V Video

R Recensione

6/10

Animal Collective

Centipede Hz

Gennaio 2009. Gli Animal Collective, via Domino, rilasciano “Merriweather Post Pavilion", che piomba come un monolite nell’immaginario indie globale, travolgendolo e deviandone alcuni dei suoi flussi estetici.

L’abbandono (transitorio, col senno di poi) di Josh DeakinDibb porta il collettivo a ridisegnare i piani per la stesura del seguito di “Strawberry Jam” (2007). Con distanze geografiche sempre più ampie, subentrano, in serie, difficoltà organizzative, così come nuovi compromessi (le rispettive carriere soliste di Panda Bear, Avey Tare, Geologist) sul come e dove comporre il nuovo materiale (Noah Lennox risiedeva, e risiede ancora con famiglia, a Lisbona). Un’idea di suono diversamente spettacolarizzante a ribollire nelle loro teste, consapevoli che un maniera minimale di comporre e strutturare (a sforare limiti ambient: Tangerine Dream, il catalogo Kompact sempre citato, “Selected Ambient Works” di Aphex Twin) non avrebbe dovuto compromettere il loro temperamento, di base, freak ed estroso.

La forma pop (toccata a più riprese in passato; mai impossessata pienamente) quale misura di tutte le cose, con cui confrontarsi in maniera definitiva: concetto portato avanti dal lavoro in studio con Ben Allen, attraverso un labor meticoloso, e ossessivo sui sampler (gli effetti collaterali, per molti spettatori, disastrosi nei live). A favore di una resa pienamente elettronica (la strumentazione “classica”, fino ad allora, nelle mani salde di Daekin), settata dal dietro le quinte su “altezze” a scalare, e ibridata con istinti dance (MGMT, ad accompagnare e a riprendere estetiche comuni); da qui le ritmiche, tribalismo schizofrenico assieme arcaico e metropolitano, reiteravano incessantemente su scenari melodici lenti nello svelarsi: agghiaccianti per purezza psichedelica (e finanche totalmente easy listening; “Bluish”, o “My Girl”, la cosa più vicina ad una hit partorita dai tre di Baltimora), perché liquide, preda di fascinazioni lisergiche (si parla, per l’appunto, di avant pop). Dissociazione corporea per chi ascolta, quando gli apici estatici vengono raggiunti (“If I could just leave my body for the night”, da “In the Flower”), e allucinano, nel momento in cui sai di esserne totalmente dipendente. Disco fondamentale, per molti, del decennio zero: “Merriweather Post Pavilion” si trascinerà vendite di rilievo (13° posto come vetta nei Bilboard, per esemplificare) e consenso pressoché unanime di critica (il 9.6 pitchforkiano a proiettarne negli spazi infiniti l’hype).

Disco che volgeva al termine con “Brothersport”, brano che più si affranca dalla gestalt estetica del lavoro – per dinamicità e iperattivismo, e complessità di arrangiamento. È anche da qui che gli Animal Collective riprendono il discorso: in “Centipede Hz” si accelera sui tempi, le ritmiche si riportano su standard serrati e tellurici (“Moonjock”), i flussi melodici infaticabili (“Wide Eyed”) o distorti in brodaglie impastate e sintetiche (“Mercury Man”) e dalla prestanza electro pop stravagante. Il passo attuale e “naturale” (virgolettato, ché di naturale gli Animal Collective ne avranno sempre ben poco): compattare nello stessa creatura deforme trame psichedeliche scoppiettanti (Flaming Lips), ossessioni kraut, sbrodolature weird/freak e liquefatte, e graffi vocali (accostiamo “Grass” a “Today’s Supernatural”, ad esempio). Il reintegro di Deakin, come si noterà, ha riaperto molte finestre sul passato –  filtrate con molto del ‘nuovo’, ovviamente. Si pensi a “Rosie Oh”: rimbalza, folle, tra frequenze disturbate e contatti extraterrestri, avvinghiata com’è da una girandola di elettronica psicotica, a scontrarsi con un dub dalla resa hi-fi e chitarra farsesca.

Com'è solito, gli Animal partoriscono un sound senza origini, esoterico in senso bizzarro, drogato di psichedelia indemoniata. “Applesauce”, meraviglia, è danza tropicale di altri mondi; il piglio orientale-tribale di “Amanita” (altro apice) è qualcosa che gli Yeasayer (il lato emotivo di questi suoni) avrebbero pagato danaro sonante per includere in “Fragrant World”.  La copertina (inguardabile) è bocca che ingurgita e sottomette (in funzione pop) gli stati freak troppo esposti del passato (lo slancio senza freno di “Today’s Supernatural”), lasciandoli ad ogni modo trasparire, detersi da una produzione astuta - sempre Ben Allen, che sottrae il non necessario in senso noise; si inseriscono, piuttosto, certe intermittenze radio (a prestito dal fratello-dj di Avey Tare).

Si esce sfiniti dall’ascolto: carne al fuoco anche troppa, pesante da buttar giù in blocco – la colpa alla tripletta centrale? “Father Time”, “New Town Bornout”, “Monkeys Riches”. Difficile, quindi, mantenersi lucidi, sempre, nel flusso del disco (come accadeva, analogamente, nella produzione pre Merriweather) in cui solo una “Pulleys” (drogata e fangosa: fuga dissociativa, anch'essa, per ricerche extra sensoriali) riesce a dare tregua. E risiede anche in questo lo scarto qualitativo tra “Centipede Hz” e il suo predecessore: tra quell’amalgama di ripetizione ipnotica in volo verso l'etere, il grado di compattezza che qui non si riscontra.

Ad ogni modo: mai fermi, mai paghi e uguali a loro stessi, sempre affamati, iperproduttivi (da “Merriweather Post Pavilion” ad oggi, tra gli altri: un dvd visuale, “ODDSAC”, l’Ep “Fall Be Kind” e la splendida "What Would I Want? Sky", “Tranverse Temporal Gyrus” su commissione del Guggenheim) e di una bizzarria contagiosa, gli Animal Collective.

V Voti

Voto degli utenti: 6,8/10 in media su 11 voti.
10
9,5
9
8,5
8
7,5
7
6,5
6
5,5
5
4,5
4
3,5
3
2,5
2
1,5
1
0,5
motek 7/10
ciccio 8/10

C Commenti

Ci sono 5 commenti. Partecipa anche tu alla discussione!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.

rdegioann452 (ha votato 8,5 questo disco) alle 10:19 del 17 settembre 2012 ha scritto:

disco che si metabolizza con gli ascolti, ma comunque bellissimo. applesauce il capolavoro del disco.

TexasGin_82 alle 16:29 del 17 settembre 2012 ha scritto:

primo ascolto... mi ha colpito.

Peasyfloyd (ha votato 8,5 questo disco) alle 18:55 del 17 settembre 2012 ha scritto:

per quanto mi riguarda uno dei dischi dell'anno. Di poco inferiore all'inarrivabile Merryweather, di cui riesce comunque a portare avanti le linee sonore in maniera eccellente.

rdegioann452 (ha votato 8,5 questo disco) alle 22:38 del 17 settembre 2012 ha scritto:

lo sapevate che il titolo è un omaggio alla vecchia band inglese centipede che nel 1971 pubblicò "septober energy"? bene, sapevatelo.

Paul8921217 (ha votato 8,5 questo disco) alle 20:41 del 7 ottobre 2012 ha scritto:

Fichissimo, fra i migliori dell'anno sicuramente.