R Recensione

4/10

Lemonheads

The Lemonheads

Sarebbero tanti i motivi per dare giudizi affrettati sul ritorno dei Lemonheads: la scarsa considerazione di pubblico e critica verso Baby I’m Bored, il disco “solista” di Evan Dando, pubblicato nel 2003, l’ennesima celebre reunion bostonioniana dopo Pixies, Dinosaur Jr e Buffalo Tom, i dieci anni passati dall’ultimo disco Car Button Cloth

I Lemonheads si sono sempre portati dietro nel corso della loro storia tante controverse critiche principalmente perchè le canzoni di Dando sono riuscite quasi sempre a coniugare in maniera perfetta un’attitudine indie (ma quella “originale”) ad una marcata passione e abilità nel trovare melodie power pop, caratteristiche che in una major come l’Atlantic non passarono inosservate in un periodo come la prima metà degli anni ’90, in cui avere queste qualità unite ad un’aspetto da “belli e ribelli” poteva far fruttare un bel po’ di soldi. Gruppo cult della scena indie o breve fenomeno commerciale? Questa ripetitiva e probabilmente inutile questione è tuttavia sempre stata eclissata da una serie di canzoni pop rock che hanno fatto battere i piedini sia ai puristi dell’indie che ai fan post-Mrs Robinson, trovando momenti di alta ispirazione anche nei lavori meno convincenti (il già citato Car Button Cloth).

Nonostante tutte queste considerazioni ascoltare un album dei Lemonheads non ha mai richiesto, nel bene o nel male, un serio sforzo di concentrazione mentale ed è con questo spirito che mi sono approcciato all’ultimo lavoro di Evan Dando e dei suoi due nuovi soci: gli ex-Descendents Karl Alvarez e Bill Stevenson. La formula non cambia: solide chitarre, brani secchi, immediati, buone melodie vocali e, dulcis in fundo, ospiti d’onore come J Mascis alla chitarra (No Backbone). Tra ballate elettriche e pezzi punk rock sembra non mancare nulla. Mah…forse sono troppe le band che si sono intrufolate nel laboratorio dei Lemonheads e ne hanno sfruttato la magica formula o c’è qualcosa che manca veramente in questo atteso ritorno? Probabilmente la spensieratezza e l’incoscienza dei ’90 è un po’ svanita o più semplicemente manca una di quelle canzoni che nei precedenti dischi ci era entrata in testa in un secondo e che cantavamo sotto la doccia, quella per cui i nosti amici metallari ci guardavano storto…

V Voti

Voto degli utenti: 5,8/10 in media su 3 voti.
10
9,5
9
8,5
8
7,5
7
6,5
6
5,5
5
4,5
4
3,5
3
2,5
2
1,5
1
0,5

C Commenti

Ci sono 4 commenti. Partecipa anche tu alla discussione!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.

Peasyfloyd (ha votato 7 questo disco) alle 22:59 del 21 luglio 2007 ha scritto:

non so io ho trovato il disco un piacevole ritorno. Il genere si è inflazionato, è vero, e non siamo ai livelli di It's a shame, però l'album scorre piacevolmente e alcuni brani sono davvero godibili. Poi sarà che i Lemonheads non si riesce a non averli nel cuore ma mi sento di promuoverli agevolmente.

ThirdEye (ha votato 4 questo disco) alle 21:42 del primo agosto 2010 ha scritto:

Nulla di che

I Lemonheads per il sottoscritto muoiono con Lick...

sarah alle 23:24 del primo agosto 2010 ha scritto:

No dai ThirdEye, almeno fino a It's a Shame about Ray i Lemonheads hanno sempre fatto grandi dischi. I problemi sono venuti dopo purtroppo. Questo è il classico album post reunion che non aggiunge niente di che al canzoniere di Dando ( che rimane pur sempre un figo della madonna....)

ThirdEye (ha votato 4 questo disco) alle 2:22 del 28 ottobre 2010 ha scritto:

RE:

De gustibus Sarah, io li preferivo nei primi 3 lavori dove contava piu Ben Deily che Dando a livello di songwriting. Piu grezzi e "Punk" insomma. Che Dando sia figo o meno, sti cazzi sinceramente...ahahahah!