R Recensione

7/10

Vegetable G

Calvino

Il quarto disco dei Vegetable G è ispirato ai racconti di Italo Calvino, autore palesemente omaggiato anche nel titolo del terzo brano del disco “American Lessons”.

I Vegetable G, trio composto da Giorgio Spada (voce, tastiere, rhodes, e altro), Luciano D’Arienzo (chitarre, basso) e Maurizio Indolfi (batteria e percussioni), con sede a Monopoli, arrivano a questo disco dopo “A Perfect Spring” (Minus Habens, 2003), “Epic Mono” (Minus Habens, 2005) e, soprattutto, “Genealogy” (Olivia Records, 2007), che, rispetto ai primi due album, evidenziava una maggiore maturità compositiva, costituendo l’approdo verso una discreta efficacia melodica.

Calvino” (Olivia Records, 2009) riprende il leit-motiv di “Genealogy”, con un power-rock dalle spiccate tendenze melodiche, sullo stile dei Big Star. Ma sono presenti anche melodie dalle marcate tendenze psichedeliche, che fanno ricordare qualcosa di Velvet Underground e Beatles. Nel complesso, tali caratteristiche permettono di accostare “Calvino” agli album degli A Toys Orchestra, il cui leader, Enzo Moretto, compare in tre brani di “Calvino”.

Calvino” risulta un album solido e compatto, con buona omogeneità qualitativa. Per quanto con lievi differenze tra loro, le undici tracce che compongono l’album sono tutte fresche e brillanti a loro modo, segno di una qualità compositiva oramai giunta a completa maturazione.

V Voti

Voto degli utenti: 6/10 in media su 1 voto.
10
9,5
9
8,5
8
7,5
7
6,5
6
5,5
5
4,5
4
3,5
3
2,5
2
1,5
1
0,5
target 6/10

C Commenti

Non c'è ancora nessun commento. Scrivi tu il primo!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.