V Video

R Recensione

7/10

Kanye West

The Life of Pablo

È un disco sul sé, "The Life of Pablo".

Sul sé di Kanye West, chiaramente. L’esaltazione, la glorificazione, l’idealizzazione di sé quale gesto egotico, emotivo di una personalità rivoluzionaria per impatto estetico nell’hip hop (e nell'entertainment, musicale e non) degli ultimi dieci anni; la personalità (o brand?) di un artista senza remore, pare, nell'accostarsi a figure tanto diverse come Pablo Picasso, Pablo Escobar, San Paolo. Scevro di senso del pudore nel rendere al pubblico ludibrio la propria vita (si vedano i tweet sui suoi debiti e la richiesta di un finanziamento di un miliardo di dollari a Zuckenberg… via twitter - sigh), e la vita degli altri – tra gli altri Taylor Swift: I feel like me and Taylor might still have sex. Why? I made that bitch famous, o la sua compagna Kim Kardashian I bet me and Ray J would be friends / if we ain't love the same bitch / yeah, he might have hit it first / only problem is I'm rich; alla faccia del disco pieno di gioia e amore.

È anche un disco catalizzatore mediatico, il nuovo West. Lo si è visto attraverso il suo profilo Twitter: medie di ritwittaggio assurde, hype di utenti e riviste (e le bacheche delle webzine in stile breaking news dopo un attentato) ad ogni post: i cambi in corsa della tracklist, del titolo dell’album (da “So Help Me God” a “SWISH”, passando per “Waves”, infine “The Life of Pablo”). Tutto un lavoro che rimarrebbe celato, quanto meno contenuto, normalmente: ma che Yeezy ha voluto rendere pubblico (al limite della parodia), fluido, proprio in linea coi tempi (post) post moderni che stiamo vivendo. Un insta, un twittare frenetico di "The Life of Pablo" al minuto.

Così come pubblico, fino a poco tempo fa, non era il disco: esclusiva Tidal da febbraio (il servizio streaming di Jay-Z), successivamente caricato su (ehm) Pornhub, con Apple Music, Spotify e Google Play Music che hanno dovuto aspettare fino ai primi di Aprile per averlo nel loro database. Ciò ha portato il disco ad essere il più ascoltato negli Stati Uniti (classifica Billboard, la prima volta per un disco presente esclusivamente in formato digitale) solo in questi ultimi giorni.

L’album, però, ha continuato a mutare nel dettaglio e nella produzione (vd, ad esempio: in "Wolves" il bridge di Vic Mensa e la strofa di Sia; l’ultimo chorus di "Pt.1") sino al momento in cui stiamo scrivendo. Da qui, nel bene o nel male, un punto di non ritorno: il processo creativo che prosegue anche dopo la release, la forma del disco che varia assieme alle scelte a posteriori dello stesso artista. Il manufatto artistico in continuo divenire, che sempre può cambiare - essendo la sua forma liquida.

Parallelo all’ostentazione del sé, il collasso: "The Life of Pablo" è anche teatro delle fragilità di un uomo al successo, che accoglie l’assoluto (la luce e la voce di dio, i riferimenti a Lot e all’Antico Testamento in “Ultralight Beam” – feat Chance the rapper e Kelly Price: foot on the Devil's neck 'til it drifted Pangaea) con una spinta esistenziale palesemente a pezzi e ricercata attraverso i propri mezzi. Che sono l'idiosincratico rimodernamento dell'hip hop, Chicago sud, l’ego smisurato/l'auto-celebrazione del sé, i colpi estetici (ché, in ultimo, "Yeezus" è soprattutto un colpo estetico), l'autotune (qui più contenuto che in "MBDTF" e "Yeezus"), certo lusso e certo sessismo (ripensate agli inizi, quando l’imperativo era andare nella direzione contraria), il vissuto, i rancori ("FACTS" e il dissing contro Nike) e il rimuginare del passato (“Real Friends”, “I Love Kanye”, “30 Hours”, "Wolves"), così come una notevole dose di meccanismi di difesa da disturbo narcisistico (grandioso) – “I Love Kanye”: I love you like Kanye loves Kanye. Ed è un disco in cui si respira uno scontro colossale tra spinta interiore ed ostentazione esteriore: il Kanye centrale, e quello periferico. Al solito, sì dirà: però qui la frattura appare più imponente; più traumatica.

Dei pezzi di "The Life of Pablo" colpisce l’estetica, la quale vuole essere mash up di stili riversati in strutture a incastro. La maggior parte degli episodi (specie nella prima parte) è pensato come progressione a più vie, in cui entro ogni pezzo c’è spazio per variazioni strutturali: minimali, massimaliste, ultra pop (“Waves”, feat. Chris Brown; “Highlights” feat. Young Thug: a volte vorrei che il mio cazzo avesse una GoPro, così potrei riguardarmi quella merda in slow motion), momenti gospel (“Ultra Light Beam”), i beat trap (“Father Stretch My Hands Pt. 1”, “Pt.2”, ancora “Highlights”), campionamenti vecchia maniera (“Fade”, “30 Hours”, “No More Party in L.A.”), rabbia dark/wave in stile "Yeezus"/"All Days" (“Freestyle 4”), super produzioni per arrangiamenti da cameretta (“Real Friends”).

Ne esce un lavoro discontinuo, poco compatto se non nelle sezioni interne al disco. Ma che vive di momenti altissimi: gli accordi del piano negli spazi minimal-trap di “Father Strecth My Hands Pt.1” (un “I just wanna fell liberated” davvero liberatorio), l'Atlanta di Desiigner ("Panda") in “Pt.2”, il campionamento (“Do What You Gotta Do”)/ritornello di Nina Simone cantato da Rihanna e la sopracitata line su Taylor Swift in “Famous” (con un rimbalzante, grandioso finale simil raggea), il momento ripiegato e il dialogo interno (feat. The Weeknd) di “FML”, la tensione pop (tiratissima nel sound, emotivissima nel cantato) e le allegorie di “Waves” (feat. Chris Brown), il delirio dell'egoL.A. (feat. Kendrick Lamar) di “No More Parties in L.A.” (SWISH!); il groove, gli accenni funk + stile “808’s” di “Fade”.

Un lavoro che sembra in linea che l'evoluzione meravigliosamente illogica della carriera di West, perché ne rappresenta alti e bassi, intuizioni rivoluzionarie e cadute nel grottesco.

Un lavoro che conferma inoltre come il suo egocentrismo (proprio nel momento in cui pare trionfare in modo irreversibile sulla musica) sia tanto linfa vitale quanto fardello insostenibile; detto altrimenti, la pietra angolare della sua concezione della musica e della vita.

E così, pur risentendo forse di una produzione disomogenea (si veda l'infinita lista di credits del disco), “The Life of Pablo” ha il pregio di risultare camaleontico e figlio di una concezione latamente visionaria-progressiva, quasi inclassificabile in termini di genere.

Anche qui sta la sua forza, come spesso è accaduto per West: che genere potevi attribuire a “My Beautiful Dark Twisted Fantasy”? E a “Yeezus”? Ma a dire il vero, persino il più tradizionale “The College Dropout” (di cui si avverte l'eco anche qui: la chiosa allucinata di “Famous”, con la voce femminile che diventa l'arrangiamento, in tal senso è emblematica) risultava architettato in modo del tutto inusuale, polimorfo, fino a rivelarsi con l'hip-hop progressivo di “Last Call”.

Ecco, qui siamo ancora oltre: le varie mutazioni genetiche del passato provano a trovare un punto di incontro, a conciliarsi in una nuova, strana prospettiva soul che proprio per questo non può essere etichettata in alcun modo, se non ricorrendo a schemi e a descrizioni avventate (noi parleremmo quasi di art-hip-hop, ma la verità è non se ne esce: West, come Keith Jarrett nel piano jazz, si è creato un mondo proprio, tanto da diventare lui stesso una sorta di genere musicale ambulante).

Quello che manca al disco è solo la continuità: ma Kanye West non ha smesso di cercare, e già questo è consolatorio. E neppure ha smesso di distinguersi: ora che la black-wave (che lui ha contribuito a creare) è una realtà consolidata, forse LA realtà della musica americana contemporanea, West ci tiene a prendere le distanze (ad esempio, da un certo impegno politico diffuso: nel suo caso i testi sono spesso puri momenti sonori, distanti anni luce dalle riflessioni socio-esistenziali di Kendrick Lamar), a confermare la propria unicità, anche e soprattutto in termini di visione.

Tanto che viene da pensare di lui ciò che Elias Canetti pensava di Musil: Il suo silenzio offende.

V Voti

Voto degli utenti: 7/10 in media su 4 voti.
10
9,5
9
8,5
8
7,5
7
6,5
6
5,5
5
4,5
4
3,5
3
2,5
2
1,5
1
0,5
woodjack 7,5/10
ThirdEye 5,5/10

C Commenti

Ci sono 4 commenti. Partecipa anche tu alla discussione!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.

fabfabfab alle 16:25 del 15 aprile 2016 ha scritto:

Parcheggiato da un mese e ascoltato distrattamente mezza volta. Mi ha nauseato prima ancora che uscisse. Ottima recensione, questo va detto.

woodjack (ha votato 7,5 questo disco) alle 21:57 del 21 maggio 2016 ha scritto:

con un po' di ritardo arrivo anche a questo... premetto che tendenzialmente detesto l'hip-pop, ma West va ben oltre come si sa, e quindi mi fa non solo tollerare ma addirittura amare l'inapprezzabile... la sintesi della rece (e del disco) credo sia qui: "Un lavoro che sembra in linea che l'evoluzione meravigliosamente illogica della carriera di West, perché ne rappresenta alti e bassi, intuizioni rivoluzionarie e cadute nel grottesco. Un lavoro che conferma inoltre come il suo egocentrismo sia tanto linfa vitale quanto fardello insostenibile; detto altrimenti, la pietra angolare della sua concezione della musica e della vita." . In tale senso mi sembra perfettamente riuscito nel voler esprimere quel che si prefigge: un disco che non insegue la velleità di essere equilibrato nè tantomento omogeneo, dato che rispecchia forze certrifughe e impolsive che tutto sono fuorchè bilanciate. Meltin-pot assurdo che spazia dal minimal-synth al gospel, passando per cose indefinibili (campionamenti di arpe, piuttosto che inserti rumoristi su basi world, voci modificate su innesti vintage anni '80 e altre diavolerie non descrivibili) la cui cifra è l'anarchica irregolarità: stilisticamente mi pare la summa dell'arte di West fino a questo momento, riprendendo il discorso di Twisted Fantasy, caricandolo dell'emozionalità di 808 e destrutturandolo alla maniera di Yeezus. Insomma non fermate la sua ruota libera, perchè sarà il momento in cui tirerà fuori la ciofeca. 7,5 solo perchè - personale idiosincrasia - le parti rappate dopo un po' mi mettono alla corda. Ormai bisogna ammettere che sono un po' di anni che (fatta qualche eccezione) le cose davvero interessanti in ambito pop si dicono in area hip-hop/r&b/soul/jazz e millemila-derivati. Approfittiamo per fare un saluto anche da qui al buon Prince (quello dei primi anni '90, per chi fosse ancora convinto dell'inutilità della sua carriera post- '8.

pantabellidiritti (ha votato 8 questo disco) alle 12:25 del 23 maggio 2016 ha scritto:

Kanye in questo disco fa tutto il contrario di tutto: regala momenti di preghiera, si abbandona a sfottò, rigenera e genera sotto-generi e sceglie di non scegliere una direzione univoca: troviamo gli elementi centrali della sua (riuscitissima) "fantasia bellissima oscura", le cesure ed i richiami brutalmente noir di Yeezus, i momenti più intimi e carichi di fragilità di 808. L'obiettivo è quello di confondere per - paradossalmente - far capire qualcosa, la sua nuova idea di album. A tal proposito, "The Life of Pablo" ha la colpa di essere stato al centro di un tira e molla mediatico, di una strategia di marketing che ritengo malata e controproducente; è però fulminante e "carico di roba". Io l'ho comprato dal sito del nostro a 20 dollaroni...me lo sto godendo a pieno! Voto 8.