R Recensione

6/10

Tindersticks

Falling Down A Mountain

Non ci sono più i Tindersticks di una volta. Perché sprecarci sopra una recensione, dunque, quando la saggezza popolare ci permette si sintetizzarne comodamente il senso in una sola frase? No, vabbè, si scherza ovviamente: perché parlare del gruppo di Nottingham non è mai tempo sprecato, non foss’altro per una questione di stile e di riconoscenza verso ciò che ha saputo darci negli anni 90, in termini di bellezza, originalità, auscultazione emotiva e musicale. Un gruppo unico, inestimabile erano, i Tindersticks di I e II: sonnambulici, evocativi, morfinosi, in bilico fra brit-pop orchestrale e soulful e alt-rock tranciante e reiterato, autori di un pop noir, notturno, nebbioso, insonne, a tratti sinfonico e cinematico, a tratti così intimo e confidenziale da farti sentire una specie di spia nella casa dell’amore (o della sua assenza), come diceva Jim Morrison.

Un flusso di ricordi e di belle sensazioni che fai fatica ad interrompere ma devi, perché è dei Tindersticks di oggi, del disco nuovo in uscita a giorni, che ci siamo presi l’impegno di darvi un’idea. E, come si diceva , i Tindersticks di oggi non sono più quelli di una volta, i Tindersticks del 2010 non sono quelli del 1993. Il tempo, con loro, è stato clemente fino ad un certo punto. D’altronde vent’anni della stessa musica sono tanti, forse troppi, per chiunque. Di quei Tindersticks, riformatisi intorno al nucleo storico e creativo composto dal cantante Stuart A. Staples, col suo timbro dolente, trasognato, soliloquiante, dal chitarrista Neil Fraser e dal pianista e tastierista David Boulter,gli anni trascorsi hanno lentamente dilavato e corroso i grandiosi arrangiamenti, barocchi e funerei, degli archi, un tempo pietra filosofale del loro sound, ora, dopo la dipartita dell’insostituibile Hinchcliffe nel 2006, confinati sullo sfondo, elemento decorativo fra gli altri.

Quel che ne resta in Falling Down A Mountain è un pop-rock di elegantissima e sofisticata fattura, dandy e aristocratico quanto basta, ma avido di tuffi al cuore o di sorprese di qualsivoglia genere. E dire che la bella title track, in apertura, con la sua andatura funk-jazz (suggerita forse dal nuovo batterista, il prestigioso Earl Harvin) diluita su scala ambientale, ci prova davvero ad alzare un po’ il tiro. Ma resta un episodio isolato. Il resto è pop pianistico retrò e atmosferico che ammicca a Scott Walker (Keep You Beautiful) o Bacharach (Peanuts), torch song lepide e classiche (Factory Girls), incursioni estemporanee nel blues delle Midlands (“Black Smoke”), nel doo-wop festoso e scanzonato (Harmony Around My Table) o nel tortilla-western (She Rode Me).Meglio allora la scena solitaria e noir estratta da un’immaginaria colonna sonora che dà vita alla strumentale Hubbard Hills.

Con la classe che hanno questi qua potrebbero suonare anche le canzoni dello “Zecchino d’oro” (e ci vanno vicino nel delizioso progetto “Songs For The Young At Heart”-  www.songsfortheyoungatheart.co.uk - in cui suonano e rielaborano canzoni per l’infanzia insieme a gente di poco conto come Bonnie Prince Billy, Jarvis Cocker, Kurt Wagner e Stuart Murdoch), per il resto bisogna saper prendere il tempo e accontentarsi di quello che l’oggi ci propone (o propina). Una piena sufficienza.

LINK:

Sito Ufficiale: http://www.tindersticks.co.uk/

VIDEO:

- "Falling Down A Mountain" (official trailer): http://www.youtube.com/watch?v=y1jylAx5nhY

- "Black Smoke" (audio): http://www.youtube.com/watch?v=UmphIz99JIQ

- "Peanuts" (audio): http://www.youtube.com/watch?v=cPtuYmYg8OU

- "Hubbard Hills" (audio): http://www.youtube.com/watch?v=_GgkqxkZ7mk

- "Harmony Around My Table" (audio): http://www.youtube.com/watch?v=p2QhHujv_CI

V Voti

Voto degli utenti: 6,6/10 in media su 5 voti.

C Commenti

Ci sono 3 commenti. Partecipa anche tu alla discussione!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.

FrancescoB (ha votato 7 questo disco) alle 14:12 del 3 febbraio 2010 ha scritto:

Bella recensione per un disco a mio avviso non eccezionale ma comunque meritevole. Sarà che le atmosfere dei Tindersticks mi hanno sempre affascinato, ma a me pare che anche in questa occasione abbiano realizzato un lavoro più che discreto, a tratti davvero bello, pur senza vette eccezionali e con qualche passaggio non proprio imperdibile. Comunque promossi, poco da ridire.

4AS (ha votato 7 questo disco) alle 15:46 del 6 febbraio 2010 ha scritto:

Carino, ma inferiore a "The Hungry Saw", che aveva alcune ballate più riuscite. Questo invece tenta di lasciarsi alle spalle i "vecchi" Tindersticks più lenti e malinconcini per virare decisamente verso sonorità meno cupe e più pop.

REBBY (ha votato 6 questo disco) alle 16:40 del 9 febbraio 2010 ha scritto:

Ha ragione Simone, i Tinderstick di adesso devono

sapersi accontentare. Gli si dà qualche ascolto

volentieri, si mette da parte una canzone o due,

per qualche mista, e tanti saluti. Il paio di

pezzi che si sceglie però dà ancora soddisfazione.

Il mio preferito è Black smoke!