V Video

R Recensione

7/10

Kadhja Bonet

Childqueen

Non metto in dubbio che Kadhja Bonet sia una ragazza adorabile, ma – almeno a giudicare dalle esternazioni social – deve avere un carattere un tantino bizzarro: quanto basta per affermare di essere nata nello spazio, nel 1784, in groppa ad un verde pezzato fatto di spuma marina, e di essersi poi reincarnata in un corpo umano. Freak di tutto il mondo, unitevi: o dell’arte di non prendersi mai sul serio, questa benedetta. Facezie a parte, però, Kadhja Bonet è anche – e soprattutto – un’interprete e polistrumentista di grande spessore che, appena un paio d’anni fa, fece il botto con l’EP d’esordio (poi ampliato a full length vero e proprio), “The Visitor”: un sofisticato gioiello di retrò-pop soul privo di significativi termini di paragone nel recente passato, su cui il nostro Francesco Targhetta spese tutte le (belle) parole che si potessero spendere. Disco importante, oggi, questo sophomoreChildqueen”, composto a spizzichi e bocconi negli intervalli del precedente tour promozionale: davanti ad esso, la responsabilità di dare continuità e promuovere la maturità dell’enorme e comprovato talento di Kadhja.

Come per il first act, se in studio la cantautrice americana lavora in completa autonomia, dal vivo si avvale di musicisti dotati ed affidabili cui assegnare le ambiziose partiture composte di proprio pugno. La scrittura della prima metà non sembra perdere un colpo e in più punti i risultati, anche dopo numerosi ascolti, non smettono di stupire per respiro e articolazione. L’onirica, vaporosa lallazione di “Procession”, che alza con teatralità il sipario sugli attori protagonisti, sviluppa con copiosa abbondanza strumentale il senso scenico di “Earth Birth”, intarsiandolo con arabeschi di flauto e divertendosi ad arruffarne la conduzione: poi cala il rondò violinistico ad introdurre la title track, nuova “Honeycomb” e giardino delle delizie che aggiorna la lezione del David Axelrod di “Songs Of Innocence” e “Songs Of Experience” ai tempi del trip hop. I pezzi da novanta sono dietro l’angolo e non tardano a manifestarsi: “Another Time Lover” (con apertura-chiusura elegiache e non comunicanti, un vezzo quasi holteriano) è un sensuale soul-hop di velluto, cullato tra sfrangiature di tastiera ed echi di bolle che scoppiano (!), nel cui ritornello Kadhja modula l’arzigogolato salto armonico con voluttà virtuosistica; “Delphine” è un drammatico, passionale lento all’ombra di Moog e rullante, forse un attimino troppo lungo; “Thoughts Around Tea” ne è il ribaltamento estetico, un girotondo pop art che discioglie nella psichedelia le melodie dei girl groups pre-Motown.

Meno brillante ed un filo spuntata una seconda metà in cui le idee cominciano a mordersi la coda, tendendo verso sempre lo stesso centro. Se “Joy” è un dramma di chamber music performativa mimetizzato in una ciclopica cornucopia strumentale (tutta la formazione classica di Kadhja, qui dentro) e “Wings” un madrigale folk travestito da soul orchestrale, già il singolo “Mother Maybe” mostra di non saper gestire al meglio il suo discreto gancio melodico, annegandolo sul finale in un’infinita e prescindibile sequela di vocalizzi che ne trascinano oltremisura la durata: “Second Wind”, poi, è uno stanco close up narcolettico che inanella una sfilza di luoghi comuni del jazz vocale (con tanto di coda che, per un attimo, sembra addirittura ricalcare “What A Wonderful World”). “Nostalgia”, strategicamente architettata come hidden track, annulla infine le rotondità di “Procession” in un unico flusso fonosimbolico, un mantra psichedelico che s’interrompe ex abrupto prima della definitiva smaterializzazione.

Ad un passo dall’indiscutibile consacrazione, Kadhja decide di fare un passo avanti e uno di lato. Forse è una strategia per prendere tempo ed è in arrivo il fido pezzato, con cui balzare direttamente alle alte sfere? Chi si accontenta, per il momento, gode (e pure parecchio).

V Voti

Voto degli utenti: 7/10 in media su 1 voto.
10
9,5
9
8,5
8
7,5
7
6,5
6
5,5
5
4,5
4
3,5
3
2,5
2
1,5
1
0,5
target 7/10

C Commenti

C'è un commento. Partecipa anche tu alla discussione!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.

target (ha votato 7 questo disco) alle 19:57 del 17 agosto ha scritto:

Grande Marco, sempre in forma smagliante. D'accordo con ogni parola, tranne su "Delphine", che per me potrebbe continuare all'infinito. L'impressione, in ogni caso, è di un disco riuscito a metà: la rinuncia in molti pezzi a quel talento melodico e a quella voce strepitosa che facevano di "The visitor" un gioiello non giova, prevedibilmente, al disco. Sembra quasi che Kadhja volesse dimostrare di essere grande anche senza quei due strumenti: lo è, certo, ma un po' meno rispetto a quando li usa. Il 7 ci sta.