R Recensione

9/10

Nico

The Marble Index

Ci sono artisti (due nomi a caso, Tim Buckley e Scott Walker) che, nei loro anni migliori, hanno travalicato il tempo e lo spazio di un’epoca. Nico, all’anagrafe Christa Paffgen, è indiscutibilmente parte di questa cerchia di musicisti “aliena” e immortale. Vestale gotica di riti ancestrali e antichissimi, icona di un immaginario mitteleuropeo e lugubre, la musa di Andy Warhol ha avuto un impatto notevole sulle future generazioni dark, psych-folk e dream-pop, creando praticamente dal nulla un’estetica sonora cupa e priva di compromessi.

Un lancinante canto di dolore immerso nel vuoto assordante di una cattedrale deserta. Un buco nero che pochi hanno avuto davvero il coraggio di attraversare (con il rischio di venirne risucchiati per sempre). Nico ha oltrepassato quella porta sconosciuta, navigando nell’oscurità più tetra dell’animo umano, e il percorso tracciato dalla sua opera è stato un esempio per molte band e cantautrici a venire. La musica di Nico non contempla i raggi di sole del giorno, né l’alba. Aspetta il tramonto, il respiro della notte e la pallida luce lunare.

Dopo l’esordio solista nel ’67 con il canonico baroque-pop di “Chelsea Girl” (e omonimo film warholiano), l’ex bionda modella-chanteuse tedesca decide di registrare nel settembre dell’anno successivo, presso gli Elektra Sound Recorders di Los Angeles, un lavoro impegnativo e personale. Qualcosa che nasca dalle cicatrici interiori, dai tormenti e dai dubbi di sé. Quel “qualcosa” d’indecifrabile e unico, dal potente fascino evocativo, sarà “The Marble Index”. Un monolite scuro e imponente, se vogliamo azzardare importanti paragoni cinematografici contemporanei.

La produzione di Frazier Mohawk e l’aiuto del fido John Cale daranno un contributo sostanziale al suono solenne e mesmerico di “The Marble Index”. L’ex-sodale velvettiano suonerà, infatti, quasi ogni strumento (viola elettrica, piano, basso, chitarra, glockenspiel, campane e armonica). “Prelude” è l’incipit strumentale di questo viaggio senza ritorno, un minuto di echi eterei e atmosferici. I bordoni e le note circolari dell’harmonium suonato da Nico in “Lawns Of Dawns” fanno tesoro della lezione minimalista di LaMonte Young all’allievo Cale: “Prati Di Albe” è un visionario riferimento all’esperienza lisergica con il peyote della Paffgen e Jim Morrison nel deserto della California, durante i tardi Sessanta. “No One Is There” è una medievale nenia contrappuntata dalla viola di Cale e dall’ipnotico timbro dell’interprete di “Femme Fatale”.

La malinconica dedica materna di “Ari’s Song” è una fioca candela di speranza e pace tra le tenebre degli abissi, un altrove indefinito di droni impalpabili, rumori gelidi e avant-garde che prende forma in “Facing The Wind”. La sepolcrale sacerdotessa osserva il suo riflesso in un pozzo profondo di solitudine, dove l’esistenza è una ossessiva partita a scacchi con la Morte bergmaniana de “Il Settimo Sigillo”, e nient’altro. “Frozen Warnings” rimane uno dei brani indelebili di Nico, un sogno\incubo da una dimensione lovecraftiana, che ha generato il culto di tanti proseliti con buona memoria (Brian Eno, Siouxsie, Dead Can Dance, la label 4AD).

La dea pagana dell’onirica “Evening Of Light” ci congeda da un mondo d’inquietudine e superstizione: un incantesimo sospeso in un limbo di dannati, una lotta contro i propri demoni in perenne esilio dalla vita. “The Marble Index” è un enigma irrisolto, immaginifico e figurativo come un quadro di Bosch, spettrale e diafano come il volto della sua misteriosa autrice.

V Voti

Voto degli utenti: 8,4/10 in media su 16 voti.
10
9,5
9
8,5
8
7,5
7
6,5
6
5,5
5
4,5
4
3,5
3
2,5
2
1,5
1
0,5
loson 8/10
brian 8/10
Teo 9/10
B-B-B 9/10

C Commenti

Ci sono 10 commenti. Partecipa anche tu alla discussione!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.

Dr.Paul alle 11:16 del 2 settembre 2010 ha scritto:

sempre stata simpatica, solo che non riesco a digerire i suoi dischi.... non c'è niente da fare!

salvatore (ha votato 9 questo disco) alle 12:44 del 2 settembre 2010 ha scritto:

RE:

Che donna Christa Paffgen! Che voce, che espressività, che occhi, che anima, che fascino... Per me, una divinità! Strano Paolo, non tanto per il fatto che tu non riesca a digerire i suoi dischi, quanto per l'aggettivo "simpatica" riferito a Nico. Non so... è l'ultimo termine che mi verrebbe in mente...

Venendo al disco, bellissimo. Anche se Desertshore rimane il suo capolavoro.

Credo che quella di Nico sia in assoluto la mia voce femminile preferita, insieme a quella di Nina Simone.

Ottimo ripescaggio, Daniele, e ottima recensione.

Utente non più registrato alle 13:53 del 2 settembre 2010 ha scritto:

Un gradino sotto "desert shore", ma avercene dischi così....

loson (ha votato 8 questo disco) alle 21:36 del 8 settembre 2010 ha scritto:

"Desertshore" è un 5 stelle fisso e sacrosanto, questo mi piace un po' meno ma restiamo sul capolavoro. Molto bella la recensione, Daniele.

benoitbrisefer (ha votato 8 questo disco) alle 14:46 del 9 settembre 2010 ha scritto:

ghiaccio teutonico e psychedelia deviante... sublime!!

PetoMan 2.0 evolution (ha votato 1 questo disco) alle 17:45 del 27 aprile 2011 ha scritto:

la solita solfa depressa. tristerrimo

PetoMan 2.0 evolution (ha votato 1 questo disco) alle 18:12 del 27 aprile 2011 ha scritto:

però accidenti, ho sgarrato il voto, mi è partita la mezza stelletta, ne volevo mettere due piene in reatà. devo cambiarlo 'sto mouse. potete correggere? altrimenti fa niente.

salvatore (ha votato 9 questo disco) alle 20:49 del 27 aprile 2011 ha scritto:

RE:

Ah ecco, mi sembrava strana la mezza stelletta... Con due sì che ci siamo

Nico ne sarà contenta...

dissonante (ha votato 10 questo disco) alle 10:27 del 13 ottobre 2013 ha scritto:

Accanto a Nico, quasi tutto quel che verrà del genere gotico quasi scompare. Un disco sacro, immacolato. Lawns Of Dawns un brano strabiliante, tutto il resto una meraviglia purissima.

Giorgio_Gennari alle 22:37 del 15 settembre ha scritto:

Oh mio Dio. Che razza di capolavoro senza tempo. Nico e John Cale, che razza di coppia.

Artisticamente, Nico è solo che da amare. Da amare, per sempre.