia. E anche se fosse, in fondo, nulla sarebbe tolto a questo pregiato insieme di gemme pop.

 

V Voti

Voto degli utenti: 6,8/10 in media su 6 voti.
10
9,5
9
8,5
8
7,5
7
6,5
6
5,5
5
4,5
4
3,5
3
2,5
2
1,5
1
0,5
REBBY 6/10

C Commenti

Ci sono 7 commenti. Partecipa anche tu alla discussione!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.

salvatore (ha votato 6 questo disco) alle 11:43 del 10 aprile 2012 ha scritto:

Proposta molto, molto interessante! I brani caricati sopra (Tiny love è splendida) e la stessa recensione mi hanno decisamente invogliato all'ascolto. Se poi mi dici che i Moss sono simili ai Maccabees (che peraltro ho molto apprezzato), ma meno cerebrali e più scorrevoli (più pop? ), dovrebbe essere fatta...

Gran bella recensione, Matteo

salvatore (ha votato 6 questo disco) alle 11:50 del 10 aprile 2012 ha scritto:

PS. Noto che si è tornati alla tendenza: "Sfere (ehm...) in copertina"!

Filippo Maradei alle 11:41 del 11 aprile 2012 ha scritto:

Ottima proposta Matthew, ascoltato una volta e posso già dire che è un gran bel sentire, fantastico senso del ritmo: indie-pop - con qualche piacevole incursione elettronica ("Ornament") e flessione radioheadiana ("Tiny Love" amore vero) - come piace a me. Ripasso per il votino.

Dr.Paul (ha votato 8 questo disco) alle 14:06 del 14 aprile 2012 ha scritto:

per i miei gusti parte male il disco, le prime due tracce non mi smuovono granchè. dopo accipicchia che bello....l'algida impassibilità di alcunui passaggi mi ricorda quel discone elctro-synth degli Editors - In this light and on this evening!

hiperwlt (ha votato 6 questo disco) alle 0:14 del 2 maggio 2012 ha scritto:

lo sto ascoltando ora: bella proposta, bravo Cas (talent scout!). la prima parte tiene di più, secondo me; e un pezzo come "tiny love" è già tra le migliori cose ascoltate nel 2012. ps: solo un'impressione - sarà il primo ascolto... -: diverso il risultato, e il sound (sì, maccabees, phoenix ecc), ma come processo compositivo qualcosa dell'ultimo white rabbits ce lo sento

hiperwlt (ha votato 6 questo disco) alle 16:04 del 12 settembre 2012 ha scritto:

spiace Matteo, anche perché questo è stato l'anno di molti dischi art-qualcosa (condivisi tra noi ) di buona fattura - a partire dai tuoi "darcys". ecco, dopo l'infatuazione immediata per "tiny love", però, mi sono rimasti pochi motivi per riprenderlo in mano. poco feeling, tutto qua

REBBY (ha votato 6 questo disco) alle 10:35 del 8 novembre 2012 ha scritto:

"The hunter, con il suo motorik krauto e il suo basso pulsante, tra handclapping, nebbie sintetiche e irresistibili ganci melodici" è il mio pezzo preferito. Album carino.