R Recensione

8/10

Shapes and Sizes

Split Lips, Winning Hips, A Shiner

I gruppi citati più frequentemente per descriverne il sound sono Fiery Furnaces, Volcano!, Architecture in Helsinki e Deerhoof. Nei loro pezzi sono rintracciabili gocce di psichedelia, articolati pattern ritmici ai confini del math rock, asperità post core, innnesti noise e lusinghe pop. Se dovessimo cercare dei possibili parenti tra i conterranei Canadesi ci orienteremmo facilmente verso i Broken Social Scene, anche se la tentazione di pensare ai Frog Eyes, a causa di un'attitudine mentale vagamente schizoide sarebbe comunque forte.

Mettendo insieme questi indizi dovrebbe essere facile capire che questi Shapes & Sizes possono essere inquadrati, senza grande sforzo, nel non genere che va sotto il nome di Avant Pop. Un filone che si sta rivelando, a detta di chi scrive, una presenza vitale a fronte di schiere stanche e spossate di militanti indie rock: perché a fronte di un susseguirsi di uscite sempre più sclerotiche, omologate, clonate, dozzinali, di band imberbi che si scimmiottano pedissequamente a vicenda, di eterni nostalgici che rispolverano con cura copioni già scritti, un approccio come questo costituisce una ventata d'ossigeno : esaurite tutte le possibili combinazioni tra generi, battute senza sosta e contro ogni legge fisica tutte le forme di accoppiamento meticcio tra sonorità antitetiche, l'unica strada resta, forse, quella di prendere la forma canzone e scardinarla. Defintivamente.

Avanguardia pop, esplorazione ed esplosione delle strutture esistenti, approccio alla materia compositiva che è contemporaneamente paranoico e schizofrenico: questo è quello che fanno gli Shapes And Sizes. La sostanza pop deve passare attraverso una fitta rete di maglie e un tortuoso sentiero ad ostacoli, prima di arrivare a destinazione, distillata in minuscole gocce iridescenti.

E se nel precedente, omonimo debutto, la band canadese aveva finito col riversare troppe idee nel calderone, appesantendo eccessivamente di spunti e dettagli il disco, questa volta sembra aver imparato appieno la lezione: fin da quell'Alone/Alive deputata ad aprire le danze, che decolla festosa e caotica, cavalcando brevemente un turbine percussivo e proseguendo sghemba attraverso slalom di basso-batteria che atterra soffice su un etereo fiorire di voci, riprende la rincorsa e riparte, la chitarra in primo piano a ricamare tessiture da dopo-rock.

E' un microcosmo popolato di colpi di scena e svolte sonore inattese, in cui la ricerca non è mai fine a sé stessa e i compartimenti non sono mai stagni, che richiede l'attenzione costante dell'ascoltatore e non accetta di andare in background: i trucchi escogitati dal quartetto per tenere alta l'attenzione sono innumerevoli: groove che affiorano all'improvviso sotto intrecci indie rock saturi di chitarre e di feedback (Head Movin'), trascinati quadretti indie rock alla maniera degli Evens di Ian MacKaye (Teller/seller), sghangherate eruzioni soniche tra Sleater Kinney e Frank Zappa, ubriacature Pavementiane (Can't Stop That (Sinking) Feeling) e pop spastici (The Long Indifference). L'atmosfera cambia di continuo e si fa di volta in volta depressa, circense, bucolica, lugubre, depressa.

Gli spunti sono innumerevoli, la spinta alla destrutturazione mai sterile, la materia grigia e la pancia convivono amabilmente: non siamo ancora al capolavoro, ma alla prossima questi cubisti sonori canadesi potrebbero regalarci qualcosa di davvero grande.

V Voti

Voto degli utenti: 5,5/10 in media su 2 voti.
10
9,5
9
8,5
8
7,5
7
6,5
6
5,5
5
4,5
4
3,5
3
2,5
2
1,5
1
0,5

C Commenti

Ci sono 3 commenti. Partecipa anche tu alla discussione!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.

Peasyfloyd alle 10:47 del 16 agosto 2007 ha scritto:

recensione molto interessante

e piena di punti teorici che personalmente condivido. Non conosco il gruppo ma rimedierò prontamente dato che si sente forte l'esigenza di sentire cose nuove. E i riferimenti alla scena canadese non fanno che approfondire il mio interesse

Marco_Biasio alle 14:22 del 16 agosto 2007 ha scritto:

<I gruppi citati più frequentemente per descriverne il sound sono Fiery Furnaces, Volcano!, Architecture in Helsinki e Deerhoof.> Cose simili fra loro, insomma!

SoulBrother, autore, alle 14:45 del 16 agosto 2007 ha scritto:

RE:

Solo idealmente e a livello di approccio: ognuno mantiene la sua individualità, ed è questo il bello.