V Video

R Recensione

10/10

Kryzstof Komeda

Astigmatic

Se parliamo di jazz, ho la presunzione di definirmi un appassionato vero. Esperto no, servono un'altra cultura e un'altra preparazione, anche in termini di teoria della musica, ma appassionato sì (spero di essermi meritato il titolo che di solito spetta a chi all'apparenza sa, ma nella sostanza non sa).

Ecco, da un appassionato beccatevi questa: uno fra i dischi jazz più incredibili, e anzi spaziali di tutti i tempi non arriva dagli Stati Uniti. Badate che stiamo parlando di un'opera somma, da catalogarsi dopo pochi ascolti fra le cose in grado di cambiarti la giornata, e anzi la vita intera: quindi, prima di mettevi a ridere, abbiate l'accortezza di dedicarmi due minuti.

Il disco in questione, quello che può rovesciarti l'esistenza, arriva dalla Polonia. E la mente che si nasconde dietro l'ambizioso progetto è un sommo compositore caro anche a Roman Polański, che ha beneficiato dalle sua creatività per diverse colonne sonore: parlo di Krysztof Komeda.

Arrivo al dunque: “Astigmatic” di Krzysztof Komeda, genio delle sette note scomparso prematuramente nel 1969 (a 38 anni non ancora compiuti), è un disco in grado di rovesciarti addosso all'anima un'energia inusitata, degna delle primissime performance di tutta la storia del jazz (siamo delle parti del Mingus e del Coltrane migliori, per intenderci). Di più, “Astigmatic” è un disco che rompe la tua anima in due pezzi, e poi la calpesta finché non restano solo macerie e brandelli sparsi: il classico disco da mettere in loop a tutti coloro che ritengono il jazz una musica tecnicamente interessante, ma poco emozionante (ah ah).

Al di là delle peculiarità formali, su cui avrò dà modo di intrattenermi a breve, il capolavoro del polacco è un'opera straordinaria perché dotata, prima di ogni altra cosa, di un senso del drammatico senza precedenti.

E' uno di quei rari casi in cui ogni nota, ogni fuga, ogni slancio che sfuma in un momento di calma incandescente diventa potente metafora dell'esistenza. “Astigmatic”, per dirla con qualche critico serio, è un disco importante, ma non esigente: anche se non si è particolarmente affini al genere, verrà abbastanza naturale entrare in sintonia con le complesse (ma naturali) sfumature emotive del suo impasto sonoro. Verrà naturale innamorarsi, in sostanza.

La storia di Komeda merita qualche cenno: Kryzstof, in realtà, di cognome fa Trzicinski, ma dato che il regime sovietico non vede di buon occhio le musiche libertine che arrivano da oltreoceano, è costretto a scegliersi un nome d'arte che possa mascherarne l'identità.

Non è il solo: la dittatura polacca mette al bando il jazz, ed è allora curioso notare come la musica che in America serve per rampognare le storture e le costruzioni di un razzismo ancora vivo e vegeto, nell'Europa dell'est sia invece una radicale forma di resistenza culturale opposta a un regime di segno completamente diverso.

Komeda, che suona il piano, si forma nelle jam sessions clandestine della Polonia “indie” e, passo dopo passo, mostrando una velocità prodigiosa anche in termini di pensiero musicale, diventa un gigante della musica.

A metà anni '60 Kryzstof assembla un quintetto eccezionale: al sax alto scova il talento immaginifico di Zbigniew Namysłowski, al tempo venticinquenne o giù di lì; alla tromba un altro fuoriclasse destinato a scrivere pagine memorabili su tutti i fronti, Tomasz Stańko, ancor più giovane e se possibie ancor più talentuoso. Il gruppo è una specie di dream team paneuropeo, in quanto allinea anche il batterista Rune Carlsson e il bassista tedesco Günter Lenz, il “vecchio” della banda, con i suoi ventisette anni.

Komeda è la mente e il regista (un po' il Kazimierz Deyna della situazione, per restare in Polonia, parlando però di calcio), e con la suite che regala il titolo all'album allestisce uno fra i brani più febbrili dell'intera storia del jazz, riultato tanto più impressionante se si pensa all'età verdissima dei protagonisti.

Dopo la melodia sfibrata e dal sapore balcanico della tromba, prende corpo un crescendo "modale" di proporzioni ancestrali: la batteria pulsa nervosa e a tratti rockeggiante; il piano, con le sue prolungate linee di fuga (sempre fedeli agli schemi modali), è irrequieto e si cala nel ruolo di vero e proprio direttore d'orchestra, incaricato di guidare il gruppo anche in termini di coesione emotiva; la tromba, invece, assume il compito di disegnare trame cariche di colori aspri, perse dentro un'angoscia esistenziale cristallina, celeste.

La performance di Stańko è fra le pagine più terribili e poetiche della storia dello strumento: Tomasz cava dall'ottone una vocalità dolce ma dilaniata, a metà strada fra il Miles Davis più inquieto e il Don Cherry più lunatico e turbolento.

A marcare la differenza, qui, è però anche il tono delle melodie, radicato nella tradizione della musica dell'Europa orientale, il che permette di qualificare “Astigmatic” come capostipite dei capolavori che segnano la strada europea alla musica afroamericana. Il sassofono contralto segue con un'intereptazione altrettanto implorante, e forse ancor più contorta, capace quasi di tradurre in chiave lirica mitteleuropea il folle rumorismo di Ayler e di Coltrane. Il finale è da brivido: raccoglie il meglio di tutti i protagonisti in un crescendo parossistico e pulsante.

I sette minuti di “Kattorna” non valgono di meno: il geniale tema introduttivo, esposto dai due fiati all'unisono, si apre rapidamente in un'improvvisazione dal sapore post-bop, in cui il melodismo rimane un distillato di efficacia comunicativa. La musica si apre in campate ariose che consentono alle due voci di allestire un dialogo fitto e commovente, diretto e confessionale sino all'inverosimile: sembra quasi di vedere gli strani meccanismi neuronali dei vari musicisti tradursi in una successione ragionata di note.

I sedici minuti di “Svantetic” meriterebbero una descrizione decisamente approfondita, perché il loro tema in calando, percorso da solenni pause “angolari” (quasi Monkiane) e da frizioni interne sottili, è pathos insostenibile, o se vogliamo un altro pezzo di storia.

Evito però di dilungarmi oltre e mi limito a un sollecito: nobilitate un'oretta della vostra giornata con il genio polacco, se pensate che la musica sia un'esperienza, una questione centrale dell'esistenza.

V Voti

Voto degli utenti: 9,7/10 in media su 5 voti.
10
9,5
9
8,5
8
7,5
7
6,5
6
5,5
5
4,5
4
3,5
3
2,5
2
1,5
1
0,5
gramsci 10/10

C Commenti

Ci sono 14 commenti. Partecipa anche tu alla discussione!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.

Paolo Nuzzi (ha votato 10 questo disco) alle 19:44 del 9 febbraio 2015 ha scritto:

Sei il mio utente-recensore preferito, finalmente qualcuno che si degni di parlare di quel sommo genio di Komeda, scoperto grazie ad un bellissimo libro: "Un Amore Supremo" di Luca Ragagnin, raccolta di racconti a sfondo jazzistico, ispirato a "Natura Morta con custodia di sax", il disco in questione fu proprio "Astigmatic". Complimenti vivissimi!

FrancescoB, autore, alle 20:14 del 9 febbraio 2015 ha scritto:

Ti ringrazio, ma soprattutto sono felice di aver trovato un altro Komediano: musicista straordinario, pensatore straordinario, dotato di una visione propria senza eguali nel jazz europeo (e non) dell'epoca. Questo disco ti stringe le viscere e non le molla sino all'ultima battuta, è qualcosa che va semplicemente oltre, il suo impatto non teme paragoni (sia a livello di tessitura che sul piano emotivo, io lo colloco vicinissimo ai migliori Davis, Coltrane e Mingus).

Utente non più registrato alle 21:24 del 9 febbraio 2015 ha scritto:

Meraviglia...il classico disco da mettere in loop a tutti coloro che ritengono il jazz una musica tecnicamente interessante, ma poco emozionante...e/o a quelli che dicono che ogni strumento va per fatti suoi, o che il jazz è tutto uguale...ecc...bah!?

FrancescoB, autore, alle 14:56 del 10 febbraio 2015 ha scritto:

Ci sta: sull'emozione si va a gusti e ok, capisco che entrare nelle dinamiche di certo jazz non è semplicissimo...Però la storia del "tutto uguale" non l'ho mai capita neanche io, e la sento ripetere da una vita!

Totalblamblam alle 22:45 del 9 febbraio 2015 ha scritto:

"La performance di StaÅ„ko è fra le pagine più terribili e poetiche della storia dello strumento: Tomasz cava dall'ottone una vocalità dolce ma dilaniata, a metà strada fra il Miles Davis più inquieto e il Don Cherry più lunatico e turbolento. " Ben detto io ci sento anche tanto del lirismo evansiano. E tu?

FrancescoB, autore, alle 14:54 del 10 febbraio 2015 ha scritto:

Parli di Bill? Boh non ci ho mai pensato, più che altro per la diversità degli strumenti...in effetti l'intensità non è troppo distante comunque!

Totalblamblam alle 17:13 del 10 febbraio 2015 ha scritto:

beh si chi altri? di certo non parlo di buffalo bill ghghgh. l'intro di astigmatic a me ricorda molto le suggestioni sonore del mitico trio ( Bill Evans. scott LaFaro, Paul Motion). la tromba ovvio guarda a miles. ma il piano e la sezione ritmica sono sui quei lidi evansiani.

FrancescoB, autore, alle 17:26 del 10 febbraio 2015 ha scritto:

Si è quasi ovvio dai, Gil Evans non è molto meno grande di Bill, e oggi c'è un Peter Evans che certo non vale questi, ma resta tanta roba. Vedo anche io qualche ammiccamento al trio e a Miles, anche se appunto il trombettista mi pare più movimentato e a tratti cervellotico in stile Don Cherry. Il bello poi è che suona proprio "polacco"! In alcuni frangenti pare proprio di ascoltare danze dell'est europea

Totalblamblam alle 20:59 del 10 febbraio 2015 ha scritto:

si certo ma io come pianista Gil Evans proprio non me lo ricordo ! è stato un grande arrangiatore direttore e il lavoro con Miles è ormai leggenda!

FrancescoB, autore, alle 20:51 del 11 febbraio 2015 ha scritto:

Hai ragione Gas Io però avevo capito parlassi specificamente del trombettista, visto che l'oggetto del dibattito era lui

redbar alle 9:29 del 10 febbraio 2015 ha scritto:

Grazie per la segnalazione. Un 10 da un vero appassionato è indizio da seguire senza indugio.

Totalblamblam alle 13:52 del 12 febbraio 2015 ha scritto:

no scusami forse mi sono espresso male ma intendevo il sound generale nel pezzo astigmatic che mi ricorda molto le tensioni del trio di Bill Evans. e anche il pianismo lirico . La tromba si è un bel mix tra Miles e Don Cherry. Non conoscevo questo lavoro di Komeda e a dire il vero non mai visto il disco in giro. Biosgnerebbe anche risentire le colonne sonore per Polanski a questo punto...

Paolo Nuzzi (ha votato 10 questo disco) alle 13:55 del 12 febbraio 2015 ha scritto:

Si trova, ma un po' a culo, mi sa che è da poco andato fuori catalogo, con un po' di costanza, tra e-bay ed Amazon dovresti riuscire ad accaparrartelo.

FrancescoB, autore, alle 14:10 del 12 febbraio 2015 ha scritto:

Di suo conosco qualcosa dei Ballet études, ma a dire il vero ricordo poco...La colonna sonora di "Rosemary's baby" comunque era grandissima!