V Video

R Recensione

6/10

Eels

End Times

La fine del mondo. Perché quando una storia d’amore  finisce, in un certo qual senso, un po’ lo è. Mr E lo sa. Perché quella piaga insanabile da sindrome di abbandono, quel senso di precarietà e di fine imminente, l’ha provati sulla sua pelle (non credo ci sia bisogno ripassare la sua biografia che tanto, più o meno, la conosciamo tutti: il padre Hugh Everett III, genio incompreso autore de “L’interpretazione a molti mondi della meccanica quantistica”, teoria che lo fatto passare per scemo tutta la vita e riscoperta in tutta la sua lungimiranza solo dopo la morte, la grave malattia mentale della sorella, la morte della madre) e a questo suo tormento ha conferito lo spessore d’una poetica.

E per raccontarcelo, ancora una volta, dall’ennesima angolazione, sceglie un abito antico, familiare. Concepito in parallelo e pubblicato a strettissimo giro di posta da Hombre Lobo, End Times ne rappresenta la controparte macerante, dolente, meditabonda. Passata la sbornia ferina, l’uomo lupo si risveglia glabro e infreddolito, rannicchiato sulla ghiaia del vialetto di casa, e si rende conto che ha perso tutto, anche le chiavi per entrare. Il quadro non è poi tanto differente da quello delineato nel trisavolo Beautiful Freak anche se la forma è più matura, pacata. Più classica.

Rivive nello scarno elettro-folk di In My Younger Days, nella desolazione in punta di penna e con la voce rotta di End Times (“… She’s Gone now/ And nowhere’s here/ Seems like the end of times is here”), nel piccolo lied per piano e banjo di Alone In The Dirt , nella toccante confessione di I Need A Mother laddove il “little lied” per piano e hammond si colora quasi di gospel, nel folk un po’ younghiano di Nowadays a cui le pennellate acquose degli archi e dei fiati, sottotono, conferiscono un po’ più di respiro.

E mentre qualche feritoia di sole filtra dalle miniature domestiche di The Mansion Of Los Feliz e Little Bird o dalla più estesa, (anti)epica, sessantesca On My Feet, il vitalismo di Hombre Lobo (ma anche di Souljacker, ad esempio) pulsa nel jump-blues di Paradise Blues e Gone Man con la loro ruvida scorza di amarezza postribolare e nel garage’n’roll iper-stilizzato di Unhinged.

Gli Eels sono anche, soprattutto questo. Fedeli a se stessi. Fino alla fine.

V Voti

Voto degli utenti: 6,9/10 in media su 14 voti.
10
9,5
9
8,5
8
7,5
7
6,5
6
5,5
5
4,5
4
3,5
3
2,5
2
1,5
1
0,5
target 6/10
gull 7/10
babaz 8/10
gasmor 10/10
krikka 8/10
REBBY 6/10

C Commenti

Ci sono 7 commenti. Partecipa anche tu alla discussione!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.

REBBY (ha votato 6 questo disco) alle 9:50 del 8 marzo 2010 ha scritto:

Come già per Hombre lobo, concordo nella sostanza

con la bella rece di Simone.

Peasyfloyd (ha votato 8 questo disco) alle 16:56 del 8 marzo 2010 ha scritto:

niente di nuovo è vero, però l'ho trovato ancora incredibilmente emozionante e di ottima fattura.

target (ha votato 6 questo disco) alle 17:23 del 8 marzo 2010 ha scritto:

Io invece sulla valutazione sono d'accordo con Er Coacci: disco bello, classicissimo, sentito (di cuore), ma con meno 'canzoni' rispetto a "Hombre Lobo" (e all'album medio di Mr E).

salvatore (ha votato 6 questo disco) alle 16:09 del 10 marzo 2010 ha scritto:

Io credo che gli Eels abbiano detto ciò che c'era da dire. E lo dice uno che crede che i primi due loro album (con una lieve predilezione per il secondo) siano pressochè perfetti. Scritto benissimo, ovviamente, ma gira un po' a vuoto...

Mr E non prendertela, per quello che hai dato, sei comunque sempre sul podio

Utente non più registrato alle 15:51 del 11 marzo 2010 ha scritto:

Concordo su tutto.

Roberto Maniglio (ha votato 7 questo disco) alle 12:52 del 13 marzo 2010 ha scritto:

Un sette, che in realtà è 6 e mezzo

gull (ha votato 7 questo disco) alle 23:13 del 13 marzo 2010 ha scritto:

Scarno, essenziale, profondo.

Un buon disco.