V Video

R Recensione

8/10

Death Grips

The Money Store

Questa democrazia così perfetta fabbrica da sé il suo inconcepibile nemico: il terrorismo. Vuole, essa, infatti, essere giudicata in base ai suoi nemici piuttosto che in base ai suoi risultati. La storia del terrorismo è scritta dallo Stato, cioè dagli Stati; quindi è educativa. Naturalmente le popolazioni spettatrici non possono sapere tutto sul terrorismo, ma possono saperne abbastanza da essere convinti che, rispetto al terrorismo, tutto il resto dovrà sembrare loro abbastanza accettabile, e comunque più razionale e più democratico. (da “Le Teste” di Giuseppe Genna)

Nelle puntate precedenti… Gli “exmilitary” sono tornati. Il governo li aveva mandati a morire in qualche buco infernale, asfissiati dalla sabbia e dalle mine anti-carro, ma loro gliel’hanno messa in quel posto. Ed ora - perdio - sono tornati. Tornati per restituirgli un po’ di quel terrore, di quel disordine, di quel rumore. Soprattutto quest’ultimo. La vendetta è la loro sola ragione di vita. La CIA, l’FBI, la NSA, li cercano tutti. Vivi o morti. Ma nessuno riesce a trovarli. Non sanno nemmeno se siano vivi o morti, in verità. Esistono davvero? In carne ed ossa? Forse sono solo ologrammi digitali, ectoplasmi intrappolati in un segnale Doppler di potenza sonica inaudita, fantasmi dell’Occidente e della sua cattiva coscienza. Ma sono pericolosi, perché hanno combattuto le nostre guerre e conoscono la verità. Ed ora vogliono vuotare il sacco. Sparare a zero. Sanno che coloro che siedono al Congresso, al Palazzo di Vetro, alla Federal Reserve e un po’ dovunque, nelle logge e nelle stanze dei bottoni di tutto il mondo, sono zombie i cui cervelli sono stati riprogrammati a livello subliminale da un’entità extraterrestre conosciuta con nomi diversi: “Mercati finanziari” o “Economia globale” sono solo i più comuni. Un Videodrome crea miraggi e illusioni che col passare del tempo diventano sempre più invasivi, abbacinanti e autodistruttivi. Una specie di Hal 9000, ormai completamente fuori controllo, sta progettando la sua soluzione finale. Essi vivono e noi dormiamo. E sarebbe ora di svegliarsi, prima che sia troppo tardi. I Death Grips, “exmilitary” di professione diventati ribelli e terroristi dell’etere, sono l’equivalente sonico di Anonymous e Wikileaks, sono i semi della Primavera Araba, sono i ragazzi di Homs con la faccia insanguinata e la videocamera del cellulare in mano per testimoniare al mondo il loro martirio. Vogliono dirci che il futuro sta arrivando e che nessuno è al sicuro. I prossimi potremmo essere noi. “The Money Store” - i soldi che evaporano, che si prosciugano, che si perdono nei flussi e nei contatori elettronici dei listini di borsa, che vanno a finire non si sa bene dove - riprende esattamente da dove si era concluso “Exmilitary”. O meglio: s’interfaccia perfettamente con esso.

Apertisi una breccia con le armi pesanti del predecessore e penetrati nel cuore delle linee nemiche, la strategia militare e musicale di Mc Ride, Flatlander & soci si fa più sottile, mimetica, occulta, mentale. Si attenuano le bruciature heavy e hardcore, gli inserti chitarristici all’arma bianca, i suoni decantano, diventano più ipnotici e ossessivi, i brani più compatti e insinuanti, claustrofobici e senza pause. Un caos organizzato nei minimi dettagli, meno urlato, più spietato, capillare, febbricitante. Più penetrante e persuasivo. Come nel punjabi schizofrenico di “Get Got” e “Punk Weight”, nella tempesta meteoritica di “Lost Boys”, sorta d’incubo dove “L’isola che non c’è” si trasforma ne “Il Pianeta delle Scimmie” e la testa della Statua della Libertà, semisepolta come quella di un torturato di Guantanamo, indica che non c’è più via di scampo per Peter Pan e si suoi Ragazzi Perduti; la voce letteralmente aspirata, risucchiata dalle basse frequenze di “Black Jack”. L’emulsione dei generi è pressoché totale, non è più rap, non è solo rumore, non è avanguardia, né retro-futurismo come nel minimalismo iperaccelarato e squassato di “Hustle Bones” dove un synth ottantesco s’intreccia su se stesso, centrifugato da un sistema binario impazzito. Solo “I’ve Seen A Footage” presenta tracce di un rap-rock oldschool ma annichilato alla loro maniera. Poi saltano gli argini in “Double Helix”, campioni singhiozzati su break-beat e sedicesimi e “System Blower”, con “Hacker” il brano manifesto della loro resistenza virtuale e cibernetica, un glitch industriale robotico e angosciante. Fino a rendere la loro distopia quasi ballabile, un ballo d’impiccati sotto elettro-shock, in “Bitch Please”, un loop dance totalmente fuori giri, rallentato, falcidiato, deturpato e nella già citata e magnifica“Hacker”: uno zapping inferocito di campionamenti e bleep elettronici alla deriva, un groove radioattivo degno quasi di una hit da rave.

Concludo il comunicato citando RZA: “Aiyyo,camoflouge chameleon, ninjas scalin’ your building/ No time to grab the gun they already got your wife and children/ A hit was sent, from the President, to rage your residence/ Because you had secret evidence, and documents/ On how they raped the continents (…)”.I Death Grips stanno arrivando, sono sempre più vicini: chiudetevi a chiave in casa o unitevi alla resistenza. È tutto un sogno, il mondo non esiste.

V Voti

Voto degli utenti: 7,3/10 in media su 20 voti.
10
9,5
9
8,5
8
7,5
7
6,5
6
5,5
5
4,5
4
3,5
3
2,5
2
1,5
1
0,5
gull 8/10
ciccio 10/10
Noi! 6/10
facco 8/10
motek 5,5/10
bonnell 5,5/10
REBBY 5/10
LucaP 8,5/10
B-B-B 9/10

C Commenti

Ci sono 6 commenti. Partecipa anche tu alla discussione!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.

crisas (ha votato 7 questo disco) alle 0:20 del 10 maggio 2012 ha scritto:

non è il mio genere ma lui rimane un personaggio molto interessante, sentiamo cosa ha partorito questa volta ...

gull (ha votato 8 questo disco) alle 15:03 del 10 maggio 2012 ha scritto:

Lo trovo un filino più accessibile di "Exmilitary", e quindi per me che non pratico spesso certe musiche è stato più facile. Anzi, per essere precisi mi ha devastato dal primo ascolto e credo che sia un gran bel lavoro.

TexasGin_82 (ha votato 7,5 questo disco) alle 14:45 del 14 maggio 2012 ha scritto:

mmm interessante il ragazzo

Hacker mi piace proprio!

Noi! (ha votato 6 questo disco) alle 20:11 del 16 maggio 2012 ha scritto:

Per me non è da disco dell' anno ma fino ad ora devo dire che è una delle poche cose che mi abbia attratto.

crisas (ha votato 7 questo disco) alle 21:50 del 16 maggio 2012 ha scritto:

Niente male !

TexasGin_82 (ha votato 7,5 questo disco) alle 11:36 del 30 luglio 2012 ha scritto:

che bello poter votare con i mezzi punti ora!

comunque molto originale questo album, sono curioso di sentire come si svilupperanno nel prossimo... magari più maturi, più accessibili e un po' meno apocalittici...