V Video

R Recensione

10/10

DJ Shadow

Endtroducing...

Instrumental hip hop, la musica hip hop che non tiene conto di nessun elemento vocale.  E' questa la spiegazione più sintetica per definire un genere musicale che in realtà trova sbocchi più ambiti (tra cui una certa attitudine rockeggiante).

La combinazione di elementi sonori in superficie differenti quali il funk, l'hip hop e film score dà vita ad un nuovo suono, ad un nuovo approccio prettamente sperimentale ad una musica così naturalmente legata alla "parola". Chi ne è stato l' arteficie? Chi l'ideatore di un mix tanto improbabile quanto riuscito?

Ebbene nell' anno 1996, in pieno furore hip hop, il californiano Josh Davis, in arte Dj Shadow, decide di realizzare un album strettamente strumentale. Il suo stile si basa sui seguenti elementi:  loops, editing, sampling e beats. Un dipinto musicale che trae origine da piccoli suoni e rumori presi a prestito, decontestualizzati e ristrutturati per l' occasione.

Dopo una breve intro, il disco si apre con "Building Steam With A Grain Of Salt" un mantra psichedelico in formato elettronico che predilige la notte al giorno, l' interiorita all' esteriorità. Seguita a ruota dal vortice caotico e folle di "The number song" , una tempesta in puro stile hardcore condito di funk.

Il capolavoro indiscusso rimane l' ammaliante ed eterea "Midnight In A Perfect World", sembra quasi di immaginarsi immersi sotto un cielo stellato in una via di New York in compagnia di un amore immaginario, volto di donna con labbra rosso fuoco. Rimanere attoniti è il minimo dinanzi a cotanta maestria monumentale orchestrale.

Infine, il singolo "Organ Donor" che vede campeggiare il primo piano il suono inquietante e sinistro di un organo. Josh Davis ci regala dei paesaggi sonori che sanno di vita notturna, di un occidente che sta per cadere perchè non riesce più a reggersi in piedi. Al primo ascolto non ne riesci ad inquadrarne la maestosità, poi passo passo, quasi fosse un puzzle, unisci pezzo per pezzo e ti ritrovi nel suo mondo.

Un mondo interiore, dove la preoccupazione, l'incertezza e la paura del futuro sono avvolte nel colore blu della notte, nel colore blu della nostra interiorità, senza nessuna coordinata, senza nessuna bussola. Per il resto facciamoci avvolgere dalle melodie di "Endtroducing...", ne rimarremo incantati, quasi fosse stata scritta dai mostri sacri della musica rock. Ascolto imperdibile.

V Voti

Voto degli utenti: 8,9/10 in media su 21 voti.
10
9,5
9
8,5
8
7,5
7
6,5
6
5,5
5
4,5
4
3,5
3
2,5
2
1,5
1
0,5
rael 8/10
loson 9/10
Cas 9/10
F-000 10/10
gramsci 9,5/10
B-B-B 9/10

C Commenti

Ci sono 7 commenti. Partecipa anche tu alla discussione!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.

TheManMachine (ha votato 9 questo disco) alle 1:54 del 18 settembre 2008 ha scritto:

That's Fantastic!

Sì, questo disco è una figata pazzesca! Grazie Leonardo per averlo ripescato, bella scelta veramente!

loson (ha votato 9 questo disco) alle 8:36 del 18 settembre 2008 ha scritto:

Superlativo! Io mi sarei soffermato un pò di più nel collocare l'opera all'interno del quadro stilistico a cui fa riferimento (in sostanza trip-hop strumentale, in parallelo a quanto andavano facendo, seppur seguendo strade diverse, Dj Krush e Luke Vibert), ma fa niente. Ottimo ripescaggio!

fabfabfab (ha votato 9 questo disco) alle 9:31 del 18 settembre 2008 ha scritto:

Mi accodo. Bellissimo disco e giustizia fatta.

Peasyfloyd (ha votato 9 questo disco) alle 13:07 del 18 settembre 2008 ha scritto:

capolavoro

nonostante sia un evidente ignorante del genere non riesco a non associarmi alla fila di complimenti per un disco che ascolto spesso con piacere. Per quel poco che conosco una delle migliore cose mai ascoltate di elettronica

DonJunio (ha votato 8 questo disco) alle 0:15 del 19 settembre 2008 ha scritto:

Why hip-hop sucks in 1996? It's the money

"Midnight in a perfect world" vale una carriera.

Ivor the engine driver (ha votato 10 questo disco) alle 12:23 del 19 settembre 2008 ha scritto:

mi accodo anche io, lo stavo risentendo dopo quasi dieci anni giusto quest'estate, e non è arrugginito per niente. E il sample di Orion dei Metallica mi fece capire come le barriere fra generi fossero in via di totale smantellamento

synth_charmer (ha votato 6 questo disco) alle 15:00 del 5 maggio 2010 ha scritto:

Quest'album è osannato a destra e a manca, ma io non sono mai riuscito a farmelo piacere. Lo apprezzo stilisticamente, ma non riesco a godermelo di pancia. E sapere che tutti lo considerano un capolavoro, mi fa in effetti sentire uno sfigato magari un giorno mi si aprirà la mente..