R Recensioni Indie Rock (pagina 2 di 100)

Little Torch8/10

Erin K
Little Torch (La Tempesta international 2017)

È soltanto il 2011 quando una giovane ragazza inglese di nome Erin Kleh, imbraccia per la prima volta una chitarra. Per la precisione, una chitarra acustica...
Secrets Of The Beehive9/10

David Sylvian
Secrets Of The Beehive (Virgin 1987)

Tutto sembra impeccabile, suona perfetto, nulla è dato al caso. I colori incendiari di un autunno ormai inoltrato dominano il quadro, seminato di una smisurata...
The Navigator7,5/10

Hurray for the Riff Raff
The Navigator (ATO Records 2017)

Alynda Lee Segarra ha da sempre dovuto fare i conti con la sua appartenenza etnica, mostrando come l’identità sia un fatto tutt’altro che scontato. Troppo...
Before The Dawn8/10

Kate Bush
Before The Dawn (Warner 2016)

Alla fine l’impressione più forte è il rimpianto. Rimpianto per non esserci stati, in una di quelle ventidue serate inglesi che segnavano, insieme, il ritorno...
Missionaer8/10

Svin
Missionaer (Pony Rec/Creative Eclipse 2016)

Quanto è bello sorprendersi. Lo abbiamo quasi perso, il gusto della sorpresa, diciamoci la verità. Ora che internet ha dato la possibilità a (più o meno) tutti...
Teens of Denial8/10

Car Seat Headrest
Teens of Denial (Matador 2016)

Era a Marina di Ravenna, la scorsa estate. Non sulla spiaggia dell’Hana-Bi con il tramonto alle spalle, ma proprio sulla banchina del porto, tra vecchie...
Ullages7,5/10

Eagulls
Ullages (Partisan 2016)

Poco, pochissimo è rimasto di quella bellissima e fugace ondata di band che, durante i primi anni Dieci, rileggevano e mescolavano liberamente -dopo la ...
Loving7/10

Loving
Loving (Haju Tapes 2016)

Al centrosud la chiamano “controra”. La neghittosa quiete postprandiale. L’ora del silenzio e dell’abbiocco. Quando fuori il sole affatica la terra e il...
Invisible Strings7,5/10

Eraldo Bernocchi / Prakash Sontakke
Invisible Strings (RareNoise 2016)

L’incontro fra elettronica e strumenti tradizionali è sempre un’incognita, la cui soluzione positiva dipende dalla capacità di rispettare equilibri e...
Monster7,5/10

R.e.m.
Monster (Warner Bros. 1994)

Dopo avere raggiunto il successo planetario con il pop spensierato di Out of Time e gli umori acustici e teneramente malinconici di Automatic for the People...
Grapefruit8/10

Kiran Leonard
Grapefruit (Moshi Moshi Records 2016)

C’è una bella canzone dei Kansas il cui verso d’apertura fa: “I closed my eyes / only for a moment, / and the moment’s gone”. Una metafora semplice e geniale...