R Recensione

7/10

Dawn Landes

Fireproof

Voce delicata, soffusi accordi di chitarra e arrangiamenti minimali. La truppa di giovani cantautrici si infittisce. Dawn Landes, già in circolazione da qualche anno, ora prova a fare sul serio con una riedizione del suo secondo disco. Il risultato è gradevole, senza essere memorabile.

La Landes si inserisce con sicura consapevolezza (e magari un pizzico di furbizia) in un mare magnum che vede senz’altro in Cat Power il faro principale: l’influenza della signorina Marshall qui è lampante, accanto a quelle di esperienze donnesche più recenti (Joanna Newsom, Feist, St. Vincent, la Shannon Wright chitarrista, Essie Jain) che costituiscono da qualche anno un carrozzone decisamente gagliardo. Quello giusto al quale mettersi al traino.

La ragazza del Kentucky, in compenso, appare ancora indecisa su quale cifra stilistica adottare. E così “Fireproof” ci arriva dimidiato tra un’attitudine estrosa e una tendenza intimistica, tra sequele melodiche slegate e introversioni malinconiche, tra pose eccentriche e semplicità disarmanti, con un carattere bifronte che sembra dovuto a una residua acerbità piuttosto che a un voluto eclettismo. Sta di fatto che a me la fanciulla risulta più convincente nella veste crepuscolare, maggiormente sviluppata nella seconda metà del disco, tra fingerpicking e toni sommessi.

Non male, certo, alcuni episodi dalle fattezze sbilenche come “I Don’t Need No Man”, “Private Little Hell”, col vibrafono a disorientare il ritornello già sbilanciato dallo sdoppiamento delle voci, o la sfaccettata “Picture Show”, tra twee e dub, e poi root-rock con chitarra cacofonica. Ma la zona più schiettamente folk del disco, a confronto, brilla: così la limpida “Tired Of This Life”, o “Twilight”, il cui delizioso crescendo dal sapore country ha sfumature piacevolmente on the road. Gradevolissima “Kids In A Play”: chi aveva detto che le canzoni più belle sono costruite con due accordi? In ogni caso, eccone una.

La voce carezzevole di Dawn non deve trarre in inganno. La ragazza ha squarci lirici persino duri (“It’s hard to breathe in this city, it’s easier to drink”, così l’esordio dell’intensa “Dig Me A Hole”), che creano a tratti un notevole urto con gli arpeggi morbidi e i cori in falsetto, anche se poi non indugia a scoprirsi in momenti di sentimentalismo spinto, come nella pseudo ninna nanna “Goodnight Lover”. Più melodiche “I’m In Love With The Night” (che bello l’attacco mugugnato alla Sinead O’Connor!), con armonica al seguito e atmosfera da luci basse, e in chiusura “You Alone”. In coda si nasconde una breve versione fantasma di "I Won't Back Down" di Tom Petty: svolazzo imprevisto ma, come direbbe Giusy, assai gradito.

 

Quando la Landes avrà deciso con più convinzione la sua strada, saremo entusiasti di seguirla. I buoni spunti di questo lavoro, intanto, lasciano ben sperare che un’altra fanciulla stia per salire nel carrozzone giusto.

V Voti

Voto degli utenti: 6,5/10 in media su 2 voti.
10
9,5
9
8,5
8
7,5
7
6,5
6
5,5
5
4,5
4
3,5
3
2,5
2
1,5
1
0,5

C Commenti

Ci sono 3 commenti. Partecipa anche tu alla discussione!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.

simone coacci (ha votato 6 questo disco) alle 15:50 del 24 settembre 2008 ha scritto:

Non è male 'sta ragazza. Non ha ancora deciso se da grande vuole diventare Catpower o Patsy Cline e il disco si dibatte un po' in questa contraddizione (sempre che di contraddizione si tratti). Acerba ma talentuosa: "Bodyguard", "I don't need no man" e "Dig Me a Hole" lasciano intravedere ciò che potrebbe diventare. ed è un bel vedere.

Peasyfloyd (ha votato 7 questo disco) alle 16:23 del 27 settembre 2008 ha scritto:

non conosco patsy cline. Forse anche per questo sento maggiormente l'affinità con Cat Power, affinità quasi spudorata per certi versi. però il livello dei pezzi è proprio alto. Nel complesso però è ancora più una promessa che un'artista completa. Ottimo lavoro del Targhetta cmq

simone coacci (ha votato 6 questo disco) alle 17:27 del 27 settembre 2008 ha scritto:

Beh, Patsy è stata per certi versi una figura di transizione fra la Nashville classica e quella moderna (e, diciamo così, protofemminista). In Dawn si avverte una sorta di dualità fra le canzoni tradizionali, quelle che ascoltava in campagna da bambina (suppongo...) e l'influenza della scena alternativa (newyorkese soprattutto) degli ultimi dieci anni in cui, piaccia o no, Cat Power è stata un punto di riferimento assoluto. Basta guardare il video di "Bodyguard" in cui, animazioni a parte, scalcia e saltella tale e quale alla Cat in "Cross Bone Style", per capire con quanta devozione si accosti al suo modello. Il talento comunque c'è.