storia_della_musica_home
Autore Messaggio
<  Musica  ~  Ho trovato su Internet una pagina che parla dei Beatles.
Giorgio_Gennari
MessaggioInviato: Gio Feb 27, 2020 3:17 pm  Rispondi citando
Utente Master


Registrato: 22/02/18 13:15
Messaggi: 202

Io ho 21 anni e sono iscritto alla facoltà di Ingegneria. Ora che ho soddisfatto questa tua insistita (anche se un tantino fuori luogo) curiosità, ti faccio notare che sei entrato a gamba tesa in questo topic e in questo sito senza nemmeno salutare nessuno. Inoltre hai pure la faccia tosta di dirmi (e ripetermi!) che evidentemente ho scarsità di intelligenza... io quando ho discusso con victor il massimo dell'insulto personale è stato "hai una nullità nell'argomentazione". Insomma ho solo 21 anni eppure sono molto più educato di te. Fossi in te mi farei un paio di domande (vergognati).
Ho alzato la manina dicendo "ma come, nessuno si esprime?" perché prima credevo non interessasse a nessuno, ma poi scoprendo il numero di "visualizzazioni" vuol dire che invece molti utenti sono interessati, ma non si esprimono; e allora naturalmente mi viene voglia di sentirmi dire qualche "bravo, hai fatto un gran bel lavoro" o qualche "ciao, scusa ma dissento su alcuni punti che sono...", qualcosa del genere insomma. Se vuoi ti faccio un disegno per spiegartelo, visto che per te questo comportamento è incomprensibile, visto che per te "me la suono e me la canto". Ma facciamo finta di niente e veniamo alle tue obiezioni.

AntonRathausen ha scritto:
ci sono vari motivi per cui a ragione dischi come Revolver, Magical Mystery Tour e Abbey Road vengono ancora ricordati come alcuni dei punti nevralgici della musica leggera di quel decennio.

Certo, su questo punto vedo che conveniamo: per gli standard della musica leggera questi sono grandissimi album. Ma io sto parlando di musica Rock. C&G parlano di musica Rock quando mettono Rubber Soul accanto a The Doors e Trout Mask Replica (nella fascia "capolavori fondamentali"). Rolling Stone parla di musica Rock quando li considera i più grandi musicisti del 900. Spero non occorrano altre delucidazioni su questo punto.

Su George Harrison: io ho controbattuto l'opinione di Tizio che dice "la slide di Harrison ha influenzato moltissimi chitarristi". Ho capito il fatto che l'ha portata (con quanta finezza e con quanta originalità e personalità non lo so, per quello mi affido agli appassionati di storia della chitarra; dal canto mio non faccio fatica a trovare decine di chitarristi nei sessanta più interessanti di Harrison) in un altro contesto, ma credo che anche così l'affermazione di Tizio abbia una semantica errata. Come dire "Neil Diamond non ha certo inventato il reggae, ma l'ha utilizzato in una sua canzone quando quasi nessuno ci faceva caso" è vero, ma dire "il reggae di Neil Diamond influenzò moltissimi musicisti" mi pare una frase sbagliata dal punto di vista logico/critico. E la chiudo qui sul discorso slide.

AntonRathausen ha scritto:
[Harrison è] colui che ha portato la fascinazione per la musica Hindustani e per i raga indiani all'interno della cultura rock

Sì vabbè, i blend di Sandy Bull, il drone dei Kinks (See My Friends), Beck in Heart Full of Soul (tutte antecedenti a Norwegian Wood) non contano niente, vero? Puoi pure far finta che non esistano, ma lo trovo come minimo fuorviante. Tra l'altro il primo album (intero) dove davvero si cerca di far convivere l'Oriente con il Rock (quindi qualcosa di più di una canzone di 3 minuti) credo sia il Mr. Fantasy dei Traffic, ma non vorrei andare fuori tema.

Riguardo ai Sabbath, beh nel loro sound dei primi album (che conosco a menadito) ci sento tanto Blue Cheer e tanto Led Zeppelin (seppur distorti e oscuri e vabbè), chessò i Cream... Fatti due conti e vedi quanto i Beatles sono stati fondamentali per la nascita dei Black Sabbath.

AntonRathausen ha scritto:
[bla bla bla] la musica psichedelica, non può mai essere ricondotta a un solo artista o lavoro

Ovviamente ti è sfuggito alla grande il fatto che io abbia in quella occasione solo risposto al Tizio dell'articolo che sosteneva "[parlando di TNK] ohibò, c'erano mai stati prima altri esempi di psichedelia?". È facilissimo da capire, ma è chiaro che tu vuoi leggere solo le parti che ti fanno comodo - ma non ti preoccupare, io invece mi ricordo di tutto e ti correggerò sempre immediatamente. Il tuo paragrafo è quindi privo di senso se non quello di provare (provare) a gettare fumo negli occhi degli altri lettori. Salto quindi a pié pari e passo oltre.
Anzi, non riesco a passare oltre perché rifai immediatamente lo stesso erroraccio:
AntonRathausen ha scritto:
qua sottolinei (giustamente) che Sgt. Pepper's è influenzato da Pet Sounds, ma salti a pie' pari, come se non fosse una cosa così meritevole di menzione, il fatto che Pet Sounds sia dichiaratamente influenzato da Rubber Soul - e questo ancora una volta perché la storia della musica è fatta da artisti che si ascoltano [bla bla bla] fai tanti giochini di questo tipo..

È ovvio e banale che sottolineai questo [che Sgt. è stato influenzato da Pet Sounds] solo perché il Tizio aveva scritto "il pur stupendo “Pet Sounds” dei Beach Boys non ha nessun legame con Sgt. Pepper's (semmai il link lo si può trovare con “Penny Lane” per stessa ammissione di McCartney che desiderava dei “clean sounds”),essendo solo un album con delle pretese orchestrali,molto ben sfruttate,va riconosciuto. Ma te ovviamente non ti prendi la briga di pensare per un paio di secondi, evidentemente trovi più facile fraintendere a tutti i costi anche questi concetti del tutto elementari. Libero di ragionare così, ma non ti fa tanto onore. Ma passo oltre.

AntonRathausen ha scritto:
dici "certo Abbey Road è un disco di tutto rispetto" poi svisceri decine di nomi che secondo te comunque meriterebbero più attenzione (tirando fuori anche chincaglierie irrilevanti come l'esordio degli Yes, o bizzarrie weird come i Cro-Magnon, citando robe che non c'entrano niente come Terry Riley, Moondog e Robbie Basho, o addirittura facendo passare il messaggio che dischi come il s/t dei Led Zeppelin, Tommy, The Velvet Underground e In the Court of the Crimson King siano dischi di culto per veri intenditori) e se uno ti dice che sottovaluti Abbey Road hai pure la faccia tosta di rispondere "ma che dici, ho pure detto che è un grande disco!".

Come!? Ma certo che quei dischi meritano più attenzione, li ho nominati apposta! O sennò se intendevi "secondo te meritano tutti più attenzione di Abbey Road", hai preso un granchio perché ho scritto in maniera chiarissima che ho solo elencato una serie di album che mi sembrano almeno a livello di Abbey Road, specificando anche che gli album dell'elenco o sono al livello di A.R. (per una serie di ragioni estetiche) o gli sono superiori o sono stati più importanti per il corso della musica Rock, o queste caratteristiche assieme. L'esordio degli Yes lo trovo godibile e divertente e abbastanza ispirato e sottovalutato, quindi l'ho inserito - aggiungendo che è una piccola pietra miliare del prog. Ma sono proprio curioso, quali album sono chincaglierie irrilevanti, voglio i nomi, dillo ad alta voce! Abbi le palle di dire che Knight of the Blue Communion è una cazzata irrilevante! Abbi le palle di dire che Illuminations è una cazzata irrilevante! Abbi le palle di dire che Alchemy è una "chincaglieria"! Troppo comodo stare sul generis così.
Rainbow in Curved Air non c'entra così nulla con il Rock che Ondarock lo mette fra le pietre miliari, proprio perché diversi musicisti Rock svilupperanno le idee in quel disco; il Rock lo intendo in un senso ampio del termine, mica mi riferisco solo a chi suoni con chitarra elettrica basso batteria! Allora neanche Joni Mitchell è Rock, e neanche Fahey eccetera. Puoi dire quello che ti pare su Orgasm, ma ho già scritto il perché secondo me (ma non sono certo l'unico, puoi scommetterci la mano) è da considerarsi importante, se ti fa solo schifo passa pure oltre, fa lo stesso. Quando mai ho detto - o """fatto passare il messaggio fra le righe""" - che Tommy eccetera siano album di culto per intenditori lo sai solo tu. E io non c'entro nulla.

Però, caro Rathausen, le tue conclusioni, nel tuo penultimo paragrafo, sono quelle che mi atterriscono ai livelli più preoccupanti.
Desertshore mica l'ho nominato a caso, l'ho citato (assieme ad altri) perché il fatto che un disco tanto originale, profondo, unico, non venga nemmeno nominato nella ""Top 500"" di C&G e in quella di Rolling Stone è una vergogna e che dimostra che molta critica rock ha ancora molto da imparare (certo che da chi considera i Beatles i più grandi di sempre non ci si può aspettare chissà che). Tra l'altro credo che Nico si rivolti nella tomba quando il suo capolavoro viene etichettato solo come "un disco Scaruffiano", ma non insisto.
AntonRathausen ha scritto:
senza menzionare il patetico post dove fai la storiella del rock anni '60 con i dischi presi dalla selezione 7-9/10 anni '60 di Scaruffi...

Che cazzo ho appena letto? Cioè, tutto il mio duro lavoro di ricerca di album validi anche se poco famosi, presi da N fonti diverse, me lo riduci a questo!? Ma cos'è questo, un dannatissimo scherzo che non fa un cazzo ridere?? Normalmente non risponderei neanche a provocazioni tanto frettolose e inconsistenti come questa, ma siccome potresti scambiarlo per coda-di-paglia ti faccio notare ad esempio che nell'elenco del '69 non ho inserito ad esempio Songs From a Room (che strano, eppure gode di un bel 7, eppure qualcuno lo considera un capolavoro anche più profondo dell'esordio..) perché non ci trovo molto di musicale e per me complessivamente Abbey Road gli è senza dubbio superiore, o Monster Movie (anche lui con un bel 7 e molti lo amano), o Led Zeppelin II (questo da molti considerato un grande capolavoro, ma io lo trovo inferiore ad Abbey Road e allora l'ho omesso!), o Green River (questo ha addiritura 7.5 e molti fan ci stravedono, ma IO credo sia inferiore sia a Bayou Country che a Willy e allora l'ho omesso, pensa un po' te!!!). Devo continuare? No che non continuo, ma un po' dovresti vergognarti, perché mi sembra di spiegare le cose ad un ragazzino di dodici anni - e poi mi parli di età, di intelligenza, di maturità!

"Erano loro a flirtare con l’avanguardia di Stockhausen e non altri" lo ha scritto il Tizio dell'articolo DOPO AVER PARLATO DI Sgt. Pepper's, BEN PRIMA di parlare di Revolution 9, e ovviamente la cosa aveva poco senso e io ho detto, per sottolineare ciò, che "McCartney scoppierebbe a ridere". Ma chiaramente anche questo ti è sfuggito alla grande, d'altronde chi legge con ostinata superficialità e mancanza di rispetto fa fatica a capire in che punto del discorso sorgono le questioni, e in quali no.
Se certa critica ancora non capisce come Well Oiled sia uno degli album più incredibili dei Nineties sono cazzi suoi. Su Beatles/KC si può blaterare all'infinito, se non si capisce ancora che differenza c'è tra l'influenza dei B. sui KC e ad esempio l'influenza degli Stones sui Guns 'N Roses o dei Metallica sui Sepultura non sono affari miei.
Il "gioco delle tre carte" lo fai tu, dannazione, perché io ho scritto che è ridicolo che Rolling Stone nella sua "Top 500 albums ever" ""accosti"" un capolavoro come A Love Supreme (posizione 47) a quel cazzo di Rubber Soul (posizione 5); lo fa la rivista, mica io, ma li segui i discorsi o no? Inconsapevolezza comica, ma dove? Una lista di dischi dalla più famosa rivista di Rock di sempre nomina Love Supreme e Kind of Blue e Bitches Brew e non ho il diritto di stupirmi a non trovarci dentro Out to Lunch! e trovarci invece cazzatine inutili come Please Please Me e With the Beatles? Sono senza parole. Meno male che non fai il critico, guarda.

Quindi alla fine che cos'era il tuo commento? Tanto fumo (leggi: fastidiosissima sfacciataggine) e poco arrosto.
Chissà poi perché quando qualcuno tenta di porre la questione Beatles in modo serio riceve sempre le solite frasine cattivelle e del tutto generiche (le varie "fai solo giochetti", "hai scarsa intelligenza", "mi dispiace per te", le risatine quando non c'è niente da ridere...). Non è che per caso queste offese di basso profilo nascondono solo la paura di chi le dice di intraprendere un dialogo serio? O magari la paura di chi sa di non avere argomenti seri per ribattere davvero?
Elucubrazioni a parte, se il tenore delle obiezioni rimarrà questo, forse forse vorrà dire che il mio testo non l'ho scritto poi così male.
Top
Profilo Invia messaggio privato
AntonRathausen
MessaggioInviato: Gio Feb 27, 2020 7:05 pm  Rispondi citando
Novizio


Registrato: 26/02/20 14:58
Messaggi: 3

ventun anni sono davvero troppi, non hai giustificazioni allora, mi spiace

Giorgio_Gennari ha scritto:
su questo punto vedo che conveniamo: per gli standard della musica leggera questi sono grandissimi album. Ma io sto parlando di musica Rock. C&G parlano di musica Rock quando mettono Rubber Soul accanto a The Doors e Trout Mask Replica (nella fascia "capolavori fondamentali"). Rolling Stone parla di musica Rock quando li considera i più grandi musicisti del 900. Spero non occorrano altre delucidazioni su questo punto.

guarda che musica leggera è un termine ampiamente usato nei contesti musicologi per definire la musica occidentale che non appartiene al mondo folkloristico né al mondo colto/accademico (i.e. classico). se io (come chiunque altro, del resto) dico musica leggera intendo pop, rock, hip hop, elettronica fuori dal contesto colto, soûl, e così via. i Beatles, per ragioni diverse, con musica diversa (ma comunque fortemente radicata nel rock, per quanto rimanga sostanzialmente pop), appartengono a pieno titolo a questa storia esattamente come Captain Beefheart, Nico, i Pere Ubu, gli Swans e gli Slint e qualsiasi artista altisonante ti venga in mente.
p.s. a me Rubber Soul fa schifetto, lo trovo davvero troppo influenzato dai gruppi vocali di fine anni 50/60, se sento quegli arrangiamenti vocali non riesco a non pensare alle Mothers che li spernacchiano su Freak Out!. e questo vale anche (in misura minore) per Per Sounds, o Sgt. Pepper's. ça van sans dire, se mi chiedessero i dischi fondamentali della musica leggera negli anni 60 ci metterei sicuramente Pet Sounds così come Trout Mask Replica (che invece amo visceralmente ed è uno dei miei dischi preferiti di sempre).

Citazione:
Su George Harrison: io ho controbattuto l'opinione di Tizio che dice "la slide di Harrison ha influenzato moltissimi chitarristi". Ho capito il fatto che l'ha portata (con quanta finezza e con quanta originalità e personalità non lo so, per quello mi affido agli appassionati di storia della chitarra; dal canto mio non faccio fatica a trovare decine di chitarristi nei sessanta più interessanti di Harrison) in un altro contesto, ma credo che anche così l'affermazione di Tizio abbia una semantica errata. Come dire "Neil Diamond non ha certo inventato il reggae, ma l'ha utilizzato in una sua canzone quando quasi nessuno ci faceva caso" è vero, ma dire "il reggae di Neil Diamond influenzò moltissimi musicisti" mi pare una frase sbagliata dal punto di vista logico/critico. E la chiudo qui sul discorso slide.

lo scrivo qua una volta per tutte: di quello scritto non me ne frega niente. l'ho letto anni fa, l'ho trovato ridicolo, non voglio rileggerlo ora. se attacco qualcosa che scrivi è perché so (perché il sito lo lurko spesso) che dietro una frase c'è un intero modo di pensare sbagliato. quindi quando la tua risposta è 'eh ma rispondevo al tizio' ignorerò perché non me ne frega niente: senza girarci troppo intorno, io penso molto male di te e parto dal presupposto che in ogni cosa che scrivi ci sia il germe di un approccio metodologico sbagliatissimo, e attacco quello.

Citazione:
Sì vabbè, i blend di Sandy Bull, il drone dei Kinks (See My Friends), Beck in Heart Full of Soul (tutte antecedenti a Norwegian Wood) non contano niente, vero? Puoi pure far finta che non esistano, ma lo trovo come minimo fuorviante. Tra l'altro il primo album (intero) dove davvero si cerca di far convivere l'Oriente con il Rock (quindi qualcosa di più di una canzone di 3 minuti) credo sia il Mr. Fantasy dei Traffic, ma non vorrei andare fuori tema.

Sandy Bull non c'entra niente con il rock. era un chitarrista che ha più a che vedere con la tradizione blues, con il folk e che sposandolo alle idee della musica orientale e alle forme della musica classica e del jazz ha raggiunto una personale forma del primitivismo americano coniato da John Fahey. Fantasias for Guitar and Banjo è un disco sublime e che preferisco a ogni cosa dei Beatles, ma se citiamo lui tanto vale citare anche i matrimoni tra jazz e musica indiana di John Coltrane (pure quelli sono stati influenti sul rock, che pensi?), perché tanto possiamo paragonare tutto a tutto il resto e vale quello che vogliamo. See My Friends è invece un ottimo precedente che mi ero dimenticato, hai ragione: insieme ai brani dei Byrds e dei Beatles di quell'epoca, anche quello fu un contributo importante all'inclusione delle sonorità orientali nella musica leggera partendo dalla musica leggera. così come anche East/West di Paul Butterfield (molto naïf, concordo, ma rimane un importante precursore anche per come implementava l'armonia modale nella musica blues rock inglese). al solito, si torna al fatto che i contributi sono sempre molteplici, alcuni più rilevanti artisticamente, altri più rilevanti come veicolo di trasmissione di tali idee alla massa (per dire il singolo dei Kinks non fu ben accolto, mentre i Beatles e il disco di Paul Butterfield ebbero più successo).
Citazione:
Riguardo ai Sabbath, beh nel loro sound dei primi album (che conosco a menadito) ci sento tanto Blue Cheer e tanto Led Zeppelin (seppur distorti e oscuri e vabbè), chessò i Cream... Fatti due conti e vedi quanto i Beatles sono stati fondamentali per la nascita dei Black Sabbath.

certo che sono stati importanti. il suono sarà più debitore dei Led Zeppelin e dei Cream (questi ultimi molto più dei Blue Cheer, btw) ma le parti di chitarra di Iommi, e le distorsioni usate, sono molto vicine a quelle dei Beatles dei pezzi più duri del periodo 1968-1969. guarda che leggere le versioni degli stessi musicisti coinvolti è importante, anche (e soprattutto) se stravolgono la narrativa che si vuole propinare.


Citazione:
Come!? Ma certo che quei dischi meritano più attenzione, li ho nominati apposta! O sennò se intendevi "secondo te meritano tutti più attenzione di Abbey Road", hai preso un granchio perché ho scritto in maniera chiarissima che ho solo elencato una serie di album che mi sembrano almeno a livello di Abbey Road, specificando anche che gli album dell'elenco o sono al livello di A.R. (per una serie di ragioni estetiche) o gli sono superiori o sono stati più importanti per il corso della musica Rock, o queste caratteristiche assieme.

rotfl. l'esordio degli Yes più rilevante di Abbey Road, o Orgasm più cruciale per gli sviluppi del rock per la storiella che prevede industrial e black metal? quello è un disco di freak folk dilettantistico e bizzarro, stralunato e creativo certo (a me piace) ma sono stati più I musicisti industriali stile Nurse With Wound o Current 93 a rivedere in lavori del genere qualcosa da cui estrapolare un'idea nuova, piuttosto che i Cro-Magnon ad averla prevista. la consapevolezza di cosa si sta facendo è essenziale per valutare un artista, sennò si corre il rischio di fare come quegli incompetenti che si ascoltano le Shaggs e pensano 'wow prevedono l'approccio do it yourself del college rock e dell' indie lo fi'.

Citazione:
Abbi le palle di dire che Knight of the Blue Communion è una cazzata irrilevante! Abbi le palle di dire che Illuminations è una cazzata irrilevante! Abbi le palle di dire che Alchemy è una "chincaglieria"! Troppo comodo stare sul generis così.

eh no io non sono stato vago, ho fatto esempi espliciti dei dischi cui mi riferivo. Knight of the Blue Communion è un disco bellissimo, e Cat Scratch Fever è un brano con cui vado in fissa periodicamente; detto questo, non fosse stato pubblicato la storia del rock avrebbe avuto più o meno gli stessi sviluppi - e il punto è che chissene frega, il rock va valutato da un punto di vista più raffinato e acuto della mera valutazione di ciò che è importante e ciò che non lo è. però quando si scende su questo ultimo punto si dovrebbe avere l'onestà intellettuale di dire cosa davvero è importante e cosa non lo è, a prescindere dai propri gusti (io odio gli Smiths e mi piace da morire Satori dei Drowning Pool, indovina che disco risponderei se mi chiedessero 'qual è l'album più importante per capire gli anni 80 tra Satori e The Queen is Dead?').
Citazione:
Rainbow in Curved Air non c'entra così nulla con il Rock che Ondarock lo mette fra le pietre miliari, proprio perché diversi musicisti Rock svilupperanno le idee in quel disco; il Rock lo intendo in un senso ampio del termine, mica mi riferisco solo a chi suoni con chitarra elettrica basso batteria! Allora neanche Joni Mitchell è Rock, e neanche Fahey eccetera.

questo è uno dei retaggi scaruffici più ridicoli. ondarock è nato come succursale scaruffiana (per questo vedi tra le pietre miliari dischi irrilevanti come Lullaby Land, altro disco che se non fosse stato pubblicato il mondo avrebbe continuato a girare lo stesso) e da lì ha ripreso questa tendenza nefasta di chiamare rock tutto ciò che non fosse classica e jazz, ma è una terminologia errata. infatti Terry Riley non appartiene al mondo della musica rock (nonostante Rainbow in Curved Air sia stato influentissimo), e nemmeno Fahey, e nemmeno la Mitchell, ma nemmeno (per citare artisti ovviamente non rock che hanno avuto un'influenza enorme sul mondo rock) Stockhausen, Reich, Coltrane, La Monte Young. detto questo, se uno mi dice 'eh no più di Abbey Road si meriterebbe attenzione Rainbow in Curved Air' gli rido in faccia, perché a quel punto citiamo anche For Alto di Braxton, Eternal Rhythm di Don Cherry e allora vale tutto.

Citazione:
Quando mai ho detto - o """fatto passare il messaggio fra le righe""" - che Tommy eccetera siano album di culto per intenditori lo sai solo tu. E io non c'entro nulla.

nel momento in cui dici 'questi dischi meriterebbero più attenzione' e li citi insieme a lavori molto più per addetti ai lavori come Knights of the Blue Communion, Orgasm (ma anche Alchemy) stai facendo questo giochino. ma Tommy, In the Court of the Crimson King sono dischi famosissimi e celebratissimi anche presso un pubblico molto generalista, e di nuovo non ha senso lamentarsi che meriterebbero 'più attenzione'.

Citazione:
Desertshore mica l'ho nominato a caso, l'ho citato (assieme ad altri) perché il fatto che un disco tanto originale, profondo, unico, non venga nemmeno nominato nella ""Top 500"" di C&G e in quella di Rolling Stone è una vergogna e che dimostra che molta critica rock ha ancora molto da imparare (certo che da chi considera i Beatles i più grandi di sempre non ci si può aspettare chissà che). Tra l'altro credo che Nico si rivolti nella tomba quando il suo capolavoro viene etichettato solo come "un disco Scaruffiano", ma non insisto.

ma anche chissene frega, Desertshore a malapena può essere ricondotto al rock, è un disco bellissimo profondissimo e tutto (concordo su ogni cosa eh) ma è un lavoro tra folk fuori dal tempo, atmosfere gotiche, tragicità da lied schubertiano e retaggi medievaleggianti, che mi importa se una rivista ultra generalista come Rolling Stone non la mette in una top 500? per la cronaca, Desertshore non è un disco scaruffiano in sé, così come non lo sono nemmeno The Velvet Underground and Nico o Trout Mask Replica o NEU! quello che ti pare (sono tutti dischi che hanno ricevuto la loro acclamazione e i loro meriti ben prima che Scaruffi ci scrivesse qualcosa a riguardo), ma se uno che pensa come scaruffi, parla sempre di Scaruffi, difende scaruffi à pie sospinto mi cita questi dischi, assumono un connotato scaruffino. esattamente come se uno che conosce tanto jazz mi cita Kind of Blue, The Black Saint and the Sinner Lady e A Love Supreme penso 'sta citando tre pietre miliari del jazz', se me li cita uno che si interessa solo del rock penso 'ecco un altro che conosce i soliti tre dischi in croce'
Citazione:
Che cazzo ho appena letto? Cioè, tutto il mio duro lavoro di ricerca di album validi anche se poco famosi, presi da N fonti diverse, me lo riduci a questo!? Ma cos'è questo, un dannatissimo scherzo che non fa un cazzo ridere?? Normalmente non risponderei neanche a provocazioni tanto frettolose e inconsistenti come questa, ma siccome potresti scambiarlo per coda-di-paglia ti faccio notare ad esempio che nell'elenco del '69 non ho inserito ad esempio Songs From a Room (che strano, eppure gode di un bel 7, eppure qualcuno lo considera un capolavoro anche più profondo dell'esordio..) perché non ci trovo molto di musicale e per me complessivamente Abbey Road gli è senza dubbio superiore, o Monster Movie (anche lui con un bel 7 e molti lo amano), o Led Zeppelin II (questo da molti considerato un grande capolavoro, ma io lo trovo inferiore ad Abbey Road e allora l'ho omesso!), o Green River (questo ha addiritura 7.5 e molti fan ci stravedono, ma IO credo sia inferiore sia a Bayou Country che a Willy e allora l'ho omesso, pensa un po' te!!!). Devo continuare? No che non continuo, ma un po' dovresti vergognarti, perché mi sembra di spiegare le cose ad un ragazzino di dodici anni - e poi mi parli di età, di intelligenza, di maturità!

rotfl assurdo come scrivi. sì non li hai citati tutti tutti perché wow! ti permetti di avere addirittura un po' di preferenze personali, ma sticazzi? sono su internet a parlare di musica da ormai una dozzina di anni, facevo anche io come te tempo fa, so bene qual è la preparazione dietro, si capisce subito che quei dischi li hai presi tutti da una fonte primaria principale + qualche lista di rym a caso per integrare con qualche altro paio di dischi (gli Appaloosa tipo sicuro vengono da quella di Nunziata).

Citazione:
Se certa critica ancora non capisce come Well Oiled sia uno degli album più incredibili dei Nineties sono cazzi suoi. Su Beatles/KC si può blaterare all'infinito, se non si capisce ancora che differenza c'è tra l'influenza dei B. sui KC e ad esempio l'influenza degli Stones sui Guns 'N Roses o dei Metallica sui Sepultura non sono affari miei.

per dire per me l'influenza dei Beatles sui King Crimson è perfettamente paragonabile a quella dei Metallica sui Sepultura, vale a dire: erano tra i nomi più grossi con cui più o meno chiunque in Inghilterra (per i King Crimson) o nel loro genere (per i Sepultura) si trovavano a dover fare i conti, non erano l'influenza principale. anzi nel caso dei King Crimson è più eclatante perché loro le ballate romantiche e suadenti come I Talk to the Wind le avevano pure, mentre i Sepultura avevano uno stile (nei dischi classici) molto più radicato nella declinazione estrema del thrash stile Slayer, thrash tedesco, gli Hellhammer, i Celtic Frost.
passo la parte su Well Oiled perché non hai capito niente del discorso e vabbè

Citazione:
Il "gioco delle tre carte" lo fai tu, dannazione, perché io ho scritto che è ridicolo che Rolling Stone nella sua "Top 500 albums ever" ""accosti"" un capolavoro come A Love Supreme (posizione 47) a quel cazzo di Rubber Soul (posizione 5); lo fa la rivista, mica io, ma li segui i discorsi o no? Inconsapevolezza comica, ma dove? Una lista di dischi dalla più famosa rivista di Rock di sempre nomina Love Supreme e Kind of Blue e Bitches Brew e non ho il diritto di stupirmi a non trovarci dentro Out to Lunch! e trovarci invece cazzatine inutili come Please Please Me e With the Beatles? Sono senza parole. Meno male che non fai il critico, guarda.

I dischi jazz che citi sono classici che hanno un pubblico molto più esteso di quelli di appassionati di jazz. Bitches Brew ha avuto un'importanza capitale nello sviluppo del rock anni 70 e 80, così come Kind of Blue e A Love Supreme l'hanno avuta sul rock anni 60. Out to Lunch! invece è un disco (meraviglioso, che preferisco a entrambi i dischi di Davis che citi) che non solo appartiene pienamente al mondo jazz e ha avuto un'eco molto ridotta sulla musica rock (a parte su outsider tipo Zappa e Beefheart, ma allora dovremmo dire che pure Edgard Varese è stato un musicista influente sul rock tout court...), ma anche nel jazz è un disco molto difficile perché non si ascrive né alla tradizione hard bop, né allo stile completamente free e atonale dei primi anni 60. che strano che non ci sia lui al posto di Please Please Me (disco che non sopporto minimamente, ma di nuovo: e sticazzi?)

Citazione:
Quindi alla fine che cos'era il tuo commento? Tanto fumo (leggi: fastidiosissima sfacciataggine) e poco arrosto.
Chissà poi perché quando qualcuno tenta di porre la questione Beatles in modo serio riceve sempre le solite frasine cattivelle e del tutto generiche (le varie "fai solo giochetti", "hai scarsa intelligenza", "mi dispiace per te", le risatine quando non c'è niente da ridere...). Non è che per caso queste offese di basso profilo nascondono solo la paura di chi le dice di intraprendere un dialogo serio? O magari la paura di chi sa di non avere argomenti seri per ribattere davvero?
Elucubrazioni a parte, se il tenore delle obiezioni rimanesse questo, forse forse vorrà dire che il mio testo non l'ho scritto poi così male.

mamma mia quanta inconsapevolezza...
Top
Profilo Invia messaggio privato
Giorgio_Gennari
MessaggioInviato: Gio Feb 27, 2020 10:23 pm  Rispondi citando
Utente Master


Registrato: 22/02/18 13:15
Messaggi: 202

Guarda Rathausen, come faccia uno come te - uno che ha tutte le carte in regola per fare discorsi seri e costruttivi sulla musica Rock - a lasciarsi ancora sfuggire risatine del tutto inopportune (i vari rotfl fra i messaggi, che sottolineo ora una volta per tutte), fatico a capirlo. Non ti è nemmeno passato per la testa di scusarti per i tuoi toni denigratori: peccato, avresti fatto bella figura, una figura da persona matura, ma ora di certo non mi metto a frignare e mi occuperò delle nuove questioni.

Con "musica leggera" intendi tutta la musica che non sia folkloristica (quindi ad esempio il jazz? le radici nell'"Africa" sono un "folklore" e quindi è folklore e quindi non è leggero? Quindi la Mitchell di Blue non appartiene al Rock perché fece folk/classica (?)) e accademica (Zappa insomma ad esempio in Uncle Meat, uno dei suoi dischi più "accademici", non è rock?)... (e mezzo mondo musicologico è d'accordo su questo? mah) Io con musica leggera intendo Claudio Villa e Gianni Morandi e i corrispettivi internazionali. Non mi sogno di considerare "musica leggera" nessun grande artista Rock, da Beefheart ai VU a Leonard Cohen a Dylan, al massimo li racchiudo tutti nell'etichetta "popular music", che però io intendo come "musica Rock" cioè quella musica che non è classica né jazz. Poi il mondo musicologico può pure ritenere gli Swans e gli Slint "musica leggera" - ma, a dirla tutta, ho qualche dubbio che sia davvero così - ma lo trovo abbastanza fuorviante. Siccome però credo si tratti tutto sommato di quisquilie, passo oltre.

AntonRathausen ha scritto:
scrivo qua una volta per tutte: di quello scritto non me ne frega niente. l'ho letto anni fa, l'ho trovato ridicolo, non voglio rileggerlo ora. se attacco qualcosa che scrivi è perché so (perché il sito lo lurko spesso) che dietro una frase c'è un intero modo di pensare sbagliato. quindi quando la tua risposta è 'eh ma rispondevo al tizio' ignorerò perché non me ne frega niente: senza girarci troppo attorno, io penso molto male di te e parto dal presupposto che in ogni cosa che scrivi ci sia il germe di un approccio metodologico sbagliatissimo e attacco quello

No senti, se "non te ne frega niente" fa a meno di parlare che è meglio. Molto del mio scritto è correlato all'articolo in corsivo, che contesto, inoltre ho spesso ampliato diverse mie considerazioni per casi più generali. Poi non so, forse non te ne rendi conto, ma il tuo dimostrare che "il mio approccio metodologico è sbagliatissimo" e che "il mio modo di pensare è sbagliato" ti è appena riuscito malissimissimo nel precedente post, e quindi tu ora quando fai discorsi non parti da chissà che trampolino, semmai da una fossa.
Ann.. aspetta ora ho capito.. tu ora dici "non mi frega nulla dell'articolo" per ripararti dalle tue vistose gaffe di prima (i tuoi discorsi su Pet Sounds e Tomorrow Never Knows assolutamente campati per aria)!!
Ehh ma così è troppo comodo caro, non si fa così. Tra l'altro questo tuo "io penso molto male di te e parto dal presupposto che in ogni cosa che scrivi ci sia il germe di un approccio metodologico sbagliatissimo e attacco quello" è incredibile: che oratore sopraffino! Sant'Agostino al confronto era un contadino, guarda. Ma passo oltre anche a questo.

Tu dici "Sandy Bull non c'entra niente con il rock", e io invece non sono d'accordo. E allora? Tanto anche ""restando nel rock"" c'erano musicisti (li ho già elencati) che hanno importato le fascinazioni orientali. Prima affermavi con sicurezza che era stato George Harrison (con/tramite Crosby vabbè) a farlo: altra tua vistosa gaffe di cui ora opportunamente ti dimentichi. Vabbè, facciamo che me ne dimentico anch'io, e passo oltre.

Sui Beatles/Sabbath continuo ad essere in disaccordo, poi per i Beatles mi citi sempre quelle "certe cose dal White Album"... fammi indovinare, parli di Yer Blues e Helter Skelter, proprio brani inflienzatissimi dai Blue Cheer! Un testacoda spettacolare, direi.

Yes lo trovo "a livello" di Abbey Road (non "superiore", se proprio lo devo specificare), e allora? Nemmeno Scaruffi lo crede, dovresti essere contento! Vedo poi che anche tu apprezzi Orgasm, ma allora non vedo come non considerarlo "di una certa rilevanza" (mica intendevo dire che tutto il black metal e l'industrial gli devono tutto, dai su!), sarà mica questo il fulcro della questione!

AntonRathausen ha scritto:
eh no io non sono stato vago, ho fatto esempi espliciti dei dischi cui mi riferivo. Knight of the Blue Communion è un disco bellissimo, e Cat Scratch Fever è un brano con cui vado in fissa periodicamente; detto questo, non fosse stato pubblicato la storia del rock avrebbe avuto più o meno gli stessi sviluppi - e il punto è che chissene frega, il rock va valutato da un punto di vista più raffinato e acuto della mera valutazione di ciò che è importante e ciò che non lo è. però quando si scende su questo ultimo punto si dovrebbe avere l'onestà intellettuale di dire cosa davvero è importante e cosa non lo è, a prescindere dai propri gusti

Rathausen, te ne prego, ti scongiuro, fermati un attimo a riflettere..
Lo ripeto ancora:
Giorgio_Gennari ha scritto:
ho scritto in maniera chiarissima che ho solo elencato una serie di album che mi sembrano almeno a livello di Abbey Road, specificando anche che gli album dell'elenco o sono al livello di A.R. (per una serie di ragioni estetiche) o gli sono superiori o sono stati più importanti per il corso della musica Rock, o queste caratteristiche assieme.

Tagliandotela a fettine, Knight of the Blue Communion vi è per ragioni estetiche, un album come Alchemy lo è per quello ma anche per importanza e influenza, eccetera. È un elenco-calderone dove i dischi sono lì per motivi diversi. Qualcuno è "a livello" di A.R., qualcuno gli è superiore, qualcuno è più importante. SECONDO ME. Ma questa nulla è se non una ripetizione di quello che ho già scritto e riscritto.

Poi ho capito che il mondo senza Lullaby Land sarebbe girato lo stesso, ma avrebbe difettato di uno dei lavori più mastodontici, variegati, enciclopedici, creativi, densi, incorreggibili, esilaranti, potenti, geniali, pantagruelici degli anni novanta! cazzo! Anche senza Slow Deep and Hard l'heavy metal sarebbe andato avanti benissimo lo stesso, credi che non lo sappia? E allora? Senza la Nona di Beethoven la musica classica si sarebbe fermata secondo te?? Ma che discorsi...

E lascia stare il discorso di Tommy e Led Zeppelin 1 e compagnia bella perché fanno solo parte dell'elenco di cui ho già scritto le mie "regole di ammissione" (hai visto che sono a casaccio e senza ordine, no? Al massimo ne ho raggruppati due o tre quando erano circa dello stesso genere) e che nel stilarlo non ho minimamente tenuto conto di chi è strafamoso e chi sconosciutissimo (pensi che non lo sappia che ItCotCK è celeberrimo? Ddai.). "Meritano attenzione" l'ho scritto solo dopo che lo hai scritto tu (riferendomi però all'elenco COMPLETO di 44 dischi, senza specificare che lì in mezzo c'erano alcuni album già celebrerrimi), quindi anche qui l'unico che "fa giochini" sei solo tu. Altra tua vistosa gaffe.

Il "paragrafo Desertshore e jazz" tra le altre cose si riconduce ancora al "ma non è mica Rock". Anche questo paragrafo rappresenta probabilmente l'ennesimo, maldestro, tentativo di nascondere le gaffe (argomento " Lista 500 Rolling Stone") sviando i discorsi o riprendendone alcuni quando in realtà già erano stati chiariti. Mah.

AntonRathausen ha scritto:
sì non li hai citati tutti tutti perché wow! ti permetti di avere addirittura un po' di preferenze personali, ma sticazzi?

No senti te avevi scritto che ho ricopiato a cazzo la lista di 7-8-9/10 di Scaruffi e io ti ho dimostrato che è una cazzata, devi solo star zitto su questo punto. È assolutamente inutile che alzi la cresta. Potrei specificati anche che Yes e Let It Bleed e Illuminations non hanno un 7, o che Orgasm / It's a Beautiful Day / Happy Trails non me li ha mica fatti conoscere Scaruffi (per non parlare degli altri anni, ma mi fermo qui perché ti stai aggrappando al niente).
Sì, Appaloosa me l'ha fatto conoscere Nunziata, l'ho trovato un album molto elegante e raffinato e l'ho inserito perché secondo me dovrebbero conoscerlo più persone, e allora? Ma Nunziata considera migliore il ben più noto Liege&Left, che però a me annoia solo a morte e infatti non l'ho inserito, e allora? Sei un cazzo di Sherlock Holmes delle quisquilie.

Guarda, volevo ribattere tutti i paragrafi ma non me la sento neanche. Il bello è che dalla lunghezza dei tuoi testi sembravi un super-esperto, un po' mi hai anche intimorito, ma poi andando a vedere bene le frasi è davvero tantissimo fumo e davvero pochissima sostanza. Discorsi sviati ad hoc, pareti maldestramente rovesciate, concetti cristallini che vengono lordati con nonchalance, frasi fatte a iosa ("mamma mia quanta inconsapevolezza...", esclamazione che non ti puoi di certo permettere vista l'imbarazzante serie di figure di cioccolata che hai fatto, ma tanto è così evidente...). L'abc della malafede.
Top
Profilo Invia messaggio privato
AntonRathausen
MessaggioInviato: Ven Feb 28, 2020 12:02 am  Rispondi citando
Novizio


Registrato: 26/02/20 14:58
Messaggi: 3

Giorgio_Gennari ha scritto:
Con "musica leggera" intendi tutta la musica che non sia folkloristica (quindi ad esempio il jazz? le radici nell'"Africa" sono un "folklore" e quindi è folklore e quindi non è leggero? Quindi la Mitchell di Blue non appartiene al Rock perché fece folk/classica (?)) e accademica (Zappa insomma ad esempio in Uncle Meat, uno dei suoi dischi più "accademici", non è rock?)... (e mezzo mondo musicologico è d'accordo su questo? mah) Io con musica leggera intendo Claudio Villa e Gianni Morandi e i corrispettivi internazionali. Non mi sogno di considerare "musica leggera" nessun grande artista Rock, da Beefheart ai VU a Leonard Cohen a Dylan, al massimo li racchiudo tutti nell'etichetta "popular music", che però io intendo come "musica Rock" cioè quella musica che non è classica né jazz. Poi il mondo musicologico può pure ritenere gli Swans e gli Slint "musica leggera" - ma, a dirla tutta, ho qualche dubbio che sia davvero così - ma lo trovo abbastanza fuorviante. Siccome però credo si tratti tutto sommato di quisquilie, passo oltre.

non hai capito molto di quello che ho detto. 'musica leggera' anche se generalmente fa pensare appunto alla canzone italiana che citi è nata come corrispettivo italiano del termine anglosassone 'popular music' (così come musica colta corrisponde ad art music). secondo questa definizione, sì, il jazz è popular music / musica leggera (perché non appartiene propriamente né all'ambito accademico né alla tradizione folkloristica - nel senso di musica tradizionale, profondamente radicata nella regionalità e nella provenienza geografica dei suoi esecutori, tramandata oralmente di generazione in generazione e non pensata per essere registrata e commercializzata - e poco c'entra il fatto che le sue radici culturali appartengano al blues, alla musica africana e latina, e a decine di altre musiche davvero tradizionali). quindi la Mitchell, Beefheart, i Velvet Underground, Dylan, gli Swans, appartengono tutti alla musica leggera / popular music (utilizza la formula che vuoi, non ha importanza). Uncle Meat ovviamente non è un disco di musica accademica visto che la modalità di registrazione è composizione appartiene a quello della musica popolare e non a quello della musica colta (per quanto Zappa sia stato uno di coloro che ha reso più obsolete queste distinzioni e le ha abbattute spesso e volentieri).

Citazione:
No senti, se "non te ne frega niente" fa a meno di parlare che è meglio. Molto del mio scritto è correlato all'articolo in corsivo, che contesto, inoltre ho spesso ampliato diverse mie considerazioni per casi più generali. Poi non so, forse non te ne rendi conto, ma il tuo dimostrare che "il mio approccio metodologico è sbagliatissimo" e che "il mio modo di pensare è sbagliato" ti è appena riuscito malissimissimo nel precedente post, e quindi tu ora quando fai discorsi non parti da chissà che trampolino, semmai da una fossa.
Ann.. aspetta ora ho capito.. tu ora dici "non mi frega nulla dell'articolo" per ripararti dalle tue vistose gaffe di prima (i tuoi discorsi su Pet Sounds e Tomorrow Never Knows assolutamente campati per aria)!!
Ehh ma così è troppo comodo caro, non si fa così. Tra l'altro questo tuo "io penso molto male di te e parto dal presupposto che in ogni cosa che scrivi ci sia il germe di un approccio metodologico sbagliatissimo e attacco quello" è incredibile: che oratore sopraffino! Sant'Agostino al confronto era un contadino, guarda. Ma passo oltre anche a questo.

secondo me non hai capito quanto poco mi frega di contestare le tue obiezioni a quel post (scritto da cani, come ho già detto) e quanto mi frega invece di contestare te e il tuo modo di approcciarti alla musica. se certe cose che ti contesto non le hai dette solo perché non ti serviva dirle per risponderle all'articolo bene, basta specificarlo e io lascerò perdere, tanto c'è già molta carne al fuoco su cui discutere.

Citazione:
Tu dici "Sandy Bull non c'entra niente con il rock", e io invece non sono d'accordo. E allora? Tanto anche ""restando nel rock"" c'erano musicisti (li ho già elencati) che hanno importato le fascinazioni orientali. Prima affermavi con sicurezza che era stato George Harrison (con/tramite Crosby vabbè) a farlo: altra tua vistosa gaffe di cui ora opportunamente ti dimentichi. Vabbè, facciamo che me ne dimentico anch'io, e passo oltre.

e dimmi un po', per quale motivo Sandy Bull apparterrebbe alla musica rock sentiamo? in quale sottogenere del rock si muove? non vi è nulla di rock nel suo modo di suonare: c'è il blues rurale, il folk, i raga, il jazz modale, ma non c'è il rock. come la somma di generi fuori dal rock possano appartenere al rock è un mistero. su Harrison te ne do atto, credevo di essere stato più moderato nell'esprimere quel concetto ma per come l'ho scritto si presta effettivamente all'interpretazione radicale che hai detto tu. quindi mi spiego meglio: come ho detto, non ritengo che a un singolo musicista possa essere attribuito il merito per l'introduzione di una novità stilistica quale la fascinazione orientale che era nell'aria per motivi socio-culturali e che infatti da più parti veniva introdotta in continuazione (da Sandy Bull e John Fahey nel folk, a John Coltrane, Don Cherry, Pete LaRoca e migliaia di altri nel jazz, ai Kinks, Byrds, Beatles, Paul Butterfield, e migliaia di altri nel pop/rock). Harrison e Crosby furono però coloro che ebbero l'impatto maggiore nel far conoscere tale cultura al pubblico occidentale: il primo scoprì Shankar tramite il secondo e inserì per la prima volta il sitar in un disco rock (nei Kinks la parte indianeggiante è solo imitata dalla chitarra, mentre nella musica di Fahey, Butterfield etc l'influenza della musica indiana è soprattutto armonica utilizzando improvvisazioni su scale modali). questo ha contribuito enormemente a rendere popolare la musica Hindustani in occidente, e se dovessi dire qual è stato il singolo momento cruciale di questa trasmissione al pubblico direi proprio il momento in cui Crosby fa conoscere Shankar ad Harrison. poi sei libero di citare i Traffic, o i Velvet Underground (che però si rifacevano alla lezione dei raga tramite i bordoni di La Monte Young dei primissimi anni 60 - se si vuole fare i pignoli, c'è sempre uno più puro che ti epura), o quello che ti pare, ma arriva un momento in cui un ascoltatore capisce che il divulgatore ha un ruolo rispettabile quanto quello dell'innovatore e dell'inventore, quando questi sono distinti.

Citazione:
Sui Beatles/Sabbath continuo ad essere in disaccordo, poi per i Beatles mi citi sempre quelle "certe cose dal White Album"... fammi indovinare, parli di c Blues e Helter Skelter, proprio brani inflienzatissimi dai Blue Cheer! Un testacoda spettacolare, direi.

questa è una roba pazzesca. tu assumi che se un gruppo è uscito un mese prima di un altro, allora per forza il secondo era influenzato dal primo. a parte che come ho detto mi riferisco sì a robe del White Album ma maggiormente a robe di Abbey Road (specie per il suono della chitarra, cfr. anche Come Together), ma secondo te Helter Skelter, incisa nel settembre 68 in Inghilterra dopo aver passato tre mesi di quell'anno in India, sarà più influenzata dai Blue Cheer (che avevano un suono molto più psichedelico, duro e sporco - e infatti molto più innovativo di qualsiasi cosa tentata dai Beatles nell'ambito 'hard') o dai brani più duri della British Invasion di Kinks e soprattutto Who? conoscere la cronologia delle registrazioni non basta per comprendere la rete di influenze, bisogna anche leggere e studiare, anche dalle dichiarazioni degli artisti stessi.

Citazione:
Yes lo trovo "a livello" di Abbey Road (non "superiore", se proprio lo devo specificare), e allora? Nemmeno Scaruffi lo crede, dovresti essere contento! Vedo poi che anche tu apprezzi Orgasm, ma allora non vedo come non considerarlo "di una certa rilevanza" (mica intendevo dire che tutto il black metal e l'industrial gli devono tutto, dai su!), sarà mica questo il fulcro della questione!

lascio perdere il discorso degli Yes perché vabbè, pensare che un disco che riscrive le regole del pop rock come Abbey Road sia al livello dell'esordio acerbo di un gruppo che ai tempi manco aveva trovato ancora la sua identità è una cosa che non comprendo ma ognuno ha i suoi gusti. rispondo invece su Orgasm: sì, mi piace; sì, lo trovo degno di essere ricordato nella storia della musica rock più assurda anni 60; non lo trovo allo stesso livello di Abbey Road perché (oltre a giocare in due campionati davvero diversi e imparagonabili) è un disco con molta meno direzione, consapevolezza e visione. poi 'certa rilevanza' è un discorso relativo: non lo menzionerei nemmeno tra i primi 100 dischi di musica leggera/popular degli anni 60, forse nemmeno tra i primi 200, ma non penso che sia un lavoro che non offra nulla di nuovo.

Citazione:
Rathausen, te ne prego, ti scongiuro, fermati un attimo a riflettere..
Lo ripeto ancora:
Giorgio_Gennari ha scritto:
ho scritto in maniera chiarissima che ho solo elencato una serie di album che mi sembrano almeno a livello di Abbey Road, specificando anche che gli album dell'elenco o sono al livello di A.R. (per una serie di ragioni estetiche) o gli sono superiori o sono stati più importanti per il corso della musica Rock, o queste caratteristiche assieme.

Tagliandotela a fettine, Knight of the Blue Communion vi è per ragioni estetiche, un album come Alchemy lo è per quello ma anche per importanza e influenza, eccetera. È un elenco-calderone dove i dischi sono lì per motivi diversi. Qualcuno è "a livello" di A.R., qualcuno gli è superiore, qualcuno è più importante. SECONDO ME. Ma questa nulla è se non una ripetizione di quello che ho già scritto e riscritto.

ho capito, e io ho solo detto che diversi dischi che hai preso non ci stanno né per ragioni estetiche, né per ragioni storiche, aggiungendo poi che fa ridere che ti chiedi come mai dischi come Tommy, In the Court of the Crimson King, Led Zeppelin (album che tu hai inserito in quella lista, eh) siano meno trasversalmente apprezzati di Abbey Road (sic, nel tuo primissimo post) quando, ovviamente, sono conosciuti e amati da chiunque e tra certi pubblici anche sensibilmente di più di Abbey Road.

Citazione:
Poi ho capito che il mondo senza Lullaby Land sarebbe girato lo stesso, ma avrebbe difettato di uno dei lavori più mastodontici, variegati, enciclopedici, creativi, densi, incorreggibili, esilaranti, potenti, geniali, pantagruelici degli anni novanta! cazzo! Anche senza Slow Deep and Hard l'heavy metal sarebbe andato avanti benissimo lo stesso, credi che non lo sappia? E allora? Senza la Nona di Beethoven la musica classica si sarebbe fermata secondo te?? Ma che discorsi...

ecco che la butti in caciara. sì, senza Lullaby Land e Slow Deep and Hard la musica sarebbe andata avanti lo stesso. senza la Nona (altro peccato scaruffiano, è tipo l'unica composizione classica che viene menzionata) invece le cose sarebbero molto diverse, visto che ha praticamente definito la forma della sinfonia romantica da Brahms a Bruckner fino a Mahler ed è stata continuamente citata da compositori successivi come Dvorak o Bartok. togli Lullaby Land e Slow Deep and Hard, e non cancelli o modifichi nulla della storia della musica successiva. (con tutto che Lullaby Land è uno dei miei dischi preferiti di sempre e gli ho dedicato alcuno dei miei scritti più appassionati in assoluto - l'ho citato apposta).


Citazione:
Il "paragrafo Desertshore e jazz" tra le altre cose si riconduce ancora al "ma non è mica Rock". Anche questo paragrafo rappresenta probabilmente l'ennesimo, maldestro, tentativo di nascondere le gaffe (argomento " Lista 500 Rolling Stone") sviando i discorsi o riprendendone alcuni quando in realtà già erano stati chiariti. Mah.

secondo me non capisci proprio niente. tu tiri fuori la lista di rolling stone, io ti rispondo 'ma sticazzi, fregatene, è una lista generalista con un target e certe preferenze ovvie ed è stupido pretendere certi dischi lì dentro' e tu dici che voglio nascondere la gaffe? ma che comprensione del testo hai?

Citazione:
No senti te avevi scritto che ho ricopiato a cazzo la lista di 7-8-9/10 di Scaruffi e io ti ho dimostrato che è una cazzata, devi solo star zitto su questo punto. È assolutamente inutile che alzi la cresta. Potrei specificati anche che Yes e Let It Bleed e Illuminations non hanno un 7, o che Orgasm / It's a Beautiful Day / Happy Trails non me li ha mica fatti conoscere Scaruffi (per non parlare degli altri anni, ma mi fermo qui perché ti stai aggrappando al niente).

attento che io ho detto che tutti i tuoi dischi provengono dalla lista di Scaruffi, non che hai citato tutti i 7-9 di Scaruffi. che ingegneria fai? in un esame di matematica confondere condizioni necessarie e sufficienti è un errore grave eh.
(oltretutto continui a pensare che una anomalia su al più una decina di dischi basti per cancellare l'intera estetica che governa i tuoi discorsi, i tuoi pensieri e i tuoi ascolti. tutto tradisce integralismo scaruffico. ci vuole altro per poter dire di avere una visione e un sistema critico personale e individuale)

Citazione:
Guarda, volevo ribattere tutti i paragrafi ma non me la sento neanche. Il bello è che dalla lunghezza dei tuoi testi sembravi un super-esperto, un po' mi hai anche intimorito, ma poi andando a vedere bene le frasi è davvero tantissimo fumo e davvero pochissima sostanza. Discorsi sviati ad hoc, pareti maldestramente rovesciate, concetti cristallini che vengono lordati con nonchalance, frasi fatte a iosa ("mamma mia quanta inconsapevolezza...", esclamazione che non ti puoi di certo permettere vista l'imbarazzante serie di figure di cioccolata che hai fatto, ma tanto è così evidente...). L'abc della malafede.

rotfl
Top
Profilo Invia messaggio privato
zagor
MessaggioInviato: Ven Feb 28, 2020 12:06 am  Rispondi citando
Music Guru


Registrato: 15/11/12 21:37
Messaggi: 1555



è mezzanotte, sono appena tornato a casa...non riesco a leggere tutto, un riassunto? Laughing
Top
Profilo Invia messaggio privato
Giorgio_Gennari
MessaggioInviato: Ven Feb 28, 2020 9:25 am  Rispondi citando
Utente Master


Registrato: 22/02/18 13:15
Messaggi: 202

Rathausen... basta. Hai stancato.
Ti aggrappi maldestramente a concettini di contorno - i vari "Non me ne frega dell'articolo", "Non me ne frega niente della lista di Rolling Stone", "Sandy Bull mica appartiene al mondo del Rock (secondo me sì perché non fa classica né jazz, te l'ho già detto, sbaglierò alla grande ma la penso così. Anche se è evidente che musicalmente non ha nulla in comune con Chuck Berry)", "Guarda che ItCotCK e Tommy sono celeberrimi", "Ragioni in modo sbagliato", "Sei solo uno scaruffiano" - per cercare (cercare, fallendo miseramente) di nascondere, di far dimenticare le tue molte gaffe fatte finora. Però non ci riesci, perché sono del tutto lapalissiane (aggiungerei una risatina, ma io non sono maleducato al tuo livello, e quindi evito) - e perché le ho pure rimarcate di volta in volta, di questi giochini io me ne accorgo subito. (un po' è un peccato, sai? Perché i discorsi sulla "musica leggera" e dell'influenza del jazz/classica moderna sul rock potevano essere assai interessanti. Ma si vede che non a tutti è dato di saper sviluppare i discorsi nel contesto giusto e di renderli fruttuosi come dovrebbero).
Siccome, da buon lingualunga, ancora insisti su questi binari, ci rinuncio.
Quando imparerai a fare discorsi senza cercare di imbrogliare le carte a tuo piacimento, ti ascolterò volentieri. Nel frattempo ti invito a smettere di inquinare questo topic.
Top
Profilo Invia messaggio privato
FrancescoB
MessaggioInviato: Ven Feb 28, 2020 10:13 am  Rispondi citando
Music God


Registrato: 08/02/09 19:40
Messaggi: 4526

Non entro nel merito di un dibattito che mi riporta indietro di 12 anni come minimo - e non ho la minima voglia di tornare al 2008, o meglio lo farei solo per avere ancora 25 anni Laughing .

Dico la mia sulla questione "senza il tal disco non sarebbero esistiti X e Y", che secondo me è posta in termini errati ed è - cito Borges - un residuato della poetica romantica che nel modernismo e nel post-modernismo non dovrebbe più avere cittadinanza. Si concentrano i meriti sul singolo individuo - tant'è che il concetto di "genio" posto nei termini attuali sorge con il romanticismo e grava ancora oggi sulle nostre fragili spalle - e si dimenticano completamente le condizioni, il contesto che favorisce la genesi di determinate forme espressive. Naturalmente non intendo derubricare a fatto irrilevante la predisposizione del singolo, ma quantomeno a fatto secondario sì.

Lo stesso zio Scaru - che pure millanta una concezione di fondo molto diversa - è imprigionato dalle catene del romanticismo (in senso letterario, in termini di poetica) e sembra rovistare nel carniere della storia per scovare il "genio" che avrebbe "inventato" una certa forma espressiva. Approccio per me totalmente fuorviante e semplicistico, oltre che in qualche modo rassicurante: ma secondo me lo Zio e tutti coloro che sposano questa visione stanno semplicemente provando a piantare dei paletti nell'acqua.


L'ultima modifica di FrancescoB il Ven Feb 28, 2020 1:11 pm, modificato 1 volta

_________________
Qui c'è troppa puzza di Dio.
Top
Profilo Invia messaggio privato
victor
MessaggioInviato: Ven Feb 28, 2020 10:28 am  Rispondi citando
Novizio


Registrato: 24/01/20 11:04
Messaggi: 9

Giorgio_Gennari ha scritto:
Rathausen... basta. Hai stancato.
..
Siccome, da buon lingualunga, ancora insisti su questi binari, ci rinuncio.
Quando imparerai a fare discorsi senza cercare di imbrogliare le carte a tuo piacimento, ti ascolterò volentieri. Nel frattempo ti invito a smettere di inquinare questo topic.




Perche' vuoi inquinarlo da solo e prenderti tutto il merito?

egoist! Smile

non capisco se sei solo un abile TROLL o ci credi davvero alle cose che scrivi...
Top
Profilo Invia messaggio privato
Giorgio_Gennari
MessaggioInviato: Ven Feb 28, 2020 11:06 am  Rispondi citando
Utente Master


Registrato: 22/02/18 13:15
Messaggi: 202

Victor... dimmi... ce l'hai ancora un po' di orgoglio? Ce l'hai, non so, un po' di dignità?
Perché fossi in te, visto come hai precedentemente intrapreso i discorsi in merito, visto come hai palesato e palesi tutt'ora la tua ignoranza sulla questione (finora hai votato due dischi due e commentato uno, tutti di una band sola, è un po' imbarazzante... insomma sei l'ultimo a brillare per onniscenza), fossi in te dicevo eviterei di commentare cercando goffamente di fare il gradasso della situazione.
Non hai un minimo di orgoglio, tanto da dire: meglio che evito di fare lo spaccone qui, perché sembrerei solo un ridicolo pallone gonfiato? Non ho parole.
Top
Profilo Invia messaggio privato
victor
MessaggioInviato: Ven Feb 28, 2020 12:34 pm  Rispondi citando
Novizio


Registrato: 24/01/20 11:04
Messaggi: 9

Giorgio_Gennari ha scritto:
Victor... dimmi... ce l'hai ancora un po' di orgoglio? Ce l'hai, non so, un po' di dignità?
Perché fossi in te, visto come hai precedentemente intrapreso i discorsi in merito, visto come hai palesato e palesi tutt'ora la tua ignoranza sulla questione (finora hai votato due dischi due e commentato uno, tutti di una band sola, è un po' imbarazzante... insomma sei l'ultimo a brillare per onniscenza), fossi in te dicevo eviterei di commentare cercando goffamente di fare il gradasso della situazione.
Non hai un minimo di orgoglio, tanto da dire: meglio che evito di fare lo spaccone qui, perché sembrerei solo un ridicolo pallone gonfiato? Non ho parole.



Mai detto di essere onniscente , anzi.

La differenza e' che io amo la Musica e parlo solo di quello che mi piace e non sento necessita' di screditare quello che non mi piace come invece fai tu ( e gli scaruffiani come te).

Tu invece sei onniscente ma di nozioni che hanno ben poco a che vedere con l'arte o non ti permetteresti di dire certe assurdita'.

Tu ascolti i dischi ma in realta' non senti nulla e , quel che e' peggio, non rispetti gli artisti.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Giorgio_Gennari
MessaggioInviato: Ven Feb 28, 2020 1:01 pm  Rispondi citando
Utente Master


Registrato: 22/02/18 13:15
Messaggi: 202

Ma piantala con queste cazzate sull'umiltà e sul rispetto per gli artisti!!
Qui l'unico che si è messo su un piedistallo sei tu che-ami-la-Musica e che entra a cazzo di cane alla fine di un discorso di cui non ha capito niente commentando con frasi fatte di cui non c'era affatto bisogno!! Ma ci arrivi o no?? Io non sono onniscente ma a differenza tua mi metto in gioco e cerco di seguirli i ragionamenti, se pensi che qualche slogan disarticolato come "non rispetti gli artisti" o "sei scaruffiano" possano appena scalfirmi sei del tutto fuori strada!!
Tutto quello che ho capito di te da quando sei entrato nel sito è che ti piacciono Mina e Battisti e MMT e Revolver dei Beatles, e niente altro si è capito di te! Falla finita con l'"amore per la Musica" e "il rispetto per gli artisti" che secondo te io non ho assolutamente, cadi solo sempre di più nel ridicolo e nel grottesco!
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Successivo
Precedente
Pagina 2 di 2
Vai a Precedente  1, 2
Indice del forum  ~  Musica

Nuovo argomento   Rispondi


 
Vai a:  

Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi




Powered by phpBB and NoseBleed v1.09
phpbb.it