V Video

R Recensione

7/10

Black Joe Lewis & The Honeybears

Scandalous

Il 2010 ha significato molto per la musica nera: pareva che ovunque spuntassero nomi vecchi e nuovi a rivitalizzare il linguaggio del soul alla luce delle diavolerie moderne, quasi a voler rilanciare una nuova età dell'oro che potesse competere (anche se solo da molto, molto lontano) con gli anni '60.

Qualche nome? La dolce londinese Rox (che si è affacciata pure su MTV), l'eclettica (quasi Prince-iana) Janelle Monae, la sempreverde e sempre più brava Erykah Badu, e se vogliamo pure il maestro house-soul Robert Owens, autore di uno fra i lavori più intensi, interessanti e personali dell'anno (quell'“Art” che non mi stancherò mai di celebrare).

Detto del 2010, veniamo all'attualità più stringente: anche il 2011, in questi primi mesi, regala un lavoro black di notevole spessore. Notevole ma soprattutto godibilissimo e fresco come l'aria mattutina in questo marzo inoltrato, per quanto imbevuto di infiniti ieri: si tratta di “Scandalous”, terzo LP firmato da Black Joe Lewis & The Honeybears (ovvero: da una delle band più interessanti di tutta la scena americana contemporanea, e non solo in ambito strettamente black, già capace di lasciare il segno almeno con il lavoro di debutto del 2007). “Scandalous” è un delizioso compendio di musica nera, che gli artisti snocciolano in tutta la sua gamma cromatica con discreta personalità ed originalità, celebrando i grandi nomi del passato e strizzando tuttavia l'occhio anche alle novità contemporanee ed ai nomi oggi più in voga.

Scandalous” è anche l'eccellente prodotto di una band di giovanotti che maneggiano alla perfezione la materia con cui stanno giocando, ovvero la Storia con la S maiuscola, e che, al contrario di quasi tutti gli artisti sopracitati, guardano soprattutto agli stati del sud e ad una certa tradizione targata Stax, oltre che a tutto il filone blaxploitation.

Si ascolti a tal proposito il funk robotico e tagliente della conclusiva “Jesus Took My Hand” (che verte su un tema classicissimo in ambito soul), che pare uscito direttamente dalla penna di George Clinton e dei suoi Funkadelic, ma che vanta pure una discreta verve “pesante” da rock alternativo (la passione di Black Joe per punk di Detroit?).

Notevoli sono pure il soul-sudista, graffiante e sudato di Memphis di "She's so scandalous" (ma lo spettro del gigante Otis Redding aleggia un pò ovunque, anche – mi sia consentito – nel catrame che avvolge le corde vocali), la verve degna di George Clinton di “You Been 'Lyin” (con tanto di scorribande politiche dal sapore dolcemaro), il James Brown più energico (quello che ti obbliga a muovere le chiappe, volente o nolente) che pare aver scritto di pugno l'introduttiva e luminosa “Livin' in the Jungle”, arricchita dai saliscendi coloratissimi della sezione di corni.

Ancora, come non intravedere lo spettro dei grandi bluesman rurali nella splendida “Messin''”, quasi degna di sedere accanto ai capolavori di Howlin' Wolf, se non addirittura di Robert Johnson, pezzo fuori tempo massimo e proprio per questo (forse) vero capolavoro del disco? O come non sentire il profumo del country-blues-rock sudista (ed anche pallidissimo) nella elettrica“I'm gonna leave you”?

Ecco, siamo giunti al termine, e ci voleva proprio una simile ripassata, in questi tempi di algida precisione che trasuda da tutti i pori: ogni tanto fa bene staccare e gettarsi a capofitto nelle pieghe della storia, specie se i risultati non si configurano come un semplice revival, ma come una rilettura accattivante ed originale del passato.

V Voti

Voto degli utenti: 7,3/10 in media su 4 voti.
10
9,5
9
8,5
8
7,5
7
6,5
6
5,5
5
4,5
4
3,5
3
2,5
2
1,5
1
0,5

C Commenti

Ci sono 3 commenti. Partecipa anche tu alla discussione!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.

Marco_Biasio (ha votato 7 questo disco) alle 15:19 del 14 marzo 2011 ha scritto:

Lo ascolterò presto, già il loro primo disco era notevole e ricco di spunti molto interessanti. Rock'n'soul, Francesco!

Marco_Biasio (ha votato 7 questo disco) alle 22:53 del 6 aprile 2011 ha scritto:

Un disco fabuloso! Forse un po' sotto all'esordio come carica detonante dei brani e motore propulsore più schiettamente rock'n'roll (anche se "Livin' In The Jungle" farebbe venire giù un condominio) e più ricco di atmosfere soul e funk (davvero molto bene la sezione dei fiati), ma ugualmente validissimo e ricco di pezzi strepitosi. Black Joe Lewis e i suoi orsetti di miele rileggono una tradizione con la T maiuscola nel modo più sincero, caldo e diretto possibile: miscredenti, lanciatevi subito alla loro riscoperta!

Emiliano (ha votato 8 questo disco) alle 19:12 del 8 aprile 2011 ha scritto:

Blues, rock, soul, funk... di che cazzo avete bisogno ancora? Disco onestissimo ( ma il buon Joe quanto fa il verso a James Brown?)