V Video

R Recensione

6/10

The Drums

Abysmal Thoughts

I pensieri saranno anche abissali, ma la loro resa sonora si mantiene in superficie, ondeggiando su strati di chitarrine scampanellanti e synth tremoli, per filastrocche indie pop agrodolci e stancamente tardo-adolescenziali.

Il ritorno dei The Drums non è quindi entusiasmante, addolcendo i toni di un terzo lavoro (“Encyclopedia”, 2014), che rappresentava forse l’episodio più interessante e saturo della creatura oggi controllata dal solo Jonny Pierce. Insomma, se il capitolo precedente rappresentava il primo vero e proprio salto qualitativo dell’ex band newyorkese (un coagulo di post-punk serrato e elettronica sfrigolante), il nuovo “Abysmal Thoughts” torna ai toni distesi di “Portamento”, riproponendo un surf pop sfumato e ammiccante, piacevole ma già sentito.

Certo, ci si porta appresso un po’ della densità wave dell’episodio passato (le chitarre taglienti di “Mirror”, l’elettronica stordente di “Your Tenderness”, una generale atmosfera indie anni Ottanta), ma quanto c’era di vincente nell’album di tre anni fa viene scartato e limato. Rimangono da gustare una manciata di caramelline jangle come “Blood Under My Belt” e la buona “Under the Ice”, oltre a piacevoli quadretti di indiepop corale del calibro di “Heart Basel” e “Shoot the Sun Down” (forse i pezzi migliori del lotto), fino al ritiro incondizionato nel pop giocherellone degli esordi (“Rich Kids” e “Abysmal Thoughts”).

Continuano a far capolino, qua e là, elementi interessanti: tra tutti una gestione delle parti corali che potrebbe diventare vero punto di forza futuro, ma anche una sempre più accurata e stratificata gestione del sound (sebbene, lo ripeto, si rinunci qui alla radicalità dell’episodio precedente). Insomma, la discussione sul presunto potenziale residuo di The Drums è aperta. Per ora rimane da constatare che, nonostante la frequente abitudine a porsi sul filo del rasoio, di rovinose cadute finora non ne sono mai state registrate. Pierce continua, pur in precario equilibrio, ad andare avanti.

V Voti

Nessuno ha ancora votato questo disco. Fallo tu per primo!

C Commenti

Non c'è ancora nessun commento. Scrivi tu il primo!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.