V Video

R Recensione

7/10

TRAAMS

Modern Dancing

Niente male il secondo LP in studio dei TRAAMS, trio post-punk di Chichester nella contea del West Sussex nel Regno Unito, formata nel settembre 2011 e che dopo il disco di esordio “Grin” (2013) con questo secondo capitolo ha letteralmente preso d'assalto la scena alternative inglese ottenendo dei riscontri importanti, preparandosi a quello che nel prossimo futuro sarà sicuramente il cosiddetto "grande salto".

Modern Dancing”, registrato e prodotto da MJ degli Hookworms presso i Suburban Hoome Studios di Leeds, è uscito nel novembre 2015 via FatCat Records, proponendo sonorità convincenti e che, partendo da una certa sonorità post-punk tipicamente british, rielabora momenti della sottocultura US americana degli anni novanta in una dimensione nuova, che funziona sia sull'aspetto della forza del suono, sia per quello che riguarda sonorità più easy-listening, da presa immediata sull'ascoltatore.

Tra proposte che ricordano direttamente il sound e l'attitudine tipica dei Pavement (“Sister”, “Neckbrace”, “Car Song”, “Bite Mark”) e in particolare un certo post-hardcore che adesso va di moda nel Regno Unito e che riprende il garage rock del revivalismo di Interpol e Editors (“Costner Drone”, “A-B”, “Silver Lining”) tanto quanto i vorticosi giri di basso dei This Heat e l'ipnotismo dei Wire (“Modern Dancing”, “Gimme Gimme Gimme Gimme (Love)”...), “Modern Dancing” è sicuramente l'esempio più tipico di quello che può essere l'incontro - in questo preciso momento storico della musica britannica - tra la rabbia espressa dai vari Sleaford Mods, Idles, Gnod, Arrows Of Love e il recupero della tradizione che va dalla wave degli anni ottanta fino al giorno d'oggi. Un disco sotto questo punto di vista importante e che aspetta solo il seguito per poter capire esattamente di che cosa stiamo parlando.

V Voti

Voto degli utenti: 7,5/10 in media su 1 voto.
10
9,5
9
8,5
8
7,5
7
6,5
6
5,5
5
4,5
4
3,5
3
2,5
2
1,5
1
0,5

C Commenti

C'è un commento. Partecipa anche tu alla discussione!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.

benoitbrisefer (ha votato 7,5 questo disco) alle 18:57 del 4 marzo ha scritto:

Colpevolmente perso al momento dell'uscita è un bel recupero che gronda wave e Pavement ad ogni ascolto, Ottimo!