V Video

R Recensione

10/10

My Bloody Valentine

Loveless

Loveless. Senza Amore. Un titolo così più che al suo contenuto fa pensare al rapporto difficile instauratosi tra il Boss della Creation Alan McGee e il geniale ma pignolo Kevin Shields, mente dei My Bloody Valentine, durante il processo di registrazione dell’album.

Che sia stata l’ossessione perfezionista del musicista o i numerosi problemi tecnici occorsi in studio a ritardarne l’uscita, Loveless finalmente viene alla luce nel novembre del 1991 (dopo l’utilizzo di sedici ingegneri del suono, dopo due anni e mezzo di lavorazione e dopo aver fatto spendere all’etichetta, a quanto pare, la bellezza di 250000 sterline, un dato che poi sarà negato da Shields), in un’era in cui il suono ruvido del grunge sembra voler apprestarsi a dominare la scena “alternativa”.

In realtà ben altra ruvidezza, dagli esiti eterei, finirà per modificare realmente le sorti del rock. E se Shields ha sempre rifiutato l’etichetta di “shoegazer”, Loveless è universalmente riconosciuto come uno dei capolavori di quella scena e pietra miliare del rock tutto degli anni Novanta.

I My Bloody Valentine deturpano docili melodie che sovente possono riportare alla mente quelle sessantiane, portando alle estreme conseguenze il discorso iniziato dalla psichedelia beatlesiana, sposata a quella deviata di stampo Velvet Underground, riviste attraverso un percorso parallelo a quello intrapreso dal noise dei Sonic Youth, ma diverso e del tutto particolare.

Si impadroniscono di un nuovo linguaggio del pop rifacendosi ai momenti più romantici del dark-pop curesco, finanche azzardando l’aggancio con un folk spettrale, fino ad anticipare alcune intuizioni di certo post rock. Poi si inabissano in acque lisergiche abitate dagli Spacemen 3 e a volte ne fuoriescono con la carica vitale dei Primal Scream. Infine, si adagiano nei paradisi musicali evocati dai Cocteau Twins.

Le squassanti chitarre che gridano e stridono sottoterra di Only Shallow hanno il compito di aprire l’album, con un effetto subito stordente. Bilinda Butcher si insinua come ombra tra lo ombre con versi incantati, appoggiati come veli soffici e trasparenti ai pesanti strati sonori che, nella loro crudele timidezza, ribolliscono come magma tra le nuvole (stupirà alcuni di voi il fatto che quello che sembra un massiccio lavoro di overdubbing in realtà non è quasi mai stato compiuto!), insidiati da serpi elettroniche. La coda che sopravvive al dolce massacro noise vede affondare note paradisiache in un limo acido.

I tamburi indistinti di O’Ciosoig respirano a malapena sotto le distorsioni stratificate di Loomer, che non possono non lasciar sfuggire una melodia fanciullesca, imbrigliata a fatica.

Il bozzetto sperimentale di Touched cattura ectoplasmi sonori dalla grottesca sagoma che gorgogliano affranti: non è altro che l’anticamera perfetta per To Here Knows When, capolavoro di vertigini rumoristiche, di brividi intensissimi, tra lo scintillio degli archi campionati, le percussioni che ormai sopravvivono sott’acqua, i lenti, sinuosi, confusi movimenti delle chitarre distorte, compiuti sia in ritardo che in anticipo rispetto all’ideale andamento complessivo del pezzo.

When You Sleep è un brusco risveglio: la sezione ritmica più nitida e l’elettricità più graffiante si accompagnano nel refrain strumentale a una melodia che sembra fischiettata.

Di nuovo una coda ambientale, dai contorni ancora più sfumati, ci consegna la nenia cadenzata di I Only Said, in cui le armonie vocali sono ormai del tutto impastate con le glide guitars che cercano di prendere il volo ma invece continuano a essere dilaniate con morbosa attitudine shoegaze.

Lo sfiancante processo di lavorazione del disco porta i quattro musicisti a condurre uno stile di vita dai ritmi assurdi e sfasati, tra continui cambi di assistenti in studio e pochissime ore di sonno. La maniacalità di Shields lo porta a voler escludere ogni membro estraneo al gruppo (incluso McGee stesso) dalle registrazioni delle parti vocali.

Come In Alone è un altro risveglio, ma di un sogno dentro un sogno, un risveglio in madidi paesaggi psichedelici, tenera e malata, da subito incalzata dall’ebbro cinguettìo dei synth.

Al di là del sogno, o forse semplicemente alla fine di esso, troviamo Sometimes, nascosta dietro pavidità inconfessate e tremori amorosi, disturbata dallo sfrigolio delle corde che suona in realtà come un ruggito eterno, soffocato e soave, trascinato fuori dalle chitarre sature con indolenza e al contempo ossessività.

Le tastiere armonizzate (assieme ai cori) si fanno respiro profondo, si sciolgono riversandosi dentro setosi alvei da cui sgorga una romanticissima ninna nanna per romantici malati di insonnia. In Bown A Wish, il celestiale canto della Butcher si intreccia a singulti, lamenti, ululati angelici come lacrime che si confondono tra la pioggia, rapite dalla pietra, che si disperdono attraverso l’evanescente/opprimente tessuto musicale.

Il garage “intenerito” di What You Want vive di mormorii e segreti violati dagli amplificatori spianati mentre Soon si rivela danza sciamanica, senza rinunciare a mostrasi come “solare” brano pop rock.

Loveless non contiene semplicemente delle composizioni pop sporcate dalle sperimentazioni noise. È un flusso unico nel quale sono immersi rumore e melodia in maniera inestricabile, inscindibile, l’uno al servizio dell’altra, l’uno causa e conseguenza dell’altra. Nelle canzoni la purezza affiora piano piano, emerge dal rumore annichilente trionfale e silenziosa, mentre cerchiamo a tentoni un briciolo di lucidità. Tuttavia dobbiamo accettare il fatto che siamo destinati a questo volo leggero, come di piume nel vuoto, assuefatti a questa enigmatica, sfuggente sensualità, che diviene improvvisamente innocenza nel momento in cui la si svela. Proprio nel momento in cui ci si accorge del suo magnetismo.

Loveless è ruggine e zucchero. Loveless lo si sente tra le lenzuola e ovunque nell’aria. Brezza imprigionata nella stanza, che non può uscire.

Assordante, subliminale, dolcissimo sussurro nella testa.

Qui nel letto, forse altrove.

Da nessuna parte.

V Voti

Voto degli utenti: 8,9/10 in media su 59 voti.

C Commenti

Ci sono 60 commenti. Partecipa anche tu alla discussione!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.

DonJunio (ha votato 10 questo disco) alle 4:16 del 4 maggio 2007 ha scritto:

only shallow.....

kevin shields, un autentico genio....raramente uno entra in sala di registrazione dicendo" ok, faccio un capolavoro",e ci riesce sul serio. Album splendido, autentico caposaldo degli anni 90, e non solo. Schegge impazzite di depravazione sonica e lancinanti carezze, soffocate nel feedback.

Marco_Biasio (ha votato 10 questo disco) alle 21:41 del 4 maggio 2007 ha scritto:

-_-'

.

Moon (ha votato 10 questo disco) alle 14:36 del 9 maggio 2007 ha scritto:

capolavoro dello shoegazer ma stranamente mi sento a mio agio più con altre pietre miliari del genere magari meno "divini" e più a misura d'uomo.

Luca Morello, autore, alle 17:33 del 14 dicembre 2007 ha scritto:

beh sì è corgan che si rifà a loro ))

swansong (ha votato 4 questo disco) alle 11:56 del 5 febbraio 2008 ha scritto:

dove sbaglio?

Intanto ciao a tutti, ho già postato qualcosa, ma non sono un assiduo frequentatore, perciò saluto tutti e preciso subito una cosa: senza ombra di dubbio e non per facile piaggeria, ritengo questo portale uno dei più seri e meglio curati attualmente sul web, con alcuni dei redattori e recensori più competenti che abbia mai avuto il piacere di leggere, per non parlare delle tante "chicche" scoperte grazie a "storiadellamusica"...

Ciò doverosamente precisato, scusate, ma non riesco a capire una cosa...ho 37 anni, ascolto musica (principalmente rock) da sempre, e, nell'ascolto, mi piace sperimentare, osare, riflettere, andare alla ricerca di "tesori nascosti" e scoprire mondi nuovi, senza pregiudizi, ma solo spinto dall'amore per la musica...ebbene, venendo al punto...ho acquistato da qualche anno questo lavoro dei MBV spinto dalla curiosità e dalle entusiastiche recensioni lette su tutte, ma proprio tutte le riviste specializzate, nessuna esclusa (questo sito compreso...) e allora vi chiedo: dove sbaglio nel ritenere questo disco, dopo innumerevoli ascolti, assolutamente insignificante, al limite dell'ascoltabile? Ok, si parla di noise, di maestri e precursori dello shoegaze, ma loveless è stato dipinto ovunque come un capolavoro assoluto, pilastro imprescindibile della musica tutta, o quanto meno della musica degli anni 90 (per quanto possano valere queste classifiche poste in termini assolutistici), perciò non vale il discorso relativo al genere musicale che potrebbe non piacermi (ed infatti, gli slowdive - per rimanere in tema - li adoro..)....insomma, non sò capire, pessima produzione, suoni disequilibrati, chitarre distorte, voce incomprensibile, melodie appena accennate, campionature ripetitive...non c'è assolutamente nulla che non mi piaccia in questo disco, ma se non l'ho ancora venduto è perchè forse sbaglio qualcosa nel giudizio...ed ecco allora la domanda iniziale: dove sbaglio?

P.S.

A Marco (che credo, fra l'altro, tu sia dalle mie stesse parti) e DonJunio, vi stimo un sacco, siete due ottimi recensori e avete scritto delle bellissime pagine su questo sito...avete dato 10 al questo album, perchè non lo capisco?

...Avrei voluto aprire una discussione sul forum (e magari lo farò girando qst stesso commento...) ma non mi sembra molto frequentato...grazie ancora e ciao!

Lux (ha votato 9 questo disco) alle 12:40 del 10 aprile 2008 ha scritto:

Ci provo io in due paroline sceme?

Se vuoi posso risponderti io swansong Dunque sulla produzione, ovviamente il muro di distorsioni eteree è voluto, per rendere il tutto più inafferabile, le melodie accennate devono soffocare nelle distrorsioni per accentuare l'effetto "profondità": in questo modo, a parte risultare più originali, lasciano all'ascoltatore l'interpretazione di "immaginarsela" la linea vocale, come qualcosa che venga da lontano che si vede nei contorni, ma non si scorge chiaramente. In pratica, su tracce strutturalmente Pop si innesta un'ambiguità di fondo che rende l'opera quanto di meno scontato si possa concepire..Una cavalcata eterea, che come tale dovrebbe essere letta. Una specie di musica sognata, ecco. A me è capitato a volte di sognare la musica mentre dormivo, e l'effetto era qualcosa di poco catturabile nella forma, pur scorgendo comunque la sostanza. Un pò come Loveless

Mr. Wave (ha votato 10 questo disco) alle 20:00 del 6 giugno 2008 ha scritto:

Pietra Miliare!

arte astratta, una dimensione parallela, un sogno ad occhi aperti.

superPOP girl (ha votato 8 questo disco) alle 13:48 del 30 dicembre 2009 ha scritto:

RE: Pietra Miliare!

Ottima definizione!

Dr.Paul alle 16:57 del 24 giugno 2008 ha scritto:

be swansong se la questione non è il genere musicale, se la questione non è ascolti distratti e frettolosi, da quanto dici lo hai ascoltato piu volte e con il giusto impegno...semplicemente nn ti piace, mica deve per forza piacerti tutto, torno su questa discussione xche dopo la recente reunion dei succitati ho visto che a londra il finale di concerto è stato 30 minuti consecutivi di noise assordante tipo reattore nucleare (cerca youtube), una bravata senza senso che il pubblico giovanissimo sembra aver gradito, vabe che i MBV qualsiasi cosa fanno è figa e fatta bene, ma insomma..passata una certa età...passati anche i MBV...parere mio...

swansong (ha votato 4 questo disco) alle 17:47 del 7 luglio 2008 ha scritto:

RE: Grazie Dr. Paul...

hai ragione da vendere, in effetti, passata una certa età, passano anche tanti amori (musicali), ma, chissà perchè, alcuni rimangono sempre più splendenti! Chi ha detto Led Zeppelin?

ThirdEye (ha votato 10 questo disco) alle 2:52 del primo ottobre 2008 ha scritto:

Una sola parola...Incantevole....Visti anche dal vivo all epoca e....Non ho parole..

dario1983 (ha votato 9 questo disco) alle 13:00 del 24 marzo 2009 ha scritto:

album stupendo che sto riscoprendo in questo periodo dopo anni di scaffale. La prima cosa che salta all'orecchio è che suonano molto Smashing Pumpkins.... oppure gli Smashing Pumpkins suonano molto My bloody valentine...

viveur (ha votato 10 questo disco) alle 21:53 del 19 agosto 2009 ha scritto:

CA-PO-LA-VO-RO!

loson (ha votato 10 questo disco) alle 17:21 del 7 novembre 2009 ha scritto:

Close my eyes / Feel me high / I don't know, but you could not love me now / You'll know / And I feel down to / Over there, and I want to love to view / You can hide / Oh my love, but where to? / You can see or cannot on the way I do.

modulo_c (ha votato 10 questo disco) alle 15:36 del 12 dicembre 2009 ha scritto:

che bomba

Grazie a questo sito fantastico, ai suoi bravi recensori e commentatori, ho ascoltato questo disco, cosa che non avrei fatto altrimenti, non essendo il genere fra le mie "prime scelte". Dunque grazie a tutti. Il disco e' stupendo, un insieme di suoni sognanti ed onirici.

FrancescoB (ha votato 10 questo disco) alle 15:11 del 30 dicembre 2009 ha scritto:

Disco spaziale, avete già detto tutto. Come sentire un gruppo noise che suona pezzi dream-pop immerso nell'acqua. Ma poi soprattutto c'è una serie clamorosa di canzoni inarrivabili.

4AS (ha votato 9 questo disco) alle 17:36 del primo aprile 2010 ha scritto:

Disco impeccabile, strati di feedback assordanti e un grande senso di straniamento (quando lo ascolto provo una strana sensazione di "goduria/disagio"). Il massimo dei voti però va a "Just for a day" degli "Slowdive", mi emoziona di più.

galassiagon (ha votato 6 questo disco) alle 9:26 del 6 aprile 2010 ha scritto:

boh

Disco inascoltabile, pretenzioso, ultraprodotto in maniera molto originale(e qui sta molto del suo fascino). Molto più interessante per come è suonato meno per cosa è suonato.

I Sonic Youth sono immensamente più emozionanti.

salvatore (ha votato 10 questo disco) alle 12:42 del 6 aprile 2010 ha scritto:

Qui c'è solo da inchinarsi...

salvatore (ha votato 10 questo disco) alle 23:24 del 27 settembre 2010 ha scritto:

Ieri ascoltavo Loveless, oggi se ne parlava in coda alla recensione degli Slowdive... Tanto per essere precisi, se non fosse arrivato questo album capolavoro nel '91, la palma per il miglior album shoegaze spetterebbe sempre e comunque a Shields e soci. Isn't anything si becca un bel 10 senza se e senza ma, a mio parere!

Liuk Pottis alle 11:46 del 16 novembre 2010 ha scritto:

Un sogno...

Questo disco è un sogno...

folktronic (ha votato 8 questo disco) alle 12:03 del 16 novembre 2010 ha scritto:

In effetti disco musicalmente geniale ed esteticamente bellissimo....ma non l' ho ascoltato quanto altri capolavori....diciamo che alla lunga annoia un po'....

madcat (ha votato 10 questo disco) alle 11:11 del 16 marzo 2013 ha scritto:

capolavoro, estremamente rilassante usando tonnellate di distorsioni

gigino (ha votato 0,5 questo disco) alle 8:17 del 5 luglio 2013 ha scritto:

Questo album è una cagata pazzesca !

Mi sono rincretinito se giudico i MBV inascoltabili ? Boh, mi state facendo venire il dubbio.

gigino (ha votato 0,5 questo disco) alle 8:17 del 5 luglio 2013 ha scritto:

Questo album è una cagata pazzesca !

Mi sono rincretinito se giudico i MBV inascoltabili ? Boh, mi state facendo venire il dubbio.

tramblogy alle 9:38 del 5 luglio 2013 ha scritto:

Bhe non e' justin bibier....

Lepo (ha votato 10 questo disco) alle 16:25 del 12 dicembre 2013 ha scritto:

Meno di 10 non si può. Disco perfetto, inutile aggiungere altro.

zagor (ha votato 8 questo disco) alle 17:10 del 12 dicembre 2013 ha scritto:

disco eccellente, sempre affascinante il contesto sonoro creato da shields e moulder, giusto 2-3 brani non mi convincono.

Mattia Linea (ha votato 8 questo disco) alle 18:00 del 18 agosto 2014 ha scritto:

Una potenza incredibile, un muro di suoni che, letteralmente, ti pettina. Le due chitarre creano effetti stranissimi, distorsioni angeliche e linee melodiche sviolinanti. Ascoltare questo disco è come farsi un acido: la voce e la batteria sono un eco lontano, quasi impercettibile. Tutto ciò che ci viene scaraventato contro è il suono delle chitarre, e ci sembra di essere oggetto e soggetto allo stesso tempo di un sogno. Consigliato, va ascoltato per capirlo. E' uno di quegli album che viene apprezzato solo se ascoltato in determinate circostanze.

sx19 alle 11:57 del 18 novembre 2014 ha scritto:

"dopo l’utilizzo di sedici ingegneri del suono, dopo due anni e mezzo di lavorazione"

Ci credo... difficile far uscire qualcosa di decente e di anche solo lontanamente ascoltabile da registrazioni simili.

Che poi uno riesca a trovare "bello" questo genere... significa farsi degli stessi acidi che usava chi ha pensato, scritto e registrato questo disco.

O magari si tratta di funghi allucinogeni.

Ah ok... è un disco sperimentale, volutamente fatto con i piedi, per sperimentare una nuova terapia sonora in alcuni centri di recupero mentale.

Ok, ci sta.

Mattia Linea (ha votato 8 questo disco) alle 17:07 del 18 novembre 2014 ha scritto:

Io credo che al mondo si debba essere (sempre e comunque) obiettivi. Il disco non ti è piaciuto? Perfetto. Ma ti rendi di quanto sia imprescindibile quest'album per tutta una serie di musicisti dagli anni '90 in poi? Ti rendi conto dell'importanza che ha avuto questo disco nel panorama chitarristico ed effettistico?

Personalmente (questa è obiettività), ritengo che i dischi "fatti con i piedi" siano altri.

sx19 alle 17:27 del 18 novembre 2014 ha scritto:

Sicuramente per i chitarristi può essere stato un disco molto interessante... praticamente si possono percepire 1000 pedalini di effetti utilizzati contemporaneamente.

A parte questo è un disco che suona male, è fastidioso, non concepito da una persona che ama la musica... piuttosto da qualcuno che ha qualche disagio interiore e vuole esternarlo in musica.

Ma se io vedo un pazzo che fa la cacca sui fiori... sicuramente non mi metto ad ammirarlo, piuttosto cerco di starne alla larga.

Credo che questo "shoegaze" sia un qualcosa di molto lontano dalla musica, credo sia un qualcosa di sperimentale, un qualcosa di udibile con le orecchie e che si fa utilizzando strumenti musicali... ma che non posso di certo includere nell'insieme della MUSICA.

Poi ognuno è libero di fare ciò che crede... così come esistono assassini e psicopatici che uccidono per la propria gioia mentale, esistono anche musicisti che si cimentano in questo genere di NON-musica.

Detto questo credo siano altri i dischi chitarristici (visto che stiamo tirando in ballo le chitarre) che un chitarrista dovrebbe ascoltare...

Parliamo sempre di chitarristi che ambiscono ad essere chitarristi... se invece parliamo di chitarristi che date le loro carenze musicali (o follie mentali) si rifugiano in generi di questo tipo, dove ci si può rifugiare nella giustificazione del "genere" o della "sperimentazione" o del fatto che suonano in quel modo in maniera volontaria per dimostrare la loro lucida follia o un disagio mentale, è ben altro discorso.

Non credo che tutti i migliori chitarristi che conosco si metterebbero mai neanche a PENSARE di poter suonare questa roba.

E' come se i più grandi pittori, fotografi, disegnatori... prima di pubblicare un'opera ci buttassero sopra fango e polvere... così, tanto per rendere l'opera più profonda... più introspettiva...

Magari lo può fare un pittore o un fotografo SCARSO, così per creare un qualche tipo di interesse intorno alle proprie opere di scarso livello artistico...

Qui si parla di un genere musicale che ha poco a che vedere con la bellezza della musica e che è solo il frutto degli acidi, dei funghi allucinogeni, della noia alla quale arrivano certi musicisti e compositori incapaci di creare qualcosa.

Di certo nel '700 Beethoven e Mozart non si sarebbero mai sognati di fare cose simili.

fabfabfab alle 17:29 del 18 novembre 2014 ha scritto:

Ti prego sx19 fammi i nomi, di codesti chitarristi....

luin alle 17:32 del 18 novembre 2014 ha scritto:

Non solo, a questo punto vogliamo sapere anche la definizione di MUSICA

sx19 alle 17:41 del 18 novembre 2014 ha scritto:

Non serve fare nomi... a me pare talmente evidente che questo disco è un tripudio di sonorità spiacevoli che mi sembra assurdo doverne anche discutere...

Poi ognuno ha il proprio orecchio ed è libero di ascoltare ciò che crede... ci mancherebbe.

fabfabfab alle 17:45 del 18 novembre 2014 ha scritto:

Sì ma dimmi cosa ascolti: Cristina D'Avena, i Carcass, i Ricchi e Poveri, i Genitortures, Shostakovich, gli Umbelievable Cazzons.... cosa ti piace?

Mattia Linea (ha votato 8 questo disco) alle 19:03 del 18 novembre 2014 ha scritto:

Immagino la risposta sia i vari Steve Vai, Joe Satriani, John Petrucci,...

Gente che con la loro tecnica spaventosa, con la loro meticolosità nell'applicarsi allo strumento e nel loro virtuosismo ai limiti del possibile non riuscirà mai ad entrare nei manuali di musica ma - soprattutto - nei cuori di nessun degno ascoltatore di musica. Che tristezza questi discorsi. Mi viene solo da pensare una cosa: ben vengano questi chitarristi affetti da "carenza tecnica" come dici tu. Gente che ha DAVVERO cambiato le cose. Altro che il G3... mo scherser mia (direbbe mia nonna!)

sx19 alle 19:10 del 18 novembre 2014 ha scritto:

Non ho mai nominato quel tipo di chitarristi che, anche a mio parere, lasciano il tempo che trovano

Lepo (ha votato 10 questo disco) alle 22:39 del 18 novembre 2014 ha scritto:

Via i riccardoni dai My Bloody Valentine!

Mattia Linea (ha votato 8 questo disco) alle 8:04 del 19 novembre 2014 ha scritto:

Perdonami, cosa significa?

REBBY alle 8:08 del 19 novembre 2014 ha scritto:

Dai Mattia scrivi riccardoni o riccardone su Google ... Anch'io non conoscevo prima il suo significato! Eheh

Lepo (ha votato 10 questo disco) alle 9:59 del 19 novembre 2014 ha scritto:
sx19 alle 12:48 del 19 novembre 2014 ha scritto:

Ahahah! Ne conosco molti in effetti... ma ahimè non è il mio caso... Mi dispiace.

Lepo (ha votato 10 questo disco) alle 14:14 del 19 novembre 2014 ha scritto:

Meglio per te non devi affatto dispiacertene!

sx19 alle 14:26 del 19 novembre 2014 ha scritto:

baronedeki (ha votato 6 questo disco) alle 18:34 del 19 ottobre 2016 ha scritto:

Kevin Shields è un genio oppure no , veramente voleva fare un album che sembrasse un demo o la casa discografica non ne potesse più del suo sforamento di budget . Sarà stato influente per molti chitarristi ma tranne due canzoni è inascoltabile.Tutti ne parlate bene ma quanti di voi continuano ad ascoltarlo. Non vergognatevi di andare controcorrente perché tanti si sono accodati per non sentirsi dire che di musica non ne capiscono perché quest'album è per soli competenti

zagor (ha votato 8 questo disco) alle 19:40 del 19 ottobre 2016 ha scritto:

e' un bel disco dai, certo non un capolavoro ( un po' sopravvalutato come tutto lo shoegaze, genere di cui e' indubbiamente l'apice) ma piacevole e appagante ( certo, non da ascoltare tutti i giorni, puo' portare alla narcolessia)

Lepo (ha votato 10 questo disco) alle 20:02 del 19 ottobre 2016 ha scritto:

Ma come sopravvalutato lo shoegaze Zagor?? :O

Su questo disco: io lo ritengo un capolavoro, ma non di certo l'unico del genere e nemmeno il migliore.

FrancescoB (ha votato 10 questo disco) alle 20:04 del 19 ottobre 2016 ha scritto:

Per me questo è invece un disco davvero straordinario per idee, concezione del suono e persino pathos. Il resto del genere lo seguo e digerisco decisamente meno, salvo sporadiche eccezioni. Ma "Loveless" è fra i "dieci" che assegno senza troppi dubbi.

zagor (ha votato 8 questo disco) alle 20:15 del 19 ottobre 2016 ha scritto:

si' pero a livello compositivo e' un po' monocorde dai, le canzoni si assomigliano un po' tutte, non bastano le vocine da fatina perduta nel bosco, la super produzione e le distorsioni chitarristiche a celare cio' a mio avviso....poi oh e' un bel disco, ma i capolavori e le opere imprescindibili per me sono altri @lepo, sorry ma in quegli anni per me c'erano generi piu' entusiasmanti, comunque loveless, nowhere o quelli degli swervedriver sono buoni dischi che quando capita rimetto sul piatto con piacere ( con "loveless" l'ho fatto proprio da poco e me lo ricordavo migliore lol)

baronedeki (ha votato 6 questo disco) alle 20:07 del 19 ottobre 2016 ha scritto:

Quest'album è come un libbro scolastico utile ed istruttivo ma se vuoi fare una lettura appagante sono altri i libbri da leggere

baronedeki (ha votato 6 questo disco) alle 20:09 del 19 ottobre 2016 ha scritto:

Che errore scusate

baronedeki (ha votato 6 questo disco) alle 20:10 del 19 ottobre 2016 ha scritto:

Che errore scusate

baronedeki (ha votato 6 questo disco) alle 20:11 del 19 ottobre 2016 ha scritto:

Che errore scusate

baronedeki (ha votato 6 questo disco) alle 20:11 del 19 ottobre 2016 ha scritto:

Che errore scusate

zagor (ha votato 8 questo disco) alle 20:22 del 19 ottobre 2016 ha scritto:

beh a roma si dice davvero libbro con due b lol

fabfabfab alle 20:25 del 19 ottobre 2016 ha scritto:

posso dire che è il commento più bello del sito?

baronedeki (ha votato 6 questo disco) alle 20:43 del 19 ottobre 2016 ha scritto:

Grazie per la comprensione

Giorgio_Gennari (ha votato 9 questo disco) alle 17:58 del 9 marzo ha scritto:

Una domanda mi sorge spontanea: chi cazzo sono gli Oasis?

zagor (ha votato 8 questo disco) alle 19:13 del 10 marzo ha scritto:

un gruppo i cui leader erano sosia rispettivamente di Leonid Breznev e Andrea Agnelli.