R Recensione

5/10

British Sea Power

Do You Like Rock Music?

Avevano fatto gridare al miracolo i British Sea Power con un esordio sfavillante (correva l’anno 2003 quando usciva l’ottimo The decline of the british sea power) che rimescolava le carte del brit-pop pescando tra le sonorità più squisite degli 80s (le chitarre sbilenche dei Pixies, il raffinato pop-wave degli Echo and the Bunnymen) e strizzando l’occhio ad un certo tipo di punk (ovviamente britannico, alias Buzzcocks) accompagnato da devastazioni noise appena accennate (con i dovuti ringraziamenti ai Sonic Youth).

Il successivo Open season del 2005 perdeva impietosamente il confronto con l’esordio: nonostante il permanere di soffuse sonorità dark-wave il gruppo abbandonava lo sferzante ibridismo degli esordi per un solido quanto inconcludente pop da camera, troppo elaborato (qualcuno ha notato giustamente certe tendenze glam nonchè una certa affinità con i Suede) e languido per competere non solo con il proprio ego passato ma anche con gruppi di maggiore qualità compositiva come Coldplay, Belle and Sebastian, Arcade Fire e Okkervill River.

Si arriva quindi a Do you like rock music?, terzo capitolo della band inglese per il quale sono stati reclutati il batterista Howard Bilerman (ex Arcade Fire) ed Efrim Menuk alla produzione, a dare un tocco di linfa post-rock dall’alto della passata esperienza nei Godspeed You! Black Emperor. In realtà l’influenza di quest’ultimo sul gruppo è ridotta all’osso e senza particolari effetti benefici: scorie post-rock si ritrovano nello strumentale The great skua e in We close our eyes, in cui ci si diverte a dilatare e espandere il tema di All in it, brano d’apertura del disco. Purtroppo il resto del disco non sembra riscattare questi momenti mediocri.

Si salvano episodi scorrevoli e di buon piglio come Lights out for darkier skies (dalla chitarra tagliente e ficcante) e due brani come Down on the ground e A trip out, di fatto gli Stone Roses riletti in chiave revival wave. Al di là di brani semplicemente piatti come Open the door e di classiche ballatone standard di gusto mummificato come No need to cry si nota una certa tendenza a pescare qua e là nel “patrimonio” musicale wave-rock contemporaneo: così se Atom puzza di scialbo brit-pop alla Maximo Park numerosi sono gli spunti che riportano alla mente Editors, Arcade Fire, Killers e soprattutto Interpol di cui i British Sea Power sembrano aver seguito la funesta via verso la ricerca di una epicità esagerata e di una produzione esausta di arrangiamenti.

La sensazione è che manchino spontaneità e freschezza e che spesso in brani di pur elevato spessore compositivo ci sia troppa carne al fuoco. Se canzoni come No lucifer e Waving flags (quest’ultima un pop wave venato di darkeggiante malinconia) sono più scorrevoli ed efficaci il loro contraltare sta in pezzi come All in it e Canvey island in cui si esprime al meglio l’inconcludenza del gruppo. Non resta allora che rimandare a settembre questi giovanotti inglesi, sperando che rimettano le loro ottime capacità melodiche al servizio di una musica più sincera e genuina.

V Voti

Voto degli utenti: 7,1/10 in media su 7 voti.
10
9,5
9
8,5
8
7,5
7
6,5
6
5,5
5
4,5
4
3,5
3
2,5
2
1,5
1
0,5
REBBY 8/10
target 6/10
zanmat 7/10

C Commenti

Ci sono 5 commenti. Partecipa anche tu alla discussione!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.

simone coacci (ha votato 7 questo disco) alle 17:21 del primo febbraio 2008 ha scritto:

7/8

Guarda, rispetto il tuo punto vista, ma non sarei così severo. A me a tratti ricordano una versione meno campagnola e rigorosa (e religiosa) degli Arcade Fire ibridata con l'indie core revisionista dei Replacements, in altri momenti, invece, la pianta del loro pop-wave stilizzato tipicamente "british" (echo and the bunnymen, sicuramente, o i primi Simple Minds) protende il fusto verso l'altra sponda dell'Atlantico, fino a stormire da qualche parte fra le orchestrazioni psichedeliche Godspeed you black emperor o Flaming Lips, Mercury Rev.

Non conosco gli altri due album ma qui le canzoni mi sembrano decisamente buone (No Lucifer, lights out for darker sky, Down on the ground). C'è pure il sunshine pop avvenente e spudorato (cantato alla Yo la tengo, per la vergogna) di "Open the door", che volete di più? . Un consiglio agli ascoltatori, non liquidatelo subito, c'è del buono.

P.S: Senza togliere che, analiticamente parlando, Pascale ci ha dato tutti riferimenti più che giusti, poi i gusti son gusti, ci mancherebbe.

Peasyfloyd, autore, alle 17:49 del primo febbraio 2008 ha scritto:

questa mancanza di rispetto merita di essere lavata col sangue. Ti sfido a duello! (ahahah)

REBBY (ha votato 8 questo disco) alle 8:21 del 26 febbraio 2008 ha scritto:

E io farò da padrino al marchigiano! Faccio mio

comletamente l'intervento di Simone.

REBBY (ha votato 8 questo disco) alle 8:59 del 26 febbraio 2008 ha scritto:

p

zanmat (ha votato 7 questo disco) alle 14:26 del 28 luglio 2009 ha scritto:

secondo me è un buon disco. quest'aura epica e religiosa che trasmettono non mi dispiace (se c'è sostanza)