R Recensione

6/10

Klimt 1918

Just In Case We'll Never Meet Again

Creatura sfuggente, il nuovo disco dei Klimt 1918, Just In Case We’ll Never Meet Again. Perché se è ormai un dato di fatto l’abbandono dei toni metal che caratterizzavano i primi album (vedi il consistente uso del doppio pedale in Secession Makes Post-Modern Music o in Undressed Momento), non è ancora del tutto chiaro cosa i nostri abbiano in mente di fare. La musica dei Klimt infatti oscilla costantemente tra melodie quasi pienamente pop e cavalcate energiche a base di chitarre elettriche a tutto volume; una commistione tra pop-rock e dark-wave, shoegaze…senza però un vero è proprio centro di gravità.

Insomma, cos'è la musica del gruppo romano? Sono le strofe melodiche ad essere subordinate alle dilatazioni post-rock e alle sfuriate chitarristiche, o viceversa?

E non è tanto per una questione di difficile catalogazione a suscitare in me tali elucubrazioni, quanto la volontà di capire se ci sia o no un preciso percorso stilistico nel progetto in questione (cosa che la dichiarazione di Marco Soellner, tratta da Wikipedia, potrebbe portare a pensare: “la nostra musica contiene la solita capacità di decontestualizzazione, secessionismo e post-modernismo dell'arte di Klimt"…), o se sia invece il caso a dominare, insieme ad una ricerca dell’altisonanza fine a se stessa.

The Breathtaking Days (via Lactea) si fa subito esplicita nel mostrare il suono che dominerà tutto l’album: accordi dilatati e riverberati, una voce angelica a dipingere motivi melodici, ma pronta a farsi da parte per l’immancabile sopravvento strumentale affidato alle chitarre, impegnate a rincorrersi in evocative progressioni, una a contrappuntare, l’altra a buttare giù delle granitiche basi. Il mood imperante è quasi sempre quello malinconico derivato dalle cupezze dark dei tempi che furono, abbinato al doveroso sentimentalismo italico ma ampliato della carica liberatrice e catartica del rock in chiave shoegaze. Vanno in questa precisa direzione pezzi come Skygazer, Ghost Of A Tape Listener, Just An Interlude In Your Life, All Summer Songs e True Love Is The Oldest Fear, tutte molto simili nei loro sviluppi e nelle loro lineari geometrie.

Più intimista e personale si fa The Graduate, impregnata in una nebulosa di soffici arpeggi, in grado di superare, in parte, l’abusata sequenza strofa-schitarrata-strofa-schitarrata dei restanti brani.

A partire da Just In Case We’ll Never Meet Again i pezzi si fanno più rapidi ed energici, anche se rimangono sempre agganciati ad un romanticismo non sempre di buon gusto, anche se capace - più che nei pezzi precedentemente ascoltati - di caricarsi di gravità e spessore.

Diciamoci la verità, l’album non è da buttar via, ci sono apici, come la cavalcata entusiasmante del primo brano, o pezzi quali la title track, o ancora come Disco Awayness, che rendono l’idea di come la band romana sia del tutto matura e dimostri un’ottima abilità strumentale e compositiva. Ma troppo spesso l’autocitazionismo e la ricerca ostinata di scenografie mozzafiato, ridotte il più delle volte ad apparire come gonfie sovrastrutture, hanno la meglio, togliendo molto ad un lavoro che aveva le potenzialità per farsi notare.

V Voti

Voto degli utenti: 7,5/10 in media su 4 voti.
10
9,5
9
8,5
8
7,5
7
6,5
6
5,5
5
4,5
4
3,5
3
2,5
2
1,5
1
0,5

C Commenti

C'è un commento. Partecipa anche tu alla discussione!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.

hiperwlt (ha votato 7 questo disco) alle 19:11 del 8 ottobre 2009 ha scritto:

Preferisco di gran lunga "dopoguerra", un disco magico, retrò,struggente. Tuttavia, questo disco ha delle assolute perle quali "skygazer" e "the ghost of taped listener":la sensazione è quella di viaggiare velocissimamente su di un ascensore di vetro, arrivando fino in cielo,provando emozioni fortissime.

altre canzoni discrete e degne di nota sono "The Breathtaking Days" e "Suspance Music"