R Recensione

7/10

Glasvegas

Glasvegas

Si è detto di tutto sugli scozzesi Glasvegas, in Inghilterra hanno parlato ovviamente di “next big thing”, si è parlato del loro “wall of sound“ stile Phil Spector, il loro esordio è stato definito "l’apice del revival anni ’80". Tutte cose più o meno sensate, ma cosa rimane di questo debutto a quasi un anno dall’uscita dell’8 Settembre 2008 ?

Rimane un ottimo disco, non un capolavoro, ma un’opera ancora potente ed emozionante, anche se forse non completamente genuina. Infatti si sente pesante la mano di Rich Costey, già inventore di Muse e Franz Ferdinand, nell’attuale suono dei Glasvegas, questa trovata di mischiare armonia doo-wop, ritmi noise indie pop e riverberi alla Jesus and Mary Chain non sembra essere solo farina di James, Rob,Paul e Caroline.

Comunque sia, il tutto funziona e anche alla grande, Mr Allan ha tutte le doti ed il carisma di cui un leader necessita e cosa fondamentale: sa cantare !.

Infatti non tutte le miriade di indie/band che affollano le classifiche possono vantare un frontman del genere e cosa ancora più importante, non tutte queste band possono contare su di un disco d’esordio pieno zeppo di brani sopra la media come l’album in questione. Basta ascoltare la prima traccia, “Flowers & Football Tops”, per rimanere colpiti dalla potenza del “Glasvegas sound”: ritmica serrata e netta, chitarre ruvide e dilatate che incorniciano il cantato tragico e potente di Allan. Il pezzo si chiude sulla prima esplicita citazione d’annata…

Segue “Geraldine”, uno dei gioielli del disco per capacità di sintesi e commistione. Non è difficile infatti riconoscere nel brano il classico incedere in stile (new) new wave di gruppi come Killers ed Editors mischiato ad un particolare gusto per la melodia proprio del pop targato ’80. Prima di ascoltare “It's My Own Cheating Heart That Makes Me Cry” non avrei mai creduto che dall’unione tra Beach Boys e Jesus and Mary Chain potesse uscire qualcosa di ascoltabile, eppure, che sia genuino o meno, il risultato è una canzone affascinante ed incredibilmente emozionante.

Stesso discorso per la breve ma intensa “Lonesome Swan” che si avvale di un riff semplice ed efficace che ricorda gli inglesi Doves. Altro discorso merita invece la sorprendente “Go Square Go”, canzone dal sapore tradizionale sporcata dalla ruvidezza delle chitarre elettriche e da un ritornello di una carica incredibile. Gli anni '80 tornano potentemente in auge con “ Polmont on my mind” tipico brano dal sapore invernale dove la voce di Allan si alterna ad un riff ammiccante che s'insinua fin da subito.

Daddy's gone” è probabilmente il brano che resterà nel tempo. Ad uno sporco intro che ricorda maliziosamente lo stile dei fratelli Reid, segue una melodia che si evolva e sembra viaggiare a ritroso fino ai dolci coretti sixties che, impattando con la durezza dei suoni elettrici, crea una disarmonia straniante ed affascinante. Passando attraverso la presuntuosa e prescindibile “stabbed” seguono “S.A.D. Light” e l'eterea “ ice cream van “ che senza impressionare tengono comunque alto il livello qualitativo del disco.

Un'opera che trae tutta la sua forza dall'omogeneità di un suono non originale ma molto personale che, se ripresentato in futuro, perderà inevitabilmente l'impatto attuale. Il secondo disco ci dirà veramente chi sono i Glasvegas, saranno ancora capaci di stupirci con effetti (quasi) speciali ?

V Voti

Voto degli utenti: 7,2/10 in media su 12 voti.
10
9,5
9
8,5
8
7,5
7
6,5
6
5,5
5
4,5
4
3,5
3
2,5
2
1,5
1
0,5
REBBY 5/10
target 6/10
4AS 6/10
gramsci 8,5/10
Cas 8/10
Lepo 10/10

C Commenti

Ci sono 11 commenti. Partecipa anche tu alla discussione!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.

enribell (ha votato 8 questo disco) alle 19:10 del 5 giugno 2009 ha scritto:

Buon Disco

Buon Disco, si ascolta molto volentieri.

Le sonorità non sono una vera novità, vi ricordate i Whipping Boy?

Per gli amanti di quel gruppo, i Glasvegas sono dei degni successori!!!!!

4AS (ha votato 6 questo disco) alle 11:19 del 6 giugno 2009 ha scritto:

Niente di eccezionale, poco originali e qualche canzone è pure noiosa. voto: 6

Peasyfloyd (ha votato 6 questo disco) alle 12:14 del 6 giugno 2009 ha scritto:

mediocri

come da titolo...

ottima rece cmq, lo schina promette bene

jackforjack (ha votato 8 questo disco) alle 1:05 del 7 giugno 2009 ha scritto:

uao

ottimo disco una delle migliori uscite indie in terra dall'albione nel 2008. li trovo davvero intelligenti nel suonare lo strumento, e non si prendono sul serio come fanno molti colleghi

hiperwlt (ha votato 7 questo disco) alle 14:09 del 7 giugno 2009 ha scritto:

Sono l unico a cui ricordano i Klimt 1918?album che scorre piacevolmente.il suo punto d forza e' l'esasperante emotivita' d ogni suo pezzo.

jackforjack (ha votato 8 questo disco) alle 22:28 del 7 giugno 2009 ha scritto:

mm

dire di no dal mio punto di vista (per i k191 troppo eterogenei

target (ha votato 6 questo disco) alle 18:54 del 9 giugno 2009 ha scritto:

Capisco con grande difficoltà tutto il parlare che se ne fece l'anno scorso. A parte "Daddy's gone", sento poco altro di davvero interessante, e la voce di Allan (un po' Bono, qua e là) cede a urla e strascicamenti di sillabe a volte fastidiosi. Io amo i Whipping Boy, ma qui non ci sono una (degna) successione... C'è un brit-pop mediano in salsa new-wave/shoegaze (Raveonettes), poco più. 5/6.

REBBY (ha votato 5 questo disco) alle 16:38 del 11 giugno 2009 ha scritto:

Ascolto volentieri parecchie giovani band britanniche (Fanfarlo, Official secrets act,

Maccabees, Canjun dance party, Pete and the

pirates, Late of the pier, ...), ma questo

album proprio non mi piace.

swansong (ha votato 8 questo disco) alle 17:06 del 12 giugno 2009 ha scritto:

Notevoli!

Anche se sono il primo a riconoscere che questi scozzesi non inventano proprio nulla, devo altresì ammettere che questo dischetto è veramente interessante e splendidamente coinvolgente! L'ottima recensione di Patrizio coglie perfettamente nel segno individuandone sia le sonorità che le influenze e ne tributa i giusti onori.

L'accoppiata pop-oriented "It's my own cheating..."/"Lonsome Swan", poi, è da standing ovation. Così come la malinconica chiusura di "Ice Cream Van".

Alzo solo un pò il voto ed aggiungo che, fra le cose ascoltate di recente, questo si candida a mio miglior ascolto "indie" del 2009!

swansong (ha votato 8 questo disco) alle 17:07 del 12 giugno 2009 ha scritto:

Aggiungo solo, per chi fosse interessato, che l'ho acquistato l'altro giorno da MW a 9,90

Cas (ha votato 8 questo disco) alle 23:19 del 6 settembre ha scritto:

spectoriani, roboanti, tra armonie girl group e propulsioni shoegaze e post-punk. tra i primi ad aprire la rinascita rock britannica di fine anni zero. e l'accento scozzese di James Allan è spassosissimo.