V Video

R Recensione

8/10

Jochen Arbeit & Paolo Spaccamonti

CLN

Piazza C.L.N. è un blocco di cemento scolpito tra le forme barocche, l'art nouveau e le architetture romaniche di Torino. Anche prescindendo dalle reminiscenze fasciste e da quell'agghiacciante scena di Profondo Rosso, rimane un angolo della città dall'aspetto sinistro e minaccioso. Sebbene conceda scorci visivi della vicina piazza San Carlo, infatti, sembra rifiutarne l'aspetto accogliente e "salottiero" in favore di una vocazione commerciale sfuggente (il lato della "statua del Po" fino a poco tempo fa era un corridoio fantasma di locali sfitti) e di eventi misteriosi (cornicioni che crollano) che, uniti allo sguardo severo e all'imponenza delle due gigantesche statue della fontana, sembrano respingere i passanti, o quantomeno indurli a muoversi rapidamente verso la sicurezza sabauda di via Roma.

Non potevano scegliere ambientazione migliore per le loro elucubrazioni sonore congiunte queste due fervide menti del solipsismo musicale. Paolo Spaccamonti (chitarrista, compositore e agitatore silenzioso delle notti torinesi) e Jochen Arbeit (altro chitarrista allegrone di gran livello, già con Die Haut e Einstürzende Neubauten) rinchiusi (senza cibo, acqua e luce, immaginiamo) negli O.F.F. Studios insieme al fido Paul Beauchamp registrano una lunga session che viene poi tagliata e cucita in sette movimenti tra cortocircuiti elettrici di marca Constellation (“II”), immobilismi tesi come stalli alla messicana (“VI”), sabba da provincia sconsacrata (“I” sarebbe perfetta in apertura di una puntata di Fargo) e dichiarazioni di guerra cosmiche (sentite la tensione nel beat marziale soffocato da flussi sintetici di “III”).

Il risultato è un monolite grigio e gelido, talmente assordante e profondo da lasciare l'ascoltatore inebetito, abbandonato tra le ombre simmetriche di una piazza terrificante ma dal fascino misterioso, elegante e incantevole.

V Voti

Nessuno ha ancora votato questo disco. Fallo tu per primo!

C Commenti

C'è un commento. Partecipa anche tu alla discussione!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.

hotstone alle 18:53 del 14 giugno ha scritto:

Sonorità dark , un disco che si lascia ascoltare con piacere . Mi piace molto e mi trovo d'accordo con il giudizio ( dato.