R Recensione

5/10

Orthodox

Sentencia

Fisso questa pagina bianca, la barretta che lampeggia, lo stereo nel frattempo acceso, senza sapere bene cosa scrivere, e mi mordo la lingua. Dovrei, in realtà, morsicarla due volte, non per innato senso sadomasochistico che, tuttavia, esce talvolta prepotente in forme sospette, ma per una duplice, grave dimenticanza del sottoscritto, ora in estrema difficoltà per quanto riguarda questo “Sentencia” degli ispanici Orthodox. La prima, certamente più importante, è non avere mai avuto il tempo di parlarvi, due anni fa orsono, di un disco metal che sarebbe piaciuto trasversalmente a chi costruisce are crisoelefantine anche di fronte al peggiore chitarrista psych della storia e, soprattutto, a tutti quelli che sdegnano con forza quest’orribile scenario. “Amanecer En Puerta Oscura”, sette movimenti strumentali che mettevano d’accordo Sleep con Sun Ra, OM con Sunn O)) e Miles Davis. Un estenuante pellegrinaggio sotto il sole del drone più abbacinante, sotto folate di sax e clarinetti, frammezzo a costoni di roccia magmatica e granitica. Non necessariamente bello, magari, sicuramente affascinante, quasi come le tonache druidiche che celavano, al mondo, i volti dei due di ex machina, novelli O’Malley e Anderson con molti più concetti in corpo e molto meno appeal intellettual-chic da svendere su durate di venti minuti (ad maiora).  

Quasi a ribadire che nulla, naturalmente, rimane così com’è, nemmeno quando sembra così ovvio e scontato, ecco giungere, allora, l’agognato (?) seguito qui trattato, a completare la trilogia “mistica-ma-di-grande-sostanza” inaugurata nel 2006 con “Gran Poder”. Fascinosi, oscuri, sinuosi ed eleganti, finalmente gli Orthodox riescono ad erigere un “solemne triduo” come si deve. Tre, come i brani di “Sentencia”, ma tre anche come il numero dei dischi incisi e, non da sottovalutare, tre come il numero di persone del dogma della Trinità. Considerato l’attaccamento quasi essoterico del duo per la Cristianità (e, più sui generis, il rapporto col divino) rivista in maniera, se non pagana, certo più misterica – i titoli non lasciano scampo ad interpretazioni, sebbene si dicano “agnostici” – il caso non è più tale. Quando, infine, si scopre che, per questo giro, hanno deciso di lasciare esprimere la propria musica anche attraverso la voce, la curiosità ha ormai raggiunto livelli di guardia considerevoli.  

L’altro madornale errore, l’avrete capito, entra in gioco ora. Abbiamo davanti, aldilà delle condivisibili sperimentazioni collettive, un lavoro sostanzialmente brutto, pedante, privo dello spessore che tanto aveva reso seducente il suo predecessore. La candela brucia, giocoforza, solo sul monolite centrale di “Ascension”, ventisette minuti circa ostici da legittimare non tanto per durata o complessità, quanto per effettiva densità di idee che, in più punti, scarseggiano. Il pianoforte, strimpellato, distonico, solistico, arrancante, passionale, è l’unico legante capace di raggruppare una lunga litania, lacerata prima da una vera e propria geremiade spesso condotta al limite dell’urlo più straziante, poi rinfocolata da una lunga coda free jazz per sax, chitarre, basso e clarinetti a lenta carburazione, abbondante di ottimi spunti che, ciò nonostante, non riescono a trovare forma compiuta e si ammassano, l’uno sopra l’altro, come tanti bozzetti dall’andatura flessuosa.

Inevitabilmente, la stroncatura riservata al gruppo toglierà qualsiasi voglia, agli esterni, di ripescare i meritevoli, precedenti capitoli, confinando perciò gli Orthodox in una nicchia che, per una prova andata a male, certo non meritano. È magra consolazione poter elogiare i due estremi, “Marcia De La Santa Sangre” col suo avanzare da processione castigliana (arpeggi acustici, tromba morriconiana e sombrero calato sulla fronte) e “...Y La Muerte No Tendra Dominio” – speriamo! –,  tetra e lugubre come i Goblin più fuzz e morbosamente legati all’Hammond, considerando che raggiungono appena i sette minuti se sommate assieme.

Ma, lo ammetto senza problemi, qui di "Sentencia" ce n'è una sola: mea culpa!

Sito ufficiale: http://www.orthodoxband.com

MySpace: http://www.myspace.com/orthodoxband

 

 

V Voti

Nessuno ha ancora votato questo disco. Fallo tu per primo!

C Commenti

Ci sono 2 commenti. Partecipa anche tu alla discussione!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.

Ivor the engine driver alle 17:04 del 12 ottobre 2009 ha scritto:

leggevo la recensione di sto disco ieri mentre defecavo e ne tesseva le lodi. Te lo stronchi, mi fido + di te. Ma il precedente lo cerco, cosa dici?

Marco_Biasio, autore, alle 17:05 del 12 ottobre 2009 ha scritto:

Assolutamente sì, il precedente è un capolavoro. Anche questo ha spunti non male, ma "Ascension" svacca proprio le palle.